Il Napoli cade con il Lecce, ma l’arbitro ci ha messo il suo

da | Feb 10, 2020 | Calcio Napoli

Premessa d’obbligo: il Napoli è ritornato al suo trend “normale” di errori, disattenzioni e disordine tattico e, quindi, c’ ha messo molto di suo per l’ennesima sconfitta stagionale… Ma era proprio necessario designare un arbitro sardo, per di più tra i più scarsi della categoria, per una partita che richiedeva polso e attenzione per entrambe le squadre? Il sardo si è rivelato… sordo – al richiamo Var per il fallo, netto, subito da Milik che forse avrà pure accentuato la caduta ma dopo il contatto – e cieco, perchè ha sorvolato in più situazioni consentendo ai giocatori salentini perdite di tempo notevoli e giocate sempre al limite del consentito a danno degli azzurri.
L’imprevedibilità del calcio, comunque, che resta una specie di elisir di lunga vita per questo sport ancora definito “il più bello del mondo”, (ma da chi? ndr) ha regalato l’ulteriore delusione di stagione ai quasi cinquantamila tifosi che erano tornati a riempire il San Paolo con il cuore gonfio di speranze dopo le recenti imprese degli azzurri. Eppure sembrava che gli inizi di gara fossero tutti favorevoli al Napoli che per i primi 25’ di gioco ha creato molto, favorito anche da diversi errori in uscita della retroguardia leccese. Pronti via e vedi subito un Napoli vivo, combattivo, convinto come lo vuole Gattuso. Milik alto di testa su cross di Mario Rui (10’), Zielinski che spreca, sempre di testa, la più facile delle conclusioni sempre su cross del portoghese (14’), Zielinski che approfittando di un errore di Donati sbaglia il tocco decisivo per Milik, solo davanti a Vigorito (19’), ed una conclusione di Mario Rui respinta in due tempi dal numero uno del Lecce (24’), scandiscono i tempi di gioco di un Napoli che sembra padrone del proprio destino e della gara. Tanto gioco, solo del Napoli, ma non basta. Corre, lotta, s’industria anche se Lobotka e Zielinski sono quasi sempre fuori posizione e fuori dal gioco mentre Politano, Demme e in parte lo stesso Insigne, anche se talvolta confusionario, sembrano in grado di far crollare l’arcigna e tosta difesa predisposta da Liverani. Nel calcio, però, punti e gol non si pesano in base alle azioni ma si contano. E il Lecce, alla prima occasione passa con Lapadula, che segna un gol facile facile dopo un cross di Saponara, migliore in campo, e il conseguente tiro di Falco respinto da Ospina sui piedi del centravanti. Tutto da rifare e fantasmi che ritornano a materializzarsi, con lo “sconforto” dell’ennesimo palo, esterno però, colpito da Insigne con una rovesciata a pallonetto, deliziosa ma poco fortunata (35’).
La ripresa, se possibile, diventa, tra gli errori di Giua e quelli degli azzurri e di Gattuso, una fiera degli orrori o quasi. Eppure il Napoli al minuto 48 riacciuffa la gara con una bellissima azione tra Insigne e Mertens, subentrato a Lobotka, con sovrapposizione del belga e cross a tagliare la difesa giallorossa per servire Milik, solo davanti alla porta, che per poco non manda alto il tap-in facilissimo. Dovrebbe diventare un’altra partita, tutta per il Napoli, invece gli azzurri si ammosciano d’improvviso atleticamente e subiscono le ordinate e attrezzate ripartenze dei giovanotti di Liverani che con Barak, Saponara e Falco spostano in alto il baricentro della propria squadra. Il Napoli concede confidenza e palleggio ai giocatori leccesi e così Falco trova tempo e modo per servire in area Lapadula che di testa brucia un disorientato Di Lorenzo per riportare avanti i suoi. Non finisce qui, perchè i cambi estremi di Gattuso, Callejon per Politano (61’) e Lozano per Insigne (76’), scollano ancora di più una squadra volenterosa ma senza idee, vanamente protesa al pareggio. Il tris salentino arriva da punizione di Mancosu (81’), fischiata per un fallo tattico di Mario Rui teso a evitare l’ennesimo contropiede dopo un fallo non fischiato da Giua in favore del Napoli. La rete di Callejon al 90’ serve solo a scaldare i tifosi convinti di un nuovo miracolo che però non si materializza. Si materializzano, invece, i soliti problemi di una squadra che spreca tanto per mancanza di cattiveria sotto porta e poi non riesce a rimanere ordinata alle prime difficoltà. L’emorragia di sconfitte in campionato riprende come un bruttissimo compagno. Così l’Europa resta un miraggio. Inspiegabile l’andamento lento, per non dire schizofrenico, della squadra al San Paolo. E ci torna in mente una bella canzone di Bobby Solo che faceva così: “Non c’è più niente da fare… È stato bello sognare”.
I sogni azzurri, sono durati lo spazio di solo 180 minuti. Gli incubi per i tifosi, invece, sembrano non avere fine in questa stagione maledetta.

Nella notte per Diego riparte il Napoli

Nella notte per Diego riparte il Napoli

Nella notte per Diego riparte il Napoli, 4-0 alla Lazio e primato solitario in classifica, Zielinski apre le marcature, poi Dries Ciro Mertens firma una straordinaria doppietta, poi Ruiz mette il sigillo nel secondo tempo. Nella notte per Diego riparte il Napoli -...

Napoli gelido a Mosca

Napoli gelido a Mosca

Napoli gelido a Mosca, contro lo Spartak finisce 2-1, gli azzurri si riscaldano nel secondo tempo ma non riescono a recuperare il risultato. Napoli gelido a Mosca, nel pomeriggio freddo della partita contro lo Spartak, gli azzurri non si rialzano e incassano la...

Napoli: stop a San Siro, la spunta l’Inter

Napoli: stop a San Siro, la spunta l’Inter

Napoli: stop a San Siro, la spunta l'Inter per 3-2. Azzurri in vantaggio con Zielinski ma si fanno rimontare dai padroni di casa, sul 3 a 1 entra Mertens che riapre la partita e sfiora il clamoroso pareggio allo scadere. Napoli: stop a San Siro, la squadra di...

DeLa-Insigne: c’eravamo tanto amati(?)

DeLa-Insigne: c’eravamo tanto amati(?)

La proposta di rinnovo al ribasso del patron del Napoli sembra un invito a chiudere dodici anni di storia Che futuro ci sarà per Lorenzo Insigne? Cosa sarà del condottiero della nazionale, leader e capitano del Napoli? Dopo il pareggio con il Verona e il flop con la...

Covid, allarme in casa Napoli: Demme è positivo

Covid, allarme in casa Napoli: Demme è positivo

Torna l’allarme Covid in casa Napoli. Secondo quanto riportato dal Corriere del Mezzogiorno, dopo il consueto giro di tamponi della giornata di ieri,  Diego Demme sarebbe risultato positivo e attualmente asintomatico. Il centrocampista tedesco è già in isolamento...

Napoli-Verona, è ancora pari…

Napoli-Verona, è ancora pari…

Napoli-Verona è ancora pari al Maradona, al gol di Simeone risponde Di Lorenzo, non basta l'assedio del Napoli per scardinare la difesa avversaria. Napoli-Verona, è la partita del ritorno dei gruppi organizzati, almeno quelli della curva A, ma è anche la partita che...

Rimonta a Varsavia, 4 gol del Napoli per…

Rimonta a Varsavia, 4 gol del Napoli per…

Rimonta a Varsavia, 4 gol del Napoli per conquistare la vetta. Dopo il vantaggio dei padroni di casa con Emreli, nel secondo tempo Zielinski e Mertens la ribaltano su due calci di rigore, poi Lozano e un bellissimo gol di Ounas fissano il punteggio sull'1-4. Rimonta a...

Il derby lo decide Zielinski

Il derby lo decide Zielinski

Salernitana ko. Nonostante una prestazione non delle migliori da parte del Napoli, la decima vittoria è servita Derby che mancava da tantissimo in serie A, quella tra le due campane Napoli e Salernitana è una partita che presenta importanti riscontri per chi si...

Il Napoli riparte, Bologna ko

Il Napoli riparte, Bologna ko

Il Napoli riparte dopo il pareggio di Roma, Bologna ko sotto i colpi di Fabian Ruiz, gol bellissimo e Insigne, doppietta su rigore. Il Napoli riparte - Ripartire e riprendere la marcia vincente, questo è l'obbiettivo della serata dei ragazzi di Spalletti, il Milan con...

Magico Napoli otto su otto

Magico Napoli otto su otto

Magico Napoli otto su otto, il toro alla fine deve cedere alla furia di Osimhen che la risolve con uno stacco perentorio, azzurri a punteggio pieno dopo 8 giornate. Magico Napoli - Inizio della partita molto equilibrato, per l'ottimo schieramento tattico di entrambe...

Napoli, adesso infilza il Toro

Napoli, adesso infilza il Toro

Il match con i granata per continuare la serie positiva e magari allungare ancora sulle inseguitrici A caccia dell’ottava meraviglia, il Napoli, nell’arena del Maradona cercherà di matare un Toro sempre difficile da battere. È ancora vivo il ricordo della partita...

Prima caduta per il Napoli di Spalletti

Prima caduta per il Napoli di Spalletti

Prima caduta per il Napoli di Spalletti, al Maradona gli azzurri non riescono, in dieci, a contenere lo Spartak Mosca, finisce 2-3 ma tutto è ancora possibile. Prima caduta - Ottima partenza per il Napoli che impiega solo 11 secondi per passare in vantaggio,...

Napoli Cagliari: 2-0 sesta vittoria consecutiva

Napoli Cagliari: 2-0 sesta vittoria consecutiva

Napoli Cagliari finisce 2 a 0, azzurri nuovamente primi in classifica e sesta vittoria consecutiva su sei giornate di campionato, Osimhen la sblocca poi è lui stesso a procurarsi il rigore nel secondo tempo, trasformato da Insigne per il 2 a 0 finale. Napoli Cagliari...

Napoli: che sorpresa!

Napoli: che sorpresa!

Grande inizio di stagione. E i tifosi tornano a seguire la squadra con passione Dopo appena cinque giornate di campionato è pericoloso azzardare pronostici soprattutto in chiave partenopea, ma in generale si può affermare che le previsioni della vigilia secondo cui la...

Poker bis, il Napoli affonda anche la Samp

Poker bis, il Napoli affonda anche la Samp

Poker bis, il Napoli affonda anche la Sampdoria, Osimhen incontenibile firma una doppietta, doppio assist di Insigne e Lozano, Ruiz raddoppia mentre il sigillo è di Zielinski. Cinque vittorie su cinque e azzurri primi a punteggio pieno. Poker bis - Seconda vittoria...

Un Napoli spettacolare vola in testa alla classifica

Un Napoli spettacolare vola in testa alla classifica

Napoli spettacolare, 4 gol all'Udinese nella Dacia Arena, Osimhen e Rrahmani nel primo tempo, Koulibaly e Lozano per il tris e il poker nella ripresa, unica squadra a punteggio pieno. Napoli spettacolare - Chiamato all'ennesima vittoria in campionato, per conquistare...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te