Quando la peste decimò Atene

da | Mar 20, 2020 | Storia

Il Coronavirus, dopo aver seminato panico e morte in Cina e in alcune nazioni dell’Asia, sta ora provocando una strage senza limiti in Europa, con particolare accanimento in Italia. Ma la storia dell’antichità è costellata da epidemie del genere, che provocarono addirittura devastanti cali demografici, anche se spesso questo tipo di evenienza era pure collegata al gran numero di morti sui campi di battaglia e nella città assediate. Se i due tragici eventi avvenivano contemporaneamente era una catastrofe.

Questa premessa riporta alla mente una famosa guerra dell’antichità, quella del Peloponneso (431-411 a. C.) fra Sparta e Atene, quando ai morti caduti in battaglia si aggiunsero quelli di un’epidemia ricordata come “la peste di Atene” (anche se moderni studi hanno stabilito che si trattò di tifo, o di altra malattia virale). Un narratore di eccezione di questo lungo conflitto fu lo storico greco Tucidide che lo descrisse cominciando fin dall’inizio quando «previde che sarebbe stata importante, la più notevole tra le precedenti». Lo deduceva dalla preparazione dei belligeranti, e dal fatto che «vedeva il resto dell’Ellade unirsi agli uni o agli altri; parte immediatamente; parte nelle intenzioni». Convinto che scrivere storia del passato fosse difficile per mancanza di documenti sicuri, preferì scrivere su una guerra di cui fu contemporaneo.

Tucidide nel Proemio getta le basi della moderna storiografia scientifica, si addentra nell’analisi comparativa delle testimonianze, grazie al quale cerca di arrivare alla più esatta ricostruzione critica degli avvenimenti: «Quanto ai fatti veri e propri svoltosi durante la guerra, ritenni di doverli narrare non secondo le informazioni del primo venuto, né secondo il mio arbitrio, ma in base alle più precise ricerche possibili su ogni particolare, sia perciò di cui ero stato testimone diretto, sia per quanto mi venisse riferito dagli altri». Altrettanto rigorose sono le sue dichiarazioni programmatiche all’inizio della descrizione della peste ateniese che colpì per primi gli abitanti che vivevano presso il porto del Pireo.

Pericle diede l’ordine di far rifugiare gli ateniesi e gli abitanti dei borghi vicini dentro le mura di Atene. Oggi sarebbe stata chiamata “zona rossa”. La sovrappopolazione e la scarsa igiene causarono la diffusione della pestilenza. La propagazione del morbo fu senza eguali. Prima di descrivere questa calamità Tucidide premette: «Dirò di che genere essa sia stata, e mostrerò quei sintomi che ognuno potrà considerare e tener presenti per riconoscere la malattia stessa, caso mai scoppiasse una seconda volta. Giacché io stesso ne fui affetto e vidi altri malati».

La pestilenza e i successi degli Spartani vennero interpretati dal popolo e anche dai soldati opera di Apollo; il dio si era schierato dalla parte degli Spartani e combatteva al loro fianco. Tucidide si rifiutò di credere a tali superstizioni, non concesse alcuno spazio all’intervento degli dei, ma decise di seguire un ragionamento di tipo scientifico, indagando sulle cause, sulle forme in cui si presentò questa pestilenza nella quale morì anche Pericle, e la descrisse in modo impressionante con tensione narrativa, non priva di umanità, con un linguaggio medico e realistico: «Senza alcuna motivazione visibile, all’improvviso, le persone venivano prese da vampate di calore alla testa, arrossamento e bruciore agli occhi. La gola e la lingua assumevano subito un colore sanguigno, ed emettevano un odore strano e fetido. Dopo questi sintomi sopraggiungevano starnuti e raucedine, e dopo non molto tempo il male scendeva al petto con una forte tosse; e quando raggiungeva lo stomaco provocava spasmi, svuotamenti di bile e forti dolori. Nella maggior parte dei casi, si manifestava anche un singhiozzo con sforzi di vomito che generavano violente convulsioni. Il corpo era rossastro, livido, sparso di pustole e ulcere».

Inutili furono quei rimedi contro le malattie, cui si ricorreva fin da tempi lontanissimi: consultare gli oracoli, pregare nei templi, sacrificare animali. Quel morbo destinato a segnare il declino di Atene, colpiva con una violenza maggiore di quanto potesse sopportare la natura umana. Si mostrò diverso da uno dei soliti mali. La gente moriva perché nessun organismo, pur forte, era sufficiente a combattere quella malattia. I medici non riuscirono a diminuire il numero delle vittime, non solo per le tecniche inadeguate, ma anche perché erano i primi a morire per il contatto con i malati e i morti.

Tucidide descrisse le conseguenze di questo atroce contagio anche sul piano morale e del costume. Con l’alternarsi della paura e della speranza, venne meno la solidarietà fra gli stessi amici e parenti, la diffusione del male abbrutì e si violarono leggi umane e divine: «L’epidemia diede il segnale al dilagare dell’immoralità in Atene. Gl’istinti, prima nascosti, si sfrenarono dinanzi allo spettacolo dei rapidi cambiamenti: ricchi subito morti, nullatenenti a un tratto ereditieri. La vita e il denaro avevano agli occhi della gente lo stesso effimero valore. Si voleva godere materialmente e in fretta … nessun timore divino, nessuna legge umana li tratteneva… prima che scoccasse l’ora valeva la pena aver vissuto».

Il naufragio di Costantino e la chiesa di San Giovanni

Il naufragio di Costantino e la chiesa di San Giovanni

Tra i frammenti della tradizione popolare napoletana ritroviamo un antico racconto che vede come protagonista l'imperatore Costantino e parte della sua famiglia. Il racconto narra di un terribile naufragio che colpì il re, la figlia Costanza e la nipote Patrizia,...

San Pietro, Candida e Aspreno

San Pietro, Candida e Aspreno

Questo racconto è stato trasmesso nei secoli oralmente, per tanto non ha mai avuto una stesura definitiva. Prima che la parola di Cristo arrivasse fino alla città di Napoli, i napoletani erano devoti agli dei pagani e dedicavano loro sacrifici e preghiere su di un...

Castel Capuano e le grida di Giuditta

Castel Capuano e le grida di Giuditta

Castel Capuano,che un tempo è stato sede della sezione civile e penale del tribunale di Napoli, risulta essere, prima ancora di Castel dell'Ovo, il più antico castello della città. Fu costruito nella metà del XII secolo, di origine normanna e prende il suo nome dalla...

La strega del Vesuvio

La strega del Vesuvio

Napoli e il Vesuvio, emblema di potenza distruttrice e di infinita bellezza, ma anche scenario di tante leggende. Tra queste quella della "Strega del Vesuvio", risalente al 1858, e tramandata solo oralmente, che inizia con un'irruenta eruzione del vulcano. Il fenomeno...

Quando Ribera temeva la “Pietà” di Stanzione

Quando Ribera temeva la “Pietà” di Stanzione

La  Certosa di San Martino è tra i più grandi complessi monumentali religiosi di Napoli. Sorge sulla collina del Vomero, vicino al Castel Sant'Elmo, e regala una splendida vista su tutta la città e il suo magnifico golfo. Contiene la chiesa dedicata a San Martino che...

Amore e gelosia a Palazzo Donn’Anna

Amore e gelosia a Palazzo Donn’Anna

Napoli è avvolta da molteplici miti e leggende che si nascondono tra le sue antiche strade e quartieri, dove il sacro e il profano si incontrano dando luce a storie misteriose. Ricco di fascino è il Palazzo Donn'Anna, una costruzione in tufo risalente al XVII secolo,...

La bimba di Palazzo Spinelli di Laurino

La bimba di Palazzo Spinelli di Laurino

Nel pieno del centro storico di Napoli, precisamente in via dei Tribunali, sorge un palazzo risalente al XV secolo: Palazzo Spinelli Laurino, che fu restaurato nel 1767 dal duca di Laurino, Troiano Spinelli, da cui acquisisce il nome. Attorno al palazzo, prende forma...

Gaiola, una maledizione che non perdona

Gaiola, una maledizione che non perdona

Il mare di Posillipo incanta ogni estate tantissimi bagnanti che si recano sulle sue spiagge per godersi il sole e il mare. Tra i posti più ambiti, la Gaiola fa da regina. E proprio intorno all'isolotto della nota Gaiola si aggirano storie e vicende spiacevoli legate...

La storia degli amanti di Palazzo Sansevero

La storia degli amanti di Palazzo Sansevero

Napoli è la città del sole, del mare e dell'allegria. Eppure sono tanti i racconti che nascondono anche un suo lato tetro e oscuro, storie e leggende misteriose e condite da atroci omicidi. Celebre è la storia di Palazzo Sansevero, in Piazza San Domenico, una storia...

Pogerola e il “Miracolo del latte”

Pogerola e il “Miracolo del latte”

La Costiera Amalfitana è un luogo dove si intrecciano molte leggende, tra queste, c'è una in particolare che riguarda la chiesa di Pogerola (situata in una frazione di Amalfi). La storia in questione racconta di un evento alquanto miracoloso su una statua di legno...

Piano di Sorrento e la storia della Madonna di Galatea

Piano di Sorrento e la storia della Madonna di Galatea

Il Piano di Sorrento è ricco di famose leggende, tra queste, una in particolare è legata all'ambito ecclesiastico: la storia del ritrovamento dell'antica immagine della Madonna di Galatea. Il racconto ha inizio durante una mattina primaverile del 1580, e ha come...

Positano e la leggenda di Montepertuso

Positano e la leggenda di Montepertuso

Tra le perle della costiera amalfitana ritroviamo l'incantevole Positano, che ogni anno si rivela tra le attrazioni turistiche più gettonate del paese. I visitatori più attenti nell'ammirare il paesaggio mozzafiato di questa cittadina, di sicuro non si saranno fatti...

La Mostra d’Oltremare compie 78 anni

La Mostra d’Oltremare compie 78 anni

La Mostra d’Oltremare compie 78 anni. Si tratta della struttura di Fuorigrotta che i napoletani vivono tuttora quotidianamente e che fu realizzata, per volere di Mussolini, nell'ambito del rinnovamento urbanistico cittadino dell’epoca. È il più importante complesso...

Maggio 1860, lo sbarco dei Mille a Marsala

Maggio 1860, lo sbarco dei Mille a Marsala

Maggio 1860, così ebbe inizio la colonizzazione del Regno. Esattamente 158 anni fa, l’11 maggio 1860, indisturbato per ordine del corrotto comandante borbonico Acton e protetto dal benevolo occhio della marina inglese, ufficialmente di stanza nel porto per proteggere...

Il cavallo Napoletano: una storia favolosa

Il cavallo Napoletano: una storia favolosa

Cavallo Napoletano. Che se ne dica o meno, l’equitazione, ovvero l’arte di andare a cavallo, nacque a Napoli. La passione per il cavallo a Napoli nacque dall'ammirazione per il cavallo Napoletano, la razza nostrana (a detta di molti) perfetta. Principi, re e regine di...

Le carte napoletane e i loro segreti

Le carte napoletane e i loro segreti

La curiosità. Il mazzo da gioco, celebrato anche in diversi film, contiene riferimenti a personaggi popolari Sono piacentine, romagnole, siciliane, sarde, abruzzesi ma soprattutto napoletane. Di cosa parliamo? Delle carte da gioco ed in particolare dei “mazzi” di...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te