Napoli, lavora e sogna!

da | Ott 16, 2021 | Primo piano

Spalletti ha rivitalizzato un ambiente che sembrava in piena crisi dopo il Verona

Convinto e determinato, diretto come mai e con il suo sguardo, a tratti luciferino, Luciano Spalletti si era presentato così da allenatore di un Napoli dell’anno zero dopo la delusione di maggio e della Champions fallita più che per un solo punto per la disgraziata follia di un gruppo fino a sette giorni prima degli ultimi novanta di campionato unito e compatto con il suo allenatore.
Non era facile il compito di Spalletti, tifosi delusi e arrabbiati, un presidente in rotta con tutti, a cominciare dal diesse Giuntoli fino ai giocatori, molti dei quali, i migliori, con la valigia pronta. S’è rimboccato le maniche Luciano da Certaldo, senza cucirsi addosso il ruolo di salvatore, di numero uno, ma di saggio contadino che si è preoccupato e si preoccupa del raccolto quotidiano e non pensa a quello del domani. Pochi proclami e solo fatti, tanti fatti e proponimenti chiari già in pieno mercato: “Rispetto il presidente e le sue necessità, ma se non mi tocca questo gruppo a me la squadra sta già bene così”.
Proponimenti da aziendalista e di sano realismo di cui aveva tremendo bisogno un club che doveva ripartire da una stagione finita in macerie, chiusa dall’addio di un tecnico, Gattuso, stimato da molti per la sua onestà intellettuale.

Il Napoli doveva rinascere e ripartire con dei valori e dei principi solidi. Spalletti nel segno di questi principi ha delineato e spiegato in modo straordinariamente chiaro ed efficace il suo pensiero, il suo modo di lavorare, di essere, di agire. Così, quello che passava per un allenatore inquieto, sempre in cerca di… nemici nello spogliatoio, è diventato il collante del club, di dirigenti, staff e giocatori compresi con i tifosi. Non si vincono sette partite consecutive in campionato se le idee di calcio, il culto maniacale del lavoro, la voglia di essere protagonisti, non sono stati trasferiti ed assimilati dal gruppo in modo totale. Ma Spalletti ci è riuscito continuando a tenere a freno un ambiente sempre stato troppo schizofrenico e non solo negli ultimi anni. Quasi benedettino nel suo credo lavorativo: “Ora et labora”. Preghiera, per mantenere concentrazione e piedi ben saldi per terra; lavoro, tanto: tecnico, tattico, atletico, ma soprattutto, azzardo senza tema di smentita, psicologico. Trasformare, cioè una squadra di indubbio talento ma troppo spesso evanescente, timorosa, umorale e incostante, in un gruppo finalmente maturo, consapevole dei propri valori e dei propri mezzi tecnici, ma soprattutto forte caratterialmente. Ha rigenerato Koulibaly e Fabian Ruiz mentalmente e tecnicamente, facendo diventare il primo il “comandante” del gruppo, il secondo il faro del gioco. Ha dato a Insigne, in scadenza di contratto, il ruolo di leader maximus, con l’ingrato compito, per Lorenzo, di sopportare, però, sostituzioni e panchine con il sorriso sulle labbra per il bene del gruppo e per dare l’esempio a tutti da capitano. Ha “allevato” più che allenato Osimhen con l’attenzione e la delicatezza che si deve ad un diamante grezzo da lavorare con estrema cura per farne un gioiello unico nel suo genere. Il resto della truppa, dal neo arrivato Anguissa a Elmas e Zielinski, da Politano a Lozano, da Lobotka a Demme, per non parlare dei “nuovi” Rhamani, Mario Rui e Di Lorenzo, non è altro che la conferma di una continuità trovata con il sudore della fatica quotidiana e con la voglia di vincere divertendo e divertendosi. Ci sembra un Napoli unito, forte, determinato, che dopo sette giornate di campionato e ventuno punti conquistati, ora deve giocare a carte scoperte per un obiettivo difficile ma non impossibile. Un Napoli che può e deve far sognare i tifosi. Anche se Spalletti, da saggio uomo di campagna, non più tardi di un mese fa ricordò a tutti: “Sono un po’ contadino e per noi sognare non è mai prudente”. Sognare, forse no… ma sperare in un gran raccolto dopo un gran lavoro e dopo due stagioni magre è d’obbligo. Anche per il contadino Spalletti.

Suor Orsola parla le “lingue” del lavoro

Suor Orsola parla le “lingue” del lavoro

di Giovanni Basile Innovazione didattica e placement dei laureati: la soddisfazione degli studenti dell’Ateneo napoletano La laurea conseguita all’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli risulta più efficace del 15% rispetto alla media nazionale. È quanto emerge...

E a Salvator Rosa i secchi ormai sono “decori”

E a Salvator Rosa i secchi ormai sono “decori”

Non appena piove a Napoli, nella stazione Salvator Rosa della Linea 1 della metropolitana, spuntano diversi secchi che vengono posizionati dal personale dell’Anm per raccogliere l’acqua piovana che cade dall’alto e arriva fino alla banchina. I secchi ormai sono...

La prima metro al mondo chiusa per umidità

La prima metro al mondo chiusa per umidità

Stop alla stazione Università fino al 15 ottobre. Pavimentazione da sostituire: “materiale non idoneo” A poco più di 11 anni dall’inaugurazione la stazione metropolitana di piazza Bovio necessita di 4 mesi di lavori per sostituire le “pregiate pavimentazioni” con un...

Napoli e la “deriva americana”

Napoli e la “deriva americana”

Finora esente dagli assalti a sfondo razziale che partono dai ghetti (come avvenuto il 2 giugno nel Milanese) L’escalation di risse, pestaggi, accoltellamenti, ragazzini che puntano le pistole contro le forze dell’ordine, ha fatto parlare di “deriva americana” a...

Una Cittadella universitaria da Oscar

Una Cittadella universitaria da Oscar

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: straordinario successo ai David di Donatello 2022 per i “Grandi Maestri” del Cinema dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Si può ormai definire una formazione accademica ‘da Oscar’ quella dell’Università Suor Orsola...

E ora il “branco” va in spiaggia…

E ora il “branco” va in spiaggia…

Non bastava la mala-movida. Ancora gravi i due minorenni accoltellati a Marechiaro. Il mare negato Non bastava la mala-movida notturna, adesso con l’arrivo della bella stagione c’è da fronteggiare anche la violenza collegata all’afflusso alle località balneari,...

Napoli, il futuro è da inventare

Napoli, il futuro è da inventare

Il terzo posto non può diventare il punto di arrivo per una società ambiziosa e per tifosi appassionati Sarà il Milan o l’Inter a fregiarsi del triangolino tricolore ai tifosi del Napoli interessa poco. La delusione, nonostante il terzo posto e la qualificazione...

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: ben 12 nomination ai “Grandi Maestri” dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Questa sera (diretta su Rai Uno dalle 21.25) negli studi di Cinecittà per la cerimonia di premiazione della 67esima edizione dei David di...

Napoli, riapre al pubblico la passeggiata al Molo San Vincenzo

Napoli, riapre al pubblico la passeggiata al Molo San Vincenzo

Una meravigliosa e poco conosciuta area di Napoli verrà gradualmente aperta ai cittadini, così come promesso dal Sindaco di Napoli Gaetano Manfredi fin dall'inizio. L'intervento fa parte di un progetto più ampio di passeggiata sul mare, finanziato dal Contratto...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te