Zona rossa? Si fa per dire

da | Apr 3, 2021 | Primo piano

A Napoli pochi controlli, ha ragione De Luca a protestare. I più giovani appaiono poco consapevoli

Certo lo sceriffo De Luca non ha più lo smalto della prima ondata, quando con lo spauracchio del lanciafiamme conquistò la ribalta mediatica nazionale e impose un ferreo lockdown ad una popolazione universalmente poco disposta a seguire regole di qualsiasi genere. L’immagine del De Luca della seconda ondata è, diciamocelo francamente, un po’ offuscata. A settembre, distratto anche dalla campagna elettorale, s’è fatto trovare impreparato sul fronte trasporti, s’è beccato un’ispezione perché i dati che la Regione forniva ogni giorno al Ministero non erano chiarissimi, ha minacciato chiusure ferree, salvo a fare precipitosamente marcia indietro (in seguito agli incidenti di piazza).

Insomma non sempre è apparso lucido e determinato come nel primo round della pandemia.
Lo scivolone sull’acquisto del vaccino Sputnik è di queste ore. E insiste, imperterrito, nonostante che sia chiaro a tutti che le regioni comunque non abbiano alcuna possibilità di procedere autonomamente, visto peraltro che tutto il procedimento è stato dagli Stati aderenti affidato all’Ue. E a chi glielo fa notare, con la supponenza che gli è solita ribatte: “Scemenze”.
Ci mancherebbe che ogni regione potesse far di testa sua anche nell’approvvigionamento dei vaccini. Dopo tutti i guai che hanno combinato durante quest’anno di emergenza Covid figuriamoci cosa potrebbe accadere se ognuna avesse la possibilità di fare la spesa in ordine sparso, credendo così di poter sconfiggere meglio e più tempestivamente l’epidemia. Come se il virus limitasse la sua circolazione ad una regione piuttosto che ad un’altra e dovesse tener conto dei confini amministrativi che l’uomo nel corso dei secoli ha posto sul pianeta.

Ma torniamo più direttamente a De Luca. Seppur appannato di cose giuste continua a farne e a dirne. Non gli si può contestare il trend delle vaccinazioni. La Campania sta procedendo spedita, seppur con qualche defaillance organizzativa manifestatasi soprattutto alla Stazione Marittima. Prendiamo ad esempio i suoi ripetuti proclami contro i mancati controlli da parte delle forze dell’ordine. Napoli è da quasi un mese in zona rossa. Ma nessuno, diciamo nessuno, se ne è accorto. Ha ragione il governatore a parlare di “zona rosé”. Da queste parti è accaduto di tutto e si è avuta netta la sensazione che in gran parte della popolazione è venuto a mancare principalmente il “metus”.
Questo Coronavirus, a dispetto dei morti e del numero impressionante di contagi, spaventa di meno, soprattutto i giovani. Per loro la mascherina è divenuta un optional. Hai voglia di dire che la variante inglese li becca sempre di più, che l’età media degli infettati è scesa terribilmente. Il Covid ormai, ai loro occhi, appare come poco più di una fastidiosa influenza, non intendono rinunciare alla socializzazione spinta. Baretti chiusi? Nessun problemi, assembramenti spontanei nei luoghi di incontro più disparati, uno addosso all’altro e rigorosamente senza mascherina. L’assalto allo scoglione di Marechiaro di domenica scorsa è un caso clamoroso. Ma ne potremmo citare a decine. Vale per tutti quello degli spazi antistanti la stazione della metro di Salvator Rosa. Assembramenti di tutte le età, fumo a gogò, partitine di pallone e mamme felici di far scorrazzare i loro bambini i mezzo a questo caos nel quale il virus è sicuramente andato a nozze.
Non si è vista mai una pattuglia, non diciamo per identificare e multare, che sarebbe il minimo, ma nemmeno per intervenire e tentare di dissuadere. Il top della sfida impunita si è registrato però al Centro Direzionale dove ogni giorno, prima del calar delle tenebre, si radunano nello spiazzo antistante gli Uffici giudiziari una trentina di ragazzi, che si dividono in squadre, delimitano le porte e danno vita a veri e propri match di calcio. Com’è possibile che tutto ciò accada davanti ad uffici che dovrebbero essere presidiati e comunque a poche centinaia di metri da un posto di Polizia? Quesito che abbiamo già posto su queste colonne e al quale non abbiamo avuto risposta.
Questo interrogativo specifico ne fa scaturire un altro più generale e inquietante: ma oggi Draghi e ieri Conte quando ascoltano il Comitato tecnico scientifico e decretano zone rosse e chiusure si sono mai resi conto che le loro norme nei fatti sono solo virtuali? Se ne avessero avuto la percezione non si sarebbero mai sbilanciati, come hanno fatto e continuano a fare in previsioni sull’immunità di gregge.

Quell’albero pericoloso  in piazza degli Artisti

Quell’albero pericoloso in piazza degli Artisti

A vederlo fa davvero paura. Basta sollevare gli occhi al cielo per accorgersi di quanto sia alto e fronzuto. Svetta nel pieno di piazza degli Artisti, un luogo frequentatissimo. Guardandolo da lontano e da vicino se ne ricava netta la sensazione di imminente pericolo....

E ora Adl metta mano al portafoglio

E ora Adl metta mano al portafoglio

Il Napoli, a dispetto di quanto sostiene Spalletti, presenta gravi lacune di organico in difesa Il Napoli negli anni scorsi (gestione De Laurentiis) per ben quattro volte si è piazzato al secondo posto e due volte ha conquistato il titolo di campione d’inverno. In...

È un’Italia da rifondare

È un’Italia da rifondare

La delusione per la mancata qualificazione fa rivivere periodi bui come l’esclusione ai Mondiali russi Lettori manzoniani, tifosi di calcio potrebbero chiedersi: “Fu vera gloria?”. Sembra passato un secolo dall’Europeo vinto a luglio. E la sentenza, purtroppo, non...

Femminicidio, serve una legge

Femminicidio, serve una legge

Appello del padre di Ornella Pinto al Capo dello Stato: “Norme specifiche ed efficaci” Nella notte tra il 12 e il 13 marzo una professoressa di 39 anni, Ornella Pinto, fu massacrata a coltellate nel sonno dall’ex compagno Pinotto Iacopino, 43 anni, mentre il loro...

Napoli nella top ten dei comuni più social d’Italia

Napoli nella top ten dei comuni più social d’Italia

È stata presentata ieri l’indagine di FPA sull’utilizzo dei social network in 107 comuni capoluogo che ha preso in esame una serie di indicatori per valutare l’efficacia della comunicazione social delle maggiori città italiane. In particolare, la ricerca ha...

Screening gratuiti, al Vomero il Camper della Salute

Screening gratuiti, al Vomero il Camper della Salute

Da questa mattina al Vomero a piazza degli artisti fino alle 18 il Camper della Salute dell’ASL Napoli 1 Centro offre gratuitamente, e senza prenotazione, visite ed esami per la prevenzione di eventuali patologie tumorali con la partecipazione di medici esperti del...

Galleria della Vittoria, il regalo di Natale

Galleria della Vittoria, il regalo di Natale

Potrebbe essere il vero regalo di Natale per tutti i napoletani, la riapertura della galleria della Vittoria. L’infrastruttura, chiusa da oltre un anno, ha rappresentato uno dei temi trainanti della campagna elettorale. Per gli automobilisti è una sorta di incubo e...

La paura del vaccino? È irrazionale

La paura del vaccino? È irrazionale

di Alberto Vito * La contrapposizione del pensiero tra chi valuta la profilassi come una salvezza e chi è perplesso Nel nostro Paese è iniziata la somministrazione della terza dose di vaccino anti-Covid per le persone “fragili”, affette da patologie importanti, e a...

Non spaventate l’aggressore!

Non spaventate l’aggressore!

Criminalità “diffusa” e camorristica. Troppi giovani tra le vittime. È emergenza armi ed educativa Qualora vi aggredisse un uomo armato, state attenti a non spaventarlo, perché magari non ha alcuna intenzione di sparare ma, se fate qualche gesto che potrebbe...

Napoli, lavora e sogna!

Napoli, lavora e sogna!

Spalletti ha rivitalizzato un ambiente che sembrava in piena crisi dopo il Verona Convinto e determinato, diretto come mai e con il suo sguardo, a tratti luciferino, Luciano Spalletti si era presentato così da allenatore di un Napoli dell’anno zero dopo la delusione...

La missione del nuovo sindaco

La missione del nuovo sindaco

Tutti i compiti di Manfredi per riparare dieci anni di guasti Come sempre accade quando ci si appresta a scrivere un articolo affiora la necessità di riordinare preliminarmente le idee, prima di passare a “mettere penna su carta”. Ma mai come in questa circostanza...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te