Sfida Covid tra due big

da | Ott 3, 2020 | Primo piano

Al momento in cui scriviamo è stata accertata la positività solo di Zielinski e di un membro dello staff. Quali saranno però gli esiti del terzo giro di tamponi effettuati nella mattinata odierna i cui risultati saranno noti solo in serata?
Dire che la notizia è stata come un fulmine a ciel sereno è un eufemismo visto quello che sta accadendo al Genoa dove i casi di positività aumentano di giorno in giorno, però che l’accidente dovesse capitare proprio alla vigilia di Juventus-Napoli toglie a questa attesissima partita quel pizzico di “cattiveria” che ha sempre contraddistinto le sfide tra le due squadre e le rispettive tifoserie.
Facciamo finta, perché lo impone lo scellerato protocollo Uefa,, che sia tutto… normale e che domani, senza il solo Zielinski, Juve e Napoli disputino la terza gara di campionato. Siamo solo alla terza giornata eppure Juve-Napoli può rappresentare sia per i bianconeri che per gli azzurri la prima importante svolta della stagione. Pirlo è al suo primo vero esame da allenatore e deve vincere per evitare le prime critiche. Gattuso cerca conferme sulla reale competitività e forza del “suo” gruppo per poter aspirare a qualcosa di… altro che non sia il quarto posto. Una bella sfida, insomma, tra due squadre e due allenatori fortemente motivati e fautori di un calcio offensivo a tutto tondo. Il match, a nostro avviso, è più cruciale per la Juve che se non vincesse potrebbe ritrovarsi già staccata di 4 o 5 lunghezze dall’Inter in trasferta contro la Lazio e dall’Atalanta che ospiterà il Cagliari, mentre il Napoli, ansie e timori Covid a parte, può affrontare la gara senza patemi, avendo nulla da perdere, giocandosela con attenzione ma a viso aperto potendo contare su un gruppo già plasmato e consolidato tatticamente che Gattuso ben conosce. Anche l’assenza di Zielinski, se rimarrà l’unica, per quanto importante al pari di quella dell’infortunato Insigne, non creerebbe grossi scompensi nell’economia tattica del Napoli perché Demme o Lobotka, eventuali sostituti assicurano buone geometrie, una minore spinta offensiva ma in fase difensiva e di non possesso palla garantiscono maggiore copertura e più incisività per interrompere le linee di passaggio avversarie.


Il Napoli, se avrà la testa sgombra, deve confermare la brillantezza, la velocità e l’incisività dimostrate contro il Genoa. Grinta e carattere devono essere l’arma in più per mettere in difficoltà una Juve che Pirlo sta ancora studiando e non sembra essere ancora riuscito ad inquadrarla del tutto dal punto di vista sia tattico che degli uomini da impiegare. Il tecnico bianconero sta studiando varie soluzioni e contro i giallorossi le scelte fatte non sono sembrate felici e suffragate da risposte convincenti degli uomini mandati in campo. Alcuni giocatori, vedi Kulusevski, Quadrado e Rabiot erano fuori ruolo mentre McKennie e Morata, al suo esordio bis in maglia bianconera, hanno reso molto poco rispetto alle aspettative. Ed è un peccato per il Napoli che non sarà della gara l’ evanescente Rabiot di domenica, squalificato, mentre al suo posto giocherà certamente Bentancur, vero perno del centrocampo, e quasi sicuramente Arthur che in mezz’ora contro la Roma ha già fatto vedere il suo potenziale tecnico e tattico. Senza dimenticare che Dybala è ormai quasi pronto e scalpita per giocare. Sarebbe solo un problema in più per un Napoli che punterà su Osimhen e Mertens e Lozano per tentare un “colpaccio” ora come ora non impossibile. Covid permettendo.
P.S. – Abbiamo comunque presentato la partita che, visto il protocollo Uefa, si deve (ci permettiamo dire: si dovrebbe!) giocare. Ma la domanda seria da porsi è: Conviene giocarla questa partita Juve-Napoli? Per ora conosciamo solo la positività di Zielinski, ma stasera quanti altri azzurri potrebbero risultare positivi dopo il terzo tampone? E chi conosce con precisione i tempi di incubazione del virus per cui, come sta accadendo al Genoa, potrebbero venir fuori altri casi tra lunedì e martedì con conseguente contagio anche dei giocatori juventini? A chi giova forzare la mano, con il più che fondato timore di altri focolai nelle squadre? Rispettare a tutti i costi il protocollo “Ceferin” potrebbe far saltare presto il banco del campionato in nome di interessi economici che sacrificano la salute per la miope e ottusa politica della lobby del calcio che definire “criminale” ci sembra l’unico termine per una situazione irreale e egoistica di vergognosa difesa non dello sport ma solo del …dio denaro!

Allarme Covid nelle scuole

Allarme Covid nelle scuole

In una settimana 47 contagi negli istituti superiori Quattro morti e 348 positivi: sono i dati dell’ultimo giorno (venerdì 24 settembre) di rilevazione dell’andamento dell’emergenza Covid-19 in Campania. Dati che indicano che l’indice di contagio resta stabile al...

Il voto? Ecco come andrà a finire

Il voto? Ecco come andrà a finire

Il candidato Manfredi è favorito nella corsa alla poltrona di sindaco… grazie al reddito di cittadinanza A Napoli, com’è noto, si vota il prossimo 3 ottobre per scegliere il nuovo sindaco, che governerà la città dopo dieci anni di disastrosa gestione di de Magistris....

Sport e salute col progetto Nalab

Sport e salute col progetto Nalab

A piazza Municipio quattro giorni di iniziative promosse dall’Ortopedia Meridionale Salvio Zungri Promuovere l’attività sportiva gratuita rivolta alla popolazione locale e valorizzare lo sport, incrementandone la funzione sociale, educativa ed etica, anche innalzando...

Campania, open day vaccinale per le donne in gravidanza

Campania, open day vaccinale per le donne in gravidanza

In occasione della Giornata nazionale per la sicurezza delle cure e della persona assistita, promossa dal Ministero della Salute, che quest’anno è dedicata alle cure materne e neonatali sicure con il claim “Agisci adesso per un parto sicuro e rispettoso”, Venerdì 17...

Napoli incompleto. Inutile cullare sogni di gloria

Napoli incompleto. Inutile cullare sogni di gloria

Salvatore Bagni è sempre stato un inguaribile ottimista. Ma questa volta è proprio andato oltre ogni limite: è bastato che diventasse ufficiale l’acquisto del misconosciuto Anguissa per fargli dichiarare che il Napoli è da scudetto. Anzi a sentirlo quasi il campionato...

Le t-shirt firmate Gomorra vanno a ruba sul web

Le t-shirt firmate Gomorra vanno a ruba sul web

Albert Bandura, recentemente scomparso, ammoniva sugli effetti modellanti della tv  di Cinzia Rosaria Baldi * L’ultima moda è indossare le magliette  ispirate ai personaggi di Gomorra, la celebre serie tv ideata da Roberto Saviano.  Vanno a ruba sul web felpe e...

Napoli-Verona, altro che dimenticare. Vogliamo sapere

Napoli-Verona, altro che dimenticare. Vogliamo sapere

La chiusura della prima fase di preparazione al campionato suggerisce una prima serie di considerazioni e di rilievi. La parentesi di Dimaro ha confermato quanto già si sapeva sul carattere forte e carismatico del nuovo allenatore. È il suo grande pregio, unito alla...

Giuntoli tra Adl e Spalletti

Giuntoli tra Adl e Spalletti

Il ds ha il compito di abbassare il tetto degli ingaggi e dare al tecnico una rosa comunque competitiva Passata la sbornia europea, testa al mercato e soprattutto al campionato. “Ricomincia da tre” la stagione 2021/22, per tre ottimi motivi che la rendono già...

Cosa spinge le persone ad essere cattive?

Cosa spinge le persone ad essere cattive?

di Cinzia Rosaria Baldi * La psicologia può spiegare perché accadono fenomeni di estrema crudeltà come le violenze nel carcere a S.M. Capua Vetere Le atroci  violenze avvenute nel carcere a S.M. Capua Vetere lo scorso anno in pieno lock down e portate alla ribalta...

Il caso di Chiara, 15 anni, uccisa da un amico di 16 anni

Il caso di Chiara, 15 anni, uccisa da un amico di 16 anni

I giovani bombardati dal brutto e dal male che toglie la speranza. Genitori distratti, il silenzio degli scienziati L’omicida  sedicenne  ora racconta che sentiva la voce del diavolo,  turbato dalla serie  televisiva  “Lucifer”,  ma la razionalità dimostrata con i...

I giallorossi rivivono solo a Napoli

I giallorossi rivivono solo a Napoli

Pd e 5 Stelle uniti nel sostenere il candidato sindaco Manfredi. Ma ce la faranno a vincere? A Napoli si risperimenterà, per il momento caso unico in Italia, la coalizione Pd-5Stelle. Ricordate, è quell’alleanza tra forze assolutamente incompatibili, contro natura,...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te