De Laurentiis vende tutti i big e con il tesoro va all’attacco di Icardi

da | Mar 9, 2020 | Calcio Napoli

De Laurentiis si è fatto un po’ di conti e pur tenendosi al ribasso ha capito che vendendo chi non vuol più restare ed anche qualcuno che resterebbe, ma che ha mercato, può mettere da parte non un tesoretto, ma un vero e proprio tesoro.
Facciamo insieme a lui un po’ di conti: almeno 70 milioni per Koulibaly, 40 per Allan e 40 per Milik, eventualmente altri 70 per Fabian Ruiz. E se Ancelotti dovesse fissarsi per Lozano potrebbe riprendersi una buona parte dei 40 già sborsati per il messicano. Diciamo che siamo a quota 250 milioni. E con un tesoro così altro che rifondare la squadra. Si può subito pensare di puntare in alto. E come? Ecco che a questo punto del ragionamento sarebbe rispuntato un nome da sempre caro a De Laurentiis: Icardi.
Negli ultimi anni il Napoli ha più volte provato a fare di tutto per accaparrarselo. Era giunto ad offrire persino un ruolo di attrice alla moglie Wanda Nara. Insomma una sorta di chiodo fisso. Ed ora l’assalto all’argentino potrebbe riprendere. Secondo fonti milanese che hanno rilanciato la notizia nelle ultime ore sarebbero riprese le telefonate con Wanda Nara e i suoi legali, perché il club azzurro ci vorrebbe riprovare sul serio, visto che il Psg non lo riscatterà o, se dovesse riscattarlo, sarebbe pronto a girarlo ad un altro club. Il rapporto con lo spogliatoio è ai minimi storici, quello con la tifoseria non è da incorniciare. Per questo anche il bomber argentino sarebbe pronto a cambiare aria.


Di questa ipotesi in casa Napoli si sarebbe parlato anche durante l’incontro di venerdì tra il patron De Laurentiis e Gattuso. La strategia sarebbe quella di dare appunto il via libera alla cessione di alcuni dei top player attualmente in rosa per costruirsi il tesoretto per Maurito: servono 70 milioni, una cifra non impossibile. E rimarrebbe anche il resto per puntellare gli altri settori.
Tanto più che Milik non vuole più restare al Napoli. Il bomber polacco ha ormai deciso. Tutto è precipitato quando il suo agente ha chiesto ad Aurelio De Laurentiis un rinnovo di contratto fino al 2024 con ingaggio da 5 milioni a stagione e una clausola di risoluzione non più alta di 50 milioni. Il club azzurro non si opporrà al suo addio, in estate può partire dunque il valzer delle punte. E se non dovesse concretizzarsi la pista Icardi il Napoli, potrebbe virare su due opzioni, Belotti (ma con Cairo il discorso è quasi impossibile) o Jovic dell’Atletico Madrid, acquistato a 60 milioni e poco utilizzato da Simeone. Oltretutto all’Atletico non dispiacerebbe affatto Milik.
Abbiamo detto che con il tesoro incassato dalle vendite De Laurentiis dovrebbe provvedere anche a potenziare altri settori. Primo fra tutti quello dei centrali, considerata la cessione di Koulibaly e quella probabile di Luperto.
Rahamani lo ha già preso, ma ne serve almeno un altro. Fermi restando i contatti con il Verona per Kumbulla (ma c’è anche l’Inter che preme) il Napoli, invece, per sostituire Koulibaly avrebbe individuato in Nikola Milenkovic della Fiorentina il profilo ideale. Con 35 milioni sull’unghia l’affare si potrebbe fare tranquillamente. Insomma c’è molta acqua che bolle in pentola.

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Lo scudetto potrebbe essere assegnato sul filo di lana e allora quanti rimpianti Noi non sappiamo come andrà a finire. Oggi il Napoli ha tre punti di distacco dal Milan e forse anche dall’Inter, se i nerazzurri dovessero vincere la partita che devono recuperare. Ci...

Vomero, controlli movida dei carabinieri

Vomero, controlli movida dei carabinieri

Tra mercoledì e venerdì, nell'ambito dei servizi predisposti dalla Questura di Napoli nelle aree della “movida”,  i poliziotti del Commissariato Vomero, i militari dell’Arma dei Carabinieri, i finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza, con il...

E servono sempre terzino e centrale di difesa

E servono sempre terzino e centrale di difesa

L’arrivo del solo Tuanzebe non ha risolto i problemi strutturali dell’organico degli azzurri Nel momento di maggior fulgore, dopo le otto vittorie consecutive ad inizio di campionato, osservatori e tifosi, sull’onda dell’entusiasmo, avevano già indicato il Napoli...

Napoli, un futuro da inventare

Napoli, un futuro da inventare

I vuoti del Maradona non dipendono solo dal Covid.Tifosi sempre più spaesati e meno innamorati Un giorno, neanche tanto all’improvviso, sembra che l’amore dei tifosi azzurri per la loro squadra sia evaporato in modo pressochè totale e definitivo. L’avvio di Insigne,...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te