Zona rossa? Si fa per dire

da | Apr 3, 2021 | Primo piano

A Napoli pochi controlli, ha ragione De Luca a protestare. I più giovani appaiono poco consapevoli

Certo lo sceriffo De Luca non ha più lo smalto della prima ondata, quando con lo spauracchio del lanciafiamme conquistò la ribalta mediatica nazionale e impose un ferreo lockdown ad una popolazione universalmente poco disposta a seguire regole di qualsiasi genere. L’immagine del De Luca della seconda ondata è, diciamocelo francamente, un po’ offuscata. A settembre, distratto anche dalla campagna elettorale, s’è fatto trovare impreparato sul fronte trasporti, s’è beccato un’ispezione perché i dati che la Regione forniva ogni giorno al Ministero non erano chiarissimi, ha minacciato chiusure ferree, salvo a fare precipitosamente marcia indietro (in seguito agli incidenti di piazza).

Insomma non sempre è apparso lucido e determinato come nel primo round della pandemia.
Lo scivolone sull’acquisto del vaccino Sputnik è di queste ore. E insiste, imperterrito, nonostante che sia chiaro a tutti che le regioni comunque non abbiano alcuna possibilità di procedere autonomamente, visto peraltro che tutto il procedimento è stato dagli Stati aderenti affidato all’Ue. E a chi glielo fa notare, con la supponenza che gli è solita ribatte: “Scemenze”.
Ci mancherebbe che ogni regione potesse far di testa sua anche nell’approvvigionamento dei vaccini. Dopo tutti i guai che hanno combinato durante quest’anno di emergenza Covid figuriamoci cosa potrebbe accadere se ognuna avesse la possibilità di fare la spesa in ordine sparso, credendo così di poter sconfiggere meglio e più tempestivamente l’epidemia. Come se il virus limitasse la sua circolazione ad una regione piuttosto che ad un’altra e dovesse tener conto dei confini amministrativi che l’uomo nel corso dei secoli ha posto sul pianeta.

Ma torniamo più direttamente a De Luca. Seppur appannato di cose giuste continua a farne e a dirne. Non gli si può contestare il trend delle vaccinazioni. La Campania sta procedendo spedita, seppur con qualche defaillance organizzativa manifestatasi soprattutto alla Stazione Marittima. Prendiamo ad esempio i suoi ripetuti proclami contro i mancati controlli da parte delle forze dell’ordine. Napoli è da quasi un mese in zona rossa. Ma nessuno, diciamo nessuno, se ne è accorto. Ha ragione il governatore a parlare di “zona rosé”. Da queste parti è accaduto di tutto e si è avuta netta la sensazione che in gran parte della popolazione è venuto a mancare principalmente il “metus”.
Questo Coronavirus, a dispetto dei morti e del numero impressionante di contagi, spaventa di meno, soprattutto i giovani. Per loro la mascherina è divenuta un optional. Hai voglia di dire che la variante inglese li becca sempre di più, che l’età media degli infettati è scesa terribilmente. Il Covid ormai, ai loro occhi, appare come poco più di una fastidiosa influenza, non intendono rinunciare alla socializzazione spinta. Baretti chiusi? Nessun problemi, assembramenti spontanei nei luoghi di incontro più disparati, uno addosso all’altro e rigorosamente senza mascherina. L’assalto allo scoglione di Marechiaro di domenica scorsa è un caso clamoroso. Ma ne potremmo citare a decine. Vale per tutti quello degli spazi antistanti la stazione della metro di Salvator Rosa. Assembramenti di tutte le età, fumo a gogò, partitine di pallone e mamme felici di far scorrazzare i loro bambini i mezzo a questo caos nel quale il virus è sicuramente andato a nozze.
Non si è vista mai una pattuglia, non diciamo per identificare e multare, che sarebbe il minimo, ma nemmeno per intervenire e tentare di dissuadere. Il top della sfida impunita si è registrato però al Centro Direzionale dove ogni giorno, prima del calar delle tenebre, si radunano nello spiazzo antistante gli Uffici giudiziari una trentina di ragazzi, che si dividono in squadre, delimitano le porte e danno vita a veri e propri match di calcio. Com’è possibile che tutto ciò accada davanti ad uffici che dovrebbero essere presidiati e comunque a poche centinaia di metri da un posto di Polizia? Quesito che abbiamo già posto su queste colonne e al quale non abbiamo avuto risposta.
Questo interrogativo specifico ne fa scaturire un altro più generale e inquietante: ma oggi Draghi e ieri Conte quando ascoltano il Comitato tecnico scientifico e decretano zone rosse e chiusure si sono mai resi conto che le loro norme nei fatti sono solo virtuali? Se ne avessero avuto la percezione non si sarebbero mai sbilanciati, come hanno fatto e continuano a fare in previsioni sull’immunità di gregge.

Napoli-Verona, altro che dimenticare. Vogliamo sapere

Napoli-Verona, altro che dimenticare. Vogliamo sapere

La chiusura della prima fase di preparazione al campionato suggerisce una prima serie di considerazioni e di rilievi. La parentesi di Dimaro ha confermato quanto già si sapeva sul carattere forte e carismatico del nuovo allenatore. È il suo grande pregio, unito alla...

Giuntoli tra Adl e Spalletti

Giuntoli tra Adl e Spalletti

Il ds ha il compito di abbassare il tetto degli ingaggi e dare al tecnico una rosa comunque competitiva Passata la sbornia europea, testa al mercato e soprattutto al campionato. “Ricomincia da tre” la stagione 2021/22, per tre ottimi motivi che la rendono già...

Cosa spinge le persone ad essere cattive?

Cosa spinge le persone ad essere cattive?

di Cinzia Rosaria Baldi * La psicologia può spiegare perché accadono fenomeni di estrema crudeltà come le violenze nel carcere a S.M. Capua Vetere Le atroci  violenze avvenute nel carcere a S.M. Capua Vetere lo scorso anno in pieno lock down e portate alla ribalta...

Il caso di Chiara, 15 anni, uccisa da un amico di 16 anni

Il caso di Chiara, 15 anni, uccisa da un amico di 16 anni

I giovani bombardati dal brutto e dal male che toglie la speranza. Genitori distratti, il silenzio degli scienziati L’omicida  sedicenne  ora racconta che sentiva la voce del diavolo,  turbato dalla serie  televisiva  “Lucifer”,  ma la razionalità dimostrata con i...

I giallorossi rivivono solo a Napoli

I giallorossi rivivono solo a Napoli

Pd e 5 Stelle uniti nel sostenere il candidato sindaco Manfredi. Ma ce la faranno a vincere? A Napoli si risperimenterà, per il momento caso unico in Italia, la coalizione Pd-5Stelle. Ricordate, è quell’alleanza tra forze assolutamente incompatibili, contro natura,...

Noemi e il murale della speranza

Noemi e il murale della speranza

“Street art” ideata dalla bambina che fu ferita in piazza Nazionale. No ai modelli negativi per i giovani Un messaggio di speranza partirà oggi da piazza Nazionale dove, salvo ritardi nell’erogazione dei permessi, nell’anfiteatro centrale sarà disegnato un murale per...

Gattuso da incapace a fenomeno

Gattuso da incapace a fenomeno

Come i media napoletani hanno trattato l’allenatore protagonista di una stagione fra luci e ombre C’è una sorta di schizofrenia dell’informazione sportiva che atavicamente si accompagna al cammino del Napoli Calcio. E mai come in questo frangente essa si è palesata...

Italia tutta gialla si torna a vivere

Italia tutta gialla si torna a vivere

Indice rt in discesa: da lunedì in tutte le regioni sarà possibile sedersi in bar e ristoranti Si torna a vivere. Come prima e più di prima. Stando attenti a non commettere l’errore di creare inutili assembramenti e circolare senza mascherine, ovviamente. Dopo la...

Voglia di tornare in campo

Voglia di tornare in campo

di Cinzia Rosaria Baldi* Il 26 aprile è stato  il giorno più atteso da adulti e ragazzi:  a Napoli è ripresa l'attività sportiva anche di contatto ma all'aperto. Un sospiro di sollievo per i tanti amanti del calcetto e dello sport amatoriale in generale, ma...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
Ricerca Anima Gemella

Ricerca Anima Gemella

badando a te