Contro lo Spezia sfida crudele ma il Napoli non può fare “regali”…

da | Mag 7, 2021 | Calcio Napoli

Il bello o il brutto del calcio, fate un po’ voi. È da mors tua vita mea, questa Spezia- Napoli  tra due squadre alla ricerca disperata di punti  per obiettivi diversi da raggiungere. La  Spezia per salvarsi,  e sarebbe un miracolo, viste le previsioni “nere” della vigilia per la squadra di Italiano. Il Napoli per rientrare tra la prime quattro della classifica approfittando dello scontro diretto di Torino tra Juventus e Milan.

I timori per la partita col Cagliari erano notevoli e si sono rivelati fondati dopo 94′ di gioco. Contro l’undici spezzino si spera di esorcizzare paure e angosce con  un successo che cancelli la sfortunata sconfitta patita all’andata a Fuorigrotta in modo rocambolesco. Contro Gattuso, però, Italiano si giocherà il tutto per tutto pur di fare punti non previsti alla vigilia, ben sapendo tuttavia che dalla seguenti trasferta di Genova contro la Samp e dai due successivi impegni casalinghi consecutivi contro Torino e Roma ben potranno arrivare i punti salvezza. Non c’è da aspettarsi, perciò, una squadra completamente remissiva e votata alla sola difesa. Faranno bene gli azzurri, senza Koulibaly e Maksimovic, a prepararsi ad un pomeriggio…difficile. Giocare prima delle dirette rivali per la piazza Champions non costituisce proprio un vantaggio e gli arbitri e il VAR, negli ultimi tempi, non hanno proprio la vista…lunga in favore dei colori azzurri. Gattuso e i suoi ragazzi però, non possono tradire in dirittura d’arrivo le aspettative dei tifosi e di De Laurentiis dopo una rimonta importante. Dovranno fare la partita, stando però bene attenti a non prestare il fianco al contropiede spezzino. Perché è chiaro e pure normale che a quattro gare dal termine il bravo Italiano metterà da parte il fioretto ed il bel gioco mostrati nel girone d’andata per una squadra di combattimento. Sarà difesa più o meno serrata e contropiede fulmineo, come classifica impone. Finito sul taccuino di DeLa, Italiano vorrà dimostrare di non essere un allenatore da “piano B” rispetto al casting, vero o presunto, aperto dal presidente con i nomi di Allegri, Sarri, Spalletti, Galtier e Garcia o Fonseca, per il dopo Gattuso. Mentre Ringhio ci terrà una volta di più a dimostrare di poter essere tranquillamente all’ altezza di una grande.

Tocca al Napoli fare la partita e disporre della Spezia. Le 63 reti subite dai liguri, inducono a pensare che se gli azzurri sapranno attaccare con la giusta intensità e grinta ma soprattutto in velocità ad uno, massimo due tocchi, non dovrebbe essere impossibile arrivare più volte davanti a Provedel. Poi sarà questione di mira e di non sprecare come successe all’andata occasioni solo da concretizzare. Attenzione, però, al contropiede spezzino. Demme e Fabian in mezzo al campo, Di Lorenzo e Hysaj o Mario Rui sulle corsie basse sono avvertiti. Vietato sbagliare anche il minimo tocco. Modulo a trazione anteriore perciò, con Osimhen in gran spolvero e, si spera, Insigne, Politano o Lozano e Zielinski di nuovo in palla dopo la non brillante prestazione contro il Cagliari. Il solito e solido Napoli dalla cintola in su, con la speranza che non ci siano i soliti disorientamenti difensivi. Il calendario è ancora leggermente favorevole agli azzurri. Il finale per un posto Champions corre sul filo del rasoio. Vincere le ultime quattro partite e fare bottino pieno può significare fare… barba e capelli a Juve e Milan.

Il Napoli ritorna a sorridere al Maradona

Il Napoli ritorna a sorridere al Maradona

Il Napoli ritorna a sorridere al Maradona, dopo tre sconfitte consecutive tra le mura amiche, gli azzurri battono la Sampdoria per 1-0 grazie al gol di Petagna.   Il Napoli ritorna a sorridere - Stadio desolatamente deserto, pocchissimi i sostenitori per questa...

La mossa di Spalletti che ha sorpreso Pioli

La mossa di Spalletti che ha sorpreso Pioli

La mossa di Spalletti - Petagna titolare e una squadra predisposta all'attesa e al contropiede: cosi il tecnico ha vinto il big match con il Milan. E sul gol di Kessie... La mossa di Spalletti - Nella gelida Milano, il Napoli di Spalletti ridimensionato dalle...

I due miracoli di Spalletti

I due miracoli di Spalletti

Rrahmani e Lobotka: Gattuso li aveva ignorati e sembravano due giocatori persi alla causa del Napoli (e di Adl) Rino Gattuso a Napoli non è stato fortunato. In fondo all’ultima giornata di campionato per un misero gol ha perso il quarto posto e la qualificazione...

Tra iella e arbitraggi Napoli urla

Tra iella e arbitraggi Napoli urla

Nonostante infortuni e sfortuna la squadra recrimina per i cinque punti persi con Verona ed Empoli È davvero in fase calante il Napoli o gli ultimi risultati negativi sono solo colpa degli infortuni a ripetizione dei suoi giocatori chiave? Spalletti, in verità, non ha...

Quanti scivoloni, don Aurelio!

Quanti scivoloni, don Aurelio!

Una frana. Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis passa per un grade comunicatore. Ma in questi ultimi giorni, vittima del suo stesso narcisismo, l’ha fatta veramente grossa. Ha inanellato una serie di dichiarazioni che oltre a portare scompiglio nel mondo del...

Napoli-Leicester festa a metà..

Napoli-Leicester festa a metà..

Napoli-Leicester festa a metà, gli azzurri vincono per 3 a 2 ma non basta per evitare i sedicesimi di finale. Napoli-Leicester festa a metà - Serata di tempesta al Maradona, il Napoli costretto a vincere contro il Leicester per sperare di passare il turno da primo,...

Nella notte per Diego riparte il Napoli

Nella notte per Diego riparte il Napoli

Nella notte per Diego riparte il Napoli, 4-0 alla Lazio e primato solitario in classifica, Zielinski apre le marcature, poi Dries Ciro Mertens firma una straordinaria doppietta, poi Ruiz mette il sigillo nel secondo tempo. Nella notte per Diego riparte il Napoli -...

Napoli gelido a Mosca

Napoli gelido a Mosca

Napoli gelido a Mosca, contro lo Spartak finisce 2-1, gli azzurri si riscaldano nel secondo tempo ma non riescono a recuperare il risultato. Napoli gelido a Mosca, nel pomeriggio freddo della partita contro lo Spartak, gli azzurri non si rialzano e incassano la...

Napoli: stop a San Siro, la spunta l’Inter

Napoli: stop a San Siro, la spunta l’Inter

Napoli: stop a San Siro, la spunta l'Inter per 3-2. Azzurri in vantaggio con Zielinski ma si fanno rimontare dai padroni di casa, sul 3 a 1 entra Mertens che riapre la partita e sfiora il clamoroso pareggio allo scadere. Napoli: stop a San Siro, la squadra di...

DeLa-Insigne: c’eravamo tanto amati(?)

DeLa-Insigne: c’eravamo tanto amati(?)

La proposta di rinnovo al ribasso del patron del Napoli sembra un invito a chiudere dodici anni di storia Che futuro ci sarà per Lorenzo Insigne? Cosa sarà del condottiero della nazionale, leader e capitano del Napoli? Dopo il pareggio con il Verona e il flop con la...

Covid, allarme in casa Napoli: Demme è positivo

Covid, allarme in casa Napoli: Demme è positivo

Torna l’allarme Covid in casa Napoli. Secondo quanto riportato dal Corriere del Mezzogiorno, dopo il consueto giro di tamponi della giornata di ieri,  Diego Demme sarebbe risultato positivo e attualmente asintomatico. Il centrocampista tedesco è già in isolamento...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te