’Na tazzulella ‘e cafè: la bevanda della regina per la Chiesa era vietata

da | Mar 20, 2019 | Cultura&Spettacolo

La prendiamo in piedi, seduti, a letto. ‘A tazza ‘e cafè è un rito, un culto, parte integrante della giornata tipo di un buon napoletano. Da quando Maria Carolina d’Asburgo, andata in sposa a Ferdinando IV di Borbone, ne introdusse a corte l’usanza che era già da tempo in voga a Vienna, negli eleganti e raffinati Kaffeehaus. Arrivammo ad apprezzare quella nera delizia – frutto di una pianta etiope – dal nome arabo qahwa, che vuol dire eccitante, e che in Turchia è divenuto kahve, con incolpevole ritardo. In realtà, il caffè lo conoscevamo da tempo perché i mercanti veneziani l’avevano fatto sbarcare a Napoli ancor prima della decisione di Maria Carolina d’introdurlo a corte. Ma la Chiesa, spesso esempio di oscurantismo, la ritenne bevanda del diavolo (per il suo colore nero) e la gente del popolo si convinse che portasse male. So’ cose ‘e pazz! E comunque, un grazie di cuore va a Maria Carolina, regina friccicarella e buongustaia. Perché ad un ballo di corte nella Reggia di Caserta (1771) fece servire le tazze di caffè da camerieri che indossavano cappellino e giubba bianca, i primi baristi del primo Caffè del Regno di Napoli. Dalle cucine di corte a quelle di ogni abitazione il passo fu breve.

Poiché Napoli è stata storicamente spugna, nel senso che ha assorbito ed assorbirà sempre, quanto ci viene dato dagli altri, dette naturalmente il benvenuto alla cocumella, la caffettiera inventata nel 1819 dal francese Morize. Quella che in Questi fantasmi Eduardo mostra al professore dirimpettaio nel celebre monologo, spiegandogli la variante del coppetello di carta da infilare sul becco della caffettiera. Il famoso sistema a doppio filtro.E infine nel 1900 si passò all’adozione della macchina di cui i baristi della città si dimostrarono ben presto maestri. Nacque così l’espresso napoletano, la goduria di cui beneficiamo tutti i giorni. Ed è arrivato il momento dell’estasi e del tormento. Il primo sentimento è quello che in tutta Napoli si prova sorbendo ‘a tazzulella ‘e cafè. Il secondo è quello che ci prende quando il caffè lo sorbiamo fuori. Anni fa, quando seguivo la Nazionale di calcio, prima di imboccare il cancello di Coverciano, mi fermai a Settignano.

Sembrava di vivere in un altro mondo: la piazzetta, la Casa del Popolo, l’ufficio postale senza porte blindate ed il bar. Entrai, chiesi un caffè, accostai le labbra alla tazzina ed alla mia smorfia di disgusto, il barista mi chiese: ma nun l’è bbono? È ‘na schifezza! risposi. E lui: gliene faccio un altro? ed io: p’ammore ‘e ddio. Il mio amico Lino Zaccaria fece di meglio in un bar di Helsinki che aveva insegna italiana, sostituendosi addirittura al barista gentile che gli aveva messo a disposizione la macchina. Certo, sul caffè, noi napoletani siamo capaci di perdere le abituali doti di pazienza ed ironìa. Ma che cosa volete, il caffè lo cantiamo: con “ma cu sti mode, oje Briggeta, tazza ‘e cafè parite, sotto tenite ‘o zzuccaro e ‘ncoppa amara site”; con “Ah, che bellu cafè, sulo a Napule ‘o sanno fà”. Fino ad arrivare al sociale, con Pino Daniele: “’Na tazzulella ‘e cafè e mai niente ce fanno sapé, nuje ce puzzammo ‘e famme, ‘o sanno tutte quante e invece e c’aiutà c’abboffano’e café”. Stupendo, beh, ora vado, è l’ora d’o cafè.

Lo cunto de li cunti

Lo cunto de li cunti

Il classico dei classici, bello tra i belli, Lo cunto de li cunti di Giambattista Basile è, attualmente, il libro napoletano più noto, meritando persino, in tempi recentissimi, una messinscena cinematografica che, in verità, non ha riscosso consensi straordinari, ma...

Vedi Napoli e poi mangi e bevi

Vedi Napoli e poi mangi e bevi

Un rapporto sul turismo enogastronomico individua la città partenopea come la più “appetibile” Gradualmente le riaperture stanno riportando turisti e visitatori nelle città italiane. Non sarà, purtroppo, un fenomeno di massa, ma considerati i presupposti, bisogna...

Parte il Festival delle Arti 2021

Parte il Festival delle Arti 2021

La rassegna, giunta alla sua sesta edizione, è organizzata dalla storica associazione Noi per Napoli Parte il Festival delle Arti 2021 Noi per Napoli dedicato alla città di Napoli, al suo patrimonio storico e culturale, alle sue tradizioni, alla Lirica e al Bel Canto...

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

Altro classico che ascriviamo alla letteratura di Napoli è “San Gennaro vère” dell’autore ungherese Sàndor Màrai, il cui titolo italiano risponde a “Il sangue di San Gennaro”. E lo poniamo nella letteratura di Napoli non solo perché parla con slancio di una Città, a...

Ninfa plebea di Domenico Rea

Ninfa plebea di Domenico Rea

La seconda recensione di un classico della letteratura napoletana ha per oggetto, ovviamente, un libro straordinario, e ci ricorda, indirettamente, le consuetudini di un “Paese straordinario”. Ove la seconda “straordinarietà” non è da intendersi positivamente....

I sentieri della musica di Paolo Isotta

I sentieri della musica di Paolo Isotta

Una lettura dei classici della cultura napoletana e meridiana Diamo avvio questa settimana ad una nuova rubrica che ha per intento quello di rendere più noti opere e/o autori ascrivibili alla letteratura napoletana. Ricordando e rileggendo, nei limiti delle nostre...

Premio Filangieri, ci siamo

Premio Filangieri, ci siamo

di Federico Marone Dalle bellezze del passato alla street art: via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia Premio Filangieri, via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia promosso dall’ente ecclesiastico “Immacolata e...

Mantenimmo pubbleco ’stu ciardino antico

Mantenimmo pubbleco ’stu ciardino antico

’A Giunta vo’ affidà ê private ’o vverde d’ ’a Villa Cummunale Doppo paricchio tiempo, ’ncopp’ê giurnale napulitane se parlaancora d’ ’aVilla Cummunale. L’urdema volta fuje quanno ’o presidente De Luca facette chiudere parche e cciardine, comme si spannere ’o virusse...

Napoli celebra il “divin poeta”

Napoli celebra il “divin poeta”

La mostra “Divina Archeologia” a settembre al Mann ricorderà i 700 anni dalla morte di Dante In tutta Italia si celebrano quest’anno i settecento anni dalla morte di Dante Alighieri, il “divin poeta” reso immortale dai versi della Divina Commedia. E non solo. Anche a...

La scuola dei giusti nascosti

La lettura di questa settimana riprende il genere della narrativa con un romanzo di formazione scritto da Marcello Kalowski, “La scuola dei giusti nascosti”, pubblicato lo scorso anno dalla casa editrice Besa. Due ragazzine sono le protagoniste che animano la storia,...

Un concerto per il principe

Un concerto per il principe

Ricordo in musica, on line, per i 250 anni dalla morte di Raimondo di Sangro La pandemia sta assestando un colpo durissimo alla cultura. Ma per fortuna non tutto tace. Sabato, stasera, alle 19.30 un concerto on line aprirà le celebrazioni per i 250 anni dalla morte di...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te