Piazza Garibaldi, regna il degrado

da | Feb 26, 2022 | Primo piano

Già scomparsi gli effetti positivi del restyling: ovunque illegalità, incuria ed abbandono

Le macerie di dieci anni di amministrazione de Magistris sono rinvenibili facilmente in tutta la città. Ma il degrado, che per onestà intellettuale, dobbiamo ammetterlo, esisteva (seppur non in questa misura) a Piazza Garibaldi, è diventato davvero insopportabile per una città che si è aperta e vorrebbe continuarsi ad aprirsi al turismo di massa.
Eppure solo due anni e mezzo fa era stata inaugurata in pompa magna la piazza rimessa a nuovo dopo sette lunghissimi e interminabili anni di lavori. Bella perché nuova e pulita. Bruttissima dal punto di vista architettonico, tanto brutta da far nuovamente rimpiangere quella bellissima vecchia stazione di epoca borbonica (ma inaugurata nel 1867) incredibilmente falcidiata a colpi di piccone da amministratori scriteriati alla fine degli anni ’50 del secolo scorso. I giardinetti (si fa per dire) e gli spazi destinati ai bambini già versano nello squallore e nell’incuria. Sono solo il bivacco per extracomunitari che lì vi abbandonano di tutto e che continuano, indisturbati, ad utilizzarli, nella parte più vicina alla statua di Garibaldi per il mercatino delle cianfrusaglie ogni domenica. Un discorso a parte merita il problema dei controlli notturni. Tutta la zona sottoposta a restyling e puntellata da orridi pilastri in acciaio (è l’urbanistica moderna, bellezza!) diventa proprietà esclusiva di drogati, spacciatori e prostitute. Tutti alla luce del sole, o meglio solo parzialmente nascosti dal buio delle tenebre. Indisturbati.

Il giudizio sulle scelte che hanno portato il celebre urbanista francese Dominique Perrault a ideare come arredo per la piazza questa sorta di aridi grandi ombrelloni è ovviamente soggettivo. Ma certo il progettista deve aver avuto un’idea geniale a non pensare ad una copertura del sottostante spazio che conduce dalla metro alla stazione ferroviaria (e viceversa). E come se uno progettasse un ombrellone pieno di buchi. Il risultato è che quando piove gli sventurati pedoni che non abbiano un ombrello, perché magari sono partiti da una località in cui splendeva il sole, sono destinati ad inzupparsi. Era evidente che il percorso comunicante fra i terminali dei due mezzi di trasporto doveva essere protetto. Quasi elementare. E invece no. Molte delle moderne e visionarie progettazioni degli architetti contemporanei passano alla storia dell’urbanistica. Quelle di piazza Garibaldi, a nostro avviso, non le ritroveremo citate sui libri. E nel frattempo i poveri napoletani viaggiatori o i poveri turisti continueranno a bagnarsi come pulcini.
Ma il degrado della piazza che dovrebbe essere il biglietto di presentazione della città non si ferma qui. Basti solo pensare che a luglio dell’anno scorso De Luca con la sua solita enfasi annunciava protocolli che avrebbero dato a piazza Garibaldi “qualità internazionale”.

Recentemente è stato inaugurato, sulla scorta di quanto è già avvenuto a Roma e Milano, la Food Hall, la galleria del cibo. Quattromila metri quadrati dedicati alla ristorazione di qualità e alla gastronomia, distribuiti su due piani e aperti dalle 7 alle 22. Un piccolo gioiello di eleganza, di modernità e di utilità per i viaggiatori e non solo.
Ebbene proprio davanti a quella che è oggi l’entrata esterna su Corso Novara c’era un assembramento di clochard da anni. Il 16 settembre, giorno dell’inaugurazione, sono stati allontanati. Il 17 settembre sera, alle 22.01 in punto, calate le saracinesche, sono ritornati, con quanta gioia per gli imprenditori che hanno investito milioni di euro è facile intuire. E molti di loro si sono spinti anche esattamente davanti all’uscita centrale della stazione. Da allora nessuno li ha più allontanati. Una vergogna, soprattutto nei loro confronti, visto che nessuno, il nuovo sindaco compreso, riesce a trovar loro e ad obbligarli ad una sistemazione umana e civile. Basti solo pensare a tutte le occupazioni abusive di palazzi di proprietà del Comune. Manfredi non avrebbe bisogno del miliardo del patto per Napoli, trovare un tetto ai questi disperati potrebbe farlo a costo zero. Ma il nuovo sindaco sta ancora attraversando una fase di studio, sono ormai cinque mesi che stiamo vanamente aspettando che batta un colpo. E non solo sulla questione clochard.
Che dire poi dei truffatori del “gioco delle tre tavolette” che imperterriti continuano ad abusare degli ingenui che ancora, siamo nel 2022, si fermano attirati dalla prospettiva di lucrare un inaspettato guadagno e finiscono per essere spennati come polli? Poliziotti, carabinieri, vigili urbani, ci siete? E qualcuno degli appartenenti all’ordine pubblico si è mai posto il problema dei venditori abusivi, delle bancarelle, dell’occupazione di suolo pubblico che soprattutto sul lato destro per chi esce dalla stazione offrono uno spettacolo complessivo di caos e di disordine?
Infine una chicca. Un altro anonimo genio (si suppone facente capo alle Ferrovie) ha stabilito che i viaggiatori che scendono dal treno, terminato il percorso del binario, per imboccare l’uscita dalla stazione debbono obbligatoriamente convergere sull’estrema sinistra e di lì svoltare a destra. Il giro del mondo, una vera e propria maratona per chi arriva ad uno dei primi binari. Una trovata davvero originale, comoda certamente per chi deve dirigersi poi verso il lato sinistro o verso corso Arnaldo Lucci. Ma decisamente strampalata se giudicata da chi deve invece imboccare le strade che stanno sulla destra, via Firenze e Corso Novara. Perché bloccare le uscite centrali? C’è qualcuno, cortesemente, che sia in grado di fornire una risposta convincente e razionale a questa assurda decisione?

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: ben 12 nomination ai “Grandi Maestri” dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Questa sera (diretta su Rai Uno dalle 21.25) negli studi di Cinecittà per la cerimonia di premiazione della 67esima edizione dei David di...

Lavoro, è il boom dell’archeologo tecnologico

Lavoro, è il boom dell’archeologo tecnologico

di Federico Marazzi * In Campania l’eccellenza della formazione è all’Università Suor Orsola Benincasa Immaginate di vedere per la strada un’auto d’epoca, esteticamente affascinante, capace di ottime performances, ma a prezzo di consumi di carburante decisamente...

Come tutelare il nostro “oro blu”

Come tutelare il nostro “oro blu”

Iniziativa per la candidatura Unesco delle acque sorgive del Golfo a “patrimonio dell'Umanità”. I dati, le ipotesi “Facile aprire il rubinetto ed avere a disposizione una delle acque più pregiate, più controllate d’Italia. Ma ciò richiede un grosso sforzo tecnico, una...

Calcio, l’Italia s’è persa

Calcio, l’Italia s’è persa

Come ripartire dopo la delusione della Nazionale Riparte il campionato e sarà volata tutta d’un fiato fino al 22 maggio quando conosceremo l’esito del torneo più incerto ed emozionante da 10 stagioni a questa parte. Si riparte con gare importantissime ai fini della...

La figuraccia di Milano e l’esempio di Napoli

La figuraccia di Milano e l’esempio di Napoli

Il direttore d’orchestra russo Valery Gergiev cacciato dalla Scala di Milano solo perché non ha accettato l’imposizione di dire due parole contro Putin e contro la sua guerra prima di un’esibizione. Un corso sul grande scrittore russo Fedor Dostoevskij annullato alla...

La stazione che fa acqua da tutte le parti

La stazione che fa acqua da tutte le parti

Metropolitana, Salvator Rosa tra secchi di plastica e “portoghesi”. Una vergogna continua Il battagliero consigliere comunale Nino Simeone ne ha fatto, giustamente, un caso. Non si è mai visto, da nessuna parte al mondo, che per collaudare treni nuovi da immettere in...

Napoli, via Domenico Fontana: residenti in pericolo

Napoli, via Domenico Fontana: residenti in pericolo

È da venerdì 18 marzo che in via Domenico Fontana, all’altezza del civico 115, tra l’ingresso pedonale della Parrocchia di Santa Maria Antesaecula e l’accesso alto del Parco Montedonzelli, staziona un “senza fissa dimora”. Per quanto commossi dal senso di Pietas e dal...

Napoli, meno ansia

Napoli, meno ansia

Gli azzurri “tradiscono” quando aumenta la pressione Diciamolo francamente: a Napoli ce la suoniamo e ce la cantiamo come vogliamo a seconda dello spirare del vento, soprattutto quando l’oggetto o il sogno delle nostre fantasie, viene meno ribellandosi a etichette,...

Wilson, laziale sì. Ma soprattutto napoletano

Wilson, laziale sì. Ma soprattutto napoletano

L’omaggio al grande difensore ex Internapoli morto nei giorni scorsi a Roma Se ne è andato all’improvviso, accompagnato dall’omaggio scontato e doveroso di tutto il mondo calcistico laziale. Prima la bara esposta nella camera ardente poi un funerale, a Roma, con la...

Morte di Ornella, a maggio la sentenza

Morte di Ornella, a maggio la sentenza

Il processo all’ex compagno della docente uccisa un anno fa. Lunedì incontri alla Uil e al Liceo artistico Un otto marzo trascorso col pensiero rivolto alle donne russe e ucraine… Intanto in Italia non si ferma la violenza di genere: 118 le vittime di femminicidi nel...

Errore medico: quando c’è il risarcimento

Errore medico: quando c’è il risarcimento

Lo Studio Rubinacci-Molaro spiega la normativa che regola la responsabilità sanitaria Con l’articolo di oggi lo Studio legale degli avvocati Giovanni Rubinacci ed Andrea Molaro, si occupa della tematica del risarcimento del danno derivante dall’errore del medico...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te