Noemi e il murale della speranza

da | Mag 15, 2021 | Primo piano

“Street art” ideata dalla bambina che fu ferita in piazza Nazionale. No ai modelli negativi per i giovani

Un messaggio di speranza partirà oggi da piazza Nazionale dove, salvo ritardi nell’erogazione dei permessi, nell’anfiteatro centrale sarà disegnato un murale per Noemi, la bambina che a 4 anni fu ferita da un proiettile vagante il 3 maggio 2019 nel corso di una sparatoria di camorra. E sarà proprio la piccola (che tuttora sconta le conseguenze di quelle gravi ferite) a colorarlo… Con l’intento dei familiari, in collaborazione con la fondazione Polis, di far rimettere a posto anche pavimentazione e giostrine per restituire questo spazio ai bambini del Vasto-Arenaccia. Un messaggio positivo.
Sulla scia della campagna contro i murales con i volti di Ugo Russo e Luigi Cajafa, i due ragazzi del centro uccisi dalle forze dell’ordine mentre stavano tentando delle rapine (era il 13 gennaio quando il prefetto Valentini disse che quelli e altri simboli del male dovevano essere rimossi, onde evitare effetti emulativi), abbattuti alcuni degli altarini e tacitati un gruppo di intellettuali critici nei confronti di questa iniziativa, si susseguono le voci di autorevoli esponenti politici e, soprattutto, delle forze dell’ordine – come il generale dei carabinieri La Gala e il questore Giuliano – i quali insistono sul fatto che ai giovani devono essere offerti modelli positivi. Sacrosanto. L’origine della devianza infatti va ricercata sostanzialmente “nel contrasto tra i valori (i modelli di successo) che la società propone e il fatto che non a tutti vengono dati in egual misura gli strumenti per perseguirli”, volendo sintetizzare il pensiero di vari sociologi Usa…
Basti pensare al degrado in cui si vive in certe zone e alla mancanza di servizi, di opportunità di lavoro e persino di spazi per respirare (una piccola area verde, oppure per giocare a pallone, in ogni rione). “Per noi la strada, le nostre piazzette, sono come una casa” ha detto un ex componente della paranza dei bambini del fu Antonio Sibillo il cui altarino è stato rimosso, “sono i luoghi in cui sin da piccoli passiamo la maggior parte del tempo e, quando qualcuno viene a mancare, la sua immagine ci fa compagnia”. Ma parliamo di ragazzi che rapinano, spacciano, uccidono. Non a caso il prefetto Morcone, assessore alla legalità della Regione, sul Mattino dell’11 maggio ha fatto appello alla responsabilità collettiva. “Il controllo del territorio non può essere delegato solo alle forze dell’ordine. Esistono più livelli, dalla polizia locale alle verifiche sul funzionamento dei servizi e delle attività cittadine, per far rispettare le regole”. Nelle settimane scorse, anche a proposito degli assembramenti, si era parlato di eccesso di tolleranza… “Se parliamo di eccesso di tolleranza”, ha detto Morcone, “dobbiamo parlare anche di necessità che funzionino con regolarità i servizi, che ci siano controlli sulla legalità in tutti i sensi. Se per esempio si pensa al ritorno dei turisti, dovremmo subito impegnarci per offrire loro una città con i servizi funzionanti…”.
E se le amministrazioni funzionassero, già sarebbe un buon esempio.

Campania, open day vaccinale per le donne in gravidanza

Campania, open day vaccinale per le donne in gravidanza

In occasione della Giornata nazionale per la sicurezza delle cure e della persona assistita, promossa dal Ministero della Salute, che quest’anno è dedicata alle cure materne e neonatali sicure con il claim “Agisci adesso per un parto sicuro e rispettoso”, Venerdì 17...

Napoli incompleto. Inutile cullare sogni di gloria

Napoli incompleto. Inutile cullare sogni di gloria

Salvatore Bagni è sempre stato un inguaribile ottimista. Ma questa volta è proprio andato oltre ogni limite: è bastato che diventasse ufficiale l’acquisto del misconosciuto Anguissa per fargli dichiarare che il Napoli è da scudetto. Anzi a sentirlo quasi il campionato...

Le t-shirt firmate Gomorra vanno a ruba sul web

Le t-shirt firmate Gomorra vanno a ruba sul web

Albert Bandura, recentemente scomparso, ammoniva sugli effetti modellanti della tv  di Cinzia Rosaria Baldi * L’ultima moda è indossare le magliette  ispirate ai personaggi di Gomorra, la celebre serie tv ideata da Roberto Saviano.  Vanno a ruba sul web felpe e...

Napoli-Verona, altro che dimenticare. Vogliamo sapere

Napoli-Verona, altro che dimenticare. Vogliamo sapere

La chiusura della prima fase di preparazione al campionato suggerisce una prima serie di considerazioni e di rilievi. La parentesi di Dimaro ha confermato quanto già si sapeva sul carattere forte e carismatico del nuovo allenatore. È il suo grande pregio, unito alla...

Giuntoli tra Adl e Spalletti

Giuntoli tra Adl e Spalletti

Il ds ha il compito di abbassare il tetto degli ingaggi e dare al tecnico una rosa comunque competitiva Passata la sbornia europea, testa al mercato e soprattutto al campionato. “Ricomincia da tre” la stagione 2021/22, per tre ottimi motivi che la rendono già...

Cosa spinge le persone ad essere cattive?

Cosa spinge le persone ad essere cattive?

di Cinzia Rosaria Baldi * La psicologia può spiegare perché accadono fenomeni di estrema crudeltà come le violenze nel carcere a S.M. Capua Vetere Le atroci  violenze avvenute nel carcere a S.M. Capua Vetere lo scorso anno in pieno lock down e portate alla ribalta...

Il caso di Chiara, 15 anni, uccisa da un amico di 16 anni

Il caso di Chiara, 15 anni, uccisa da un amico di 16 anni

I giovani bombardati dal brutto e dal male che toglie la speranza. Genitori distratti, il silenzio degli scienziati L’omicida  sedicenne  ora racconta che sentiva la voce del diavolo,  turbato dalla serie  televisiva  “Lucifer”,  ma la razionalità dimostrata con i...

I giallorossi rivivono solo a Napoli

I giallorossi rivivono solo a Napoli

Pd e 5 Stelle uniti nel sostenere il candidato sindaco Manfredi. Ma ce la faranno a vincere? A Napoli si risperimenterà, per il momento caso unico in Italia, la coalizione Pd-5Stelle. Ricordate, è quell’alleanza tra forze assolutamente incompatibili, contro natura,...

Gattuso da incapace a fenomeno

Gattuso da incapace a fenomeno

Come i media napoletani hanno trattato l’allenatore protagonista di una stagione fra luci e ombre C’è una sorta di schizofrenia dell’informazione sportiva che atavicamente si accompagna al cammino del Napoli Calcio. E mai come in questo frangente essa si è palesata...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te