La Regione diventa “anziana”

da | Mar 6, 2021 | Primo piano

L’anniversario dei 50 anni di vita in una mostra fotografica curata con l’archivio dell’Ansa

La Regione Campania sta diventando ormai “anziana”, come testimonia, in occasione dei 50 anni di vita, un libro fotografico edito dall’Ansa. Quando nacque, appunto mezzo secolo fa, l’Italia viveva la contestazione studentesca, si avvicinava agli anni di piombo, lavorava sulle politiche industriali alle fine del boom. Dal punto di vista politico era l’Italia che era riuscita finalmente a dare attuazione al titolo V della Costituzione creando le Regioni a statuto ordinario con le loro autonomie.
Nacque così anche l’autonomia politica della Regione Campania che portò i cittadini al voto il 7 e 8 giugno di quell’anno, in applicazione della legge del 1967 presentata dall’allora ministro dell’Interno, Paolo Emilio Taviani, che venne approvata il 17 febbraio del 1968. Dc al 25%, Pci al 13%, Psi al 7%, questi i principali esiti del voto che portarono alla formazione del primo consiglio che elesse primo presidente della giunta il consigliere anziano Carlo Leone, democristiano.

Questo fu l’inizio dei primi 50 anni della Regione Campania che vengono celebrati quest’anno da una mostra fotografica che per ora virtuale, vista l’emergenza Covid19.
Un viaggio fotografico con l’archivio dell’Ansa ma non solo e che ripercorre gli avvenimenti più entusiasmanti e più drammatici degli ultimi 50 anni nella Regione, ricordando anche il ruolo che l’ente regionale ha avuto in molti avvenimenti. Proprio quell’anno tornò il bradisismo a Pozzuoli che portò all’evacuazione del Rione Terra, ma gli anni Settanta furono segnati da diversi eventi drammatici, come l’epidemia di colera a Napoli del 1973. Anni anche di crescita economica e infrastrutturale con la fondazione dell’Alfa Romeo a Pomigliano e l’inaugurazione della Tangenziale di Napoli, ma anche anni di importanti eventi e musica con l’indimenticabile concerto dei Pink Floyd nell’anfiteatro degli Scavi di Pompei e di imprese sportive con la prima serie A dell’Avellino. Il decennio successivo cominciò con il drammatico terremoto dell’Irpinia che nel novembre del 1980 colpì duramente la Campania: 6.9 gradi la scossa, quasi tremila i morti di una devastazione che ha accompagnato la Campania nella ricostruzione per decenni. Gli anni Ottanta furono gli anni del rapimento dell’assessore regionale Ciro Cirillo, dell’omicidio da parte delle Brigate Rosse di Raffaele Delcogliano, l’assessore regionale al Lavoro autore di una riforma dei corsi di formazione regionali e dell’omicidio da parte della camorra del giornalista Giancarlo Siani. Anni duri, ma anche di consapevolezza per una Regione che vide nascere il Consorzio della Mozzarella di Bufala e quello del Pomodoro San Marzano Dop, che valorizzano i prodotti divenuti famosi poi in tutto il mondo, proprio negli anni in cui si chiuse un’era industriale con la crisi dell’Italsider di Bagnoli che porterà allo stop dell’acciaieria.
Nelle foto della mostra un posto d’onore ha lo sport, con i trionfi dei fratelli Abbagnale e con quelli del Napoli di Maradona a partire dal primo scudetto del 1987 fino alle Universiadi nel 2019. Intanto la Campania muta, nel 1995 vede nascere il Centro Direzionale di Napoli e la metropolitana del capoluogo che ospita eventi storici, come la semifinale dei Mondiali di calcio del ‘90 e il G7 del 1994 con i leader mondiali. Ma la storia vede importanti eventi anche nelle altre città a partire da Salerno che nel 1996 accoglie le prime navi da crociera e nel 1999 Papa Giovanni Paolo II. Gli anni 2000 sono quelli della svolta verso il boom turistico di Napoli e del Campania con la fondazione del Museo Madre, con il successo della Coppa America sul lungomare di Napoli, ma anche con la fama del mare del Cilento, amato ormai da tutta Italia, un boom frenato dalla crisi rifiuti ma poi ripartito con una crescita enorme fino alla pandemia covid, in cui la Regione lotta con gli investimenti dell’ente ma anche con la solidarietà tipica del popolo campano.

Insigne, contratto ridotto! Addio?

Insigne, contratto ridotto! Addio?

Gioiello della Nazionale di Mancini, il capitano azzurro ridimensionato dall'offerta di De Laurentiis Vedendo numerose gare dei gironi di qualificazione ai mondiali catarioti del 2022, la prima domanda che mi sono posto è stata: in quali condizioni fisiche e mentali...

Zona rossa? Si fa per dire

Zona rossa? Si fa per dire

A Napoli pochi controlli, ha ragione De Luca a protestare. I più giovani appaiono poco consapevoli Certo lo sceriffo De Luca non ha più lo smalto della prima ondata, quando con lo spauracchio del lanciafiamme conquistò la ribalta mediatica nazionale e impose un ferreo...

I “no Vax”? Sempre di più

I “no Vax”? Sempre di più

di Cinzia Rosaria Baldi * La colpa è delle emozioni e della percezione del rischio dovuto alla profilassi La Campania lancia il passaporto vaccinale Covid-19, un segnale per trasmettere la speranza di tornare a circolare liberamente in tranquillità, ma all’iniziativa...

La scoperta del Ceinge sul Covid-19

La scoperta del Ceinge sul Covid-19

I ricercatori del Ceinge-Biotecnologie avanzate di Napoli hanno analizzato i dati genetici di oltre 1 milione e 7mila campioni di cittadini europei sani e pazienti positivi ricoverati in ospedale. È noto che i fattori di rischio per la malattia da Sars-CoV-2 sono...

Riapriamo le nostre botteghe

Riapriamo le nostre botteghe

di Gianni Lepre L'esempio di Leonardo: dalla fiction su Rai Uno la strada da seguire per fronteggiare la crisi Il Leonardo televisivo proposto in prima serata da Rai Uno ha, tra i tanti altri meriti, ricordato a milioni di spettatori la figura di un artista grande,...

In Villa spunta il Museo del mare

In Villa spunta il Museo del mare

L’ex Circolo della Stampa “rinasce” dopo 22 anni dall’abbandono. Il fabbricato fu progettato da Canino La clamorosa notizia della “cessione” della villa comunale da parte di Palazzo San Giacomo all’Istituto Anton Dohrn (Il Mattino 21/3/21) - che avrà il compito di...

Ansaldo e il mitico re degli scoop

Ansaldo e il mitico re degli scoop

Quando il direttore del Mattino chiese a Salvatore Maffei di tradurgli le parole di Truman Quando Giovanni Ansaldo arrivò al “Mattino” si capì subito che in pochi sarebbero stati ammessi alla sua corte. Il direttore ligure seguiva le vie gerarchiche (vicedirettore,...

Piazza Dante e gli umori della città

Piazza Dante e gli umori della città

Luogo di incontri, commerci, feste e proteste. Gli imprenditori storici, presidi di civiltà Napoli città teatro,  e piazza Dante ne è uno dei più vivaci palcoscenici, “contenitore” che accoglie e rappresenta  fatti e misfatti di una intera comunità. La lucida sintesi...

Dpcm 16 gennaio, ecco tutte le regole

Dpcm 16 gennaio, ecco tutte le regole

In vigore da oggi il nuovo decreto di gennaio: spostamenti fra regioni vietati. Norme su palestre, musei, bar, visite in due, seconde case Entra in vigore oggi 16 gennaio 2021 il nuovo Dpcm che regola le norme anti-contagio per fronteggiare il Covid-19. Gli impianti...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te