I due miracoli di Spalletti

da | Dic 19, 2021 | Calcio Napoli

Rrahmani e Lobotka: Gattuso li aveva ignorati e sembravano due giocatori persi alla causa del Napoli (e di Adl)

Rino Gattuso a Napoli non è stato fortunato. In fondo all’ultima giornata di campionato per un misero gol ha perso il quarto posto e la qualificazione Champions. Esattamente come era avvenuto quando sedeva sulla panchina del Milan. Ma al di là di questa considerazione e degli indubbi meriti che pure gli vanno riconosciuti (risveglio della squadra dal torpore di Ancelotti, rilancio di Lozano) occorre anche riconoscere che certe “fisime” (comuni peraltro a tutti gli allenatori) hanno provocato, viceversa, solo danni.
Come si possono giudicare, ad esempio, gli accantonamenti pressoché totali di Rrahmani e Lobotka? Eppure lo stesso Gattuso non era certo un allenatore alla Sarri, che partiva con quattordici giocatori e con gli stessi arrivava al fine campionato. Ricorreva spesso al turn over ed alternava i suoi uomini. Tutti tranne Rrahmani e Lobotka, però. Il primo era stato strappato al Verona nella sessione di mercato invernale. Il Napoli lo aveva lasciato in prestito ai veneti e lo aveva poi regolarmente inserito in rosa con il ritiro di luglio 2020. Rrahmani era reduce, con Kumbulla e Amrabat, da una strepitosa stagione agli ordini di Juric e tutto lasciava presagire che, considerato anche il prezzo di acquisto di soli dieci milioni, potesse trattarsi di un affare.

Ma il ragazzo, tranne qualche breve apparizione in precampionato, finì invece per languire miseramente in panchina. Nemmeno i cinque minuti finali a risultato già acquisito. Nel dimenticatoio. Un mistero. Poi da gennaio, con le costanti frequentazione dell’infermeria da parte di Manolas e con qualche, seppur rara, defezione di Koulibaly, fu necessario gettarlo nella mischia. Un esordio disastroso, caratterizzato da uno sciagurato retropassaggio, sembrava dover dar regione alle perplessità di Gattuso. Era chiaro che il giovane kosovaro, finito ultimo tra le riserve, s’era demotivato. Solo nel finale del torneo mostrò qualche timido bagliore. Rimandato, insomma. Ora con Spalletti la musica è cambiata. Fiducia piena sin dalle prime battute, Rrahmani, indipendentemente dagli infortuni che hanno contraddistinto Manolas anche quest’anno, è diventato un perno insostituibile della difesa azzurra.
Ma la sorpresa più positiva di questa prima parte del campionato è rappresentata dal rilancio di Lobotka, l’ex oggetto misterioso. De Laurentiis nella sua ultima intemerata, riferendosi evidentemente allo slovacco, ha detto che Spalletti è il migliore dei suoi allenatori perché sfrutta tutti gli uomini a disposizione ed ha fatto apparire un acquisto che sembrava “farlocco” invece come un acquisto “gagliardo”. Lobotka non è stato molto fortunato perché proprio nel momento in cui si era conquistato un ruolo di titolare è incappato, per due volte, in infortuni lunghi e delicati.
Il giocatore è però ricostruito anche nel morale, ha dimostrato importanti doti da regista puro e certamente darà il suo contributo di qui alla fine del torneo. Con buona pace di De Laurentiis, che appunto non teme più di aver buttato venti milioni per assicurarsi le sue prestazioni.

Dieci anni del Napoli femminile

Dieci anni del Napoli femminile

Una festa che meglio non poteva riuscire. I dieci anni del Napoli Femminile dalla prima promozione in A sono stati un tripudio di emozioni, ricordi, sfrenata allegria e anche calcio. Un evento organizzato con dovizia di particolari dal gruppo fondatore della società...

Napoli, l’aria è pesante

Napoli, l’aria è pesante

Giocatori che vanno via, altri che vogliono andar via, il futuro azzurro è tutto da inventare, e Spalletti… Insigne emigrato d’oro in Canada, Ospina che stacca il telefono che manco “piange”, ricordando una bella canzone di Domenico Modugno, Ciro Mertens che dal...

Procuratori? No, mediatori

Procuratori? No, mediatori

Scandalo infinito, impazza il calciomercato e crescono gli affari. Il coraggio di Iervolino che si è ribellato Le vicende quasi parallele del divorzio di Sabatini dalla Salernitana e della richiesta dei legali di Mertens (4 milioni netti più 800 mila euro di...

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

Presidente De Laurentiis ora basta! Adesso stai esagerando, continuando a prendere in giro un popolo di tifosi calorosi e appassionati che hai anestetizzato con le tue controverse esternazioni prive di senso. Anzi, a senso unico: il tuo. Hai sempre messo in cattiva...

Santo subito

Santo subito

Gioite amori, amorini e Cupidi. Abbiamo un santo in più che ci protegge e si espone all'umano sacrificio di sofferenze e critiche feroci come novello Salvatore. E' lui, San Aurelio da Roma, cittadino del mondo ora innamorato perso di Partenope e dei suoi abitanti,...

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Lo scudetto potrebbe essere assegnato sul filo di lana e allora quanti rimpianti Noi non sappiamo come andrà a finire. Oggi il Napoli ha tre punti di distacco dal Milan e forse anche dall’Inter, se i nerazzurri dovessero vincere la partita che devono recuperare. Ci...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te