I due miracoli di Spalletti

da | Dic 19, 2021 | Calcio Napoli

Rrahmani e Lobotka: Gattuso li aveva ignorati e sembravano due giocatori persi alla causa del Napoli (e di Adl)

Rino Gattuso a Napoli non è stato fortunato. In fondo all’ultima giornata di campionato per un misero gol ha perso il quarto posto e la qualificazione Champions. Esattamente come era avvenuto quando sedeva sulla panchina del Milan. Ma al di là di questa considerazione e degli indubbi meriti che pure gli vanno riconosciuti (risveglio della squadra dal torpore di Ancelotti, rilancio di Lozano) occorre anche riconoscere che certe “fisime” (comuni peraltro a tutti gli allenatori) hanno provocato, viceversa, solo danni.
Come si possono giudicare, ad esempio, gli accantonamenti pressoché totali di Rrahmani e Lobotka? Eppure lo stesso Gattuso non era certo un allenatore alla Sarri, che partiva con quattordici giocatori e con gli stessi arrivava al fine campionato. Ricorreva spesso al turn over ed alternava i suoi uomini. Tutti tranne Rrahmani e Lobotka, però. Il primo era stato strappato al Verona nella sessione di mercato invernale. Il Napoli lo aveva lasciato in prestito ai veneti e lo aveva poi regolarmente inserito in rosa con il ritiro di luglio 2020. Rrahmani era reduce, con Kumbulla e Amrabat, da una strepitosa stagione agli ordini di Juric e tutto lasciava presagire che, considerato anche il prezzo di acquisto di soli dieci milioni, potesse trattarsi di un affare.

Ma il ragazzo, tranne qualche breve apparizione in precampionato, finì invece per languire miseramente in panchina. Nemmeno i cinque minuti finali a risultato già acquisito. Nel dimenticatoio. Un mistero. Poi da gennaio, con le costanti frequentazione dell’infermeria da parte di Manolas e con qualche, seppur rara, defezione di Koulibaly, fu necessario gettarlo nella mischia. Un esordio disastroso, caratterizzato da uno sciagurato retropassaggio, sembrava dover dar regione alle perplessità di Gattuso. Era chiaro che il giovane kosovaro, finito ultimo tra le riserve, s’era demotivato. Solo nel finale del torneo mostrò qualche timido bagliore. Rimandato, insomma. Ora con Spalletti la musica è cambiata. Fiducia piena sin dalle prime battute, Rrahmani, indipendentemente dagli infortuni che hanno contraddistinto Manolas anche quest’anno, è diventato un perno insostituibile della difesa azzurra.
Ma la sorpresa più positiva di questa prima parte del campionato è rappresentata dal rilancio di Lobotka, l’ex oggetto misterioso. De Laurentiis nella sua ultima intemerata, riferendosi evidentemente allo slovacco, ha detto che Spalletti è il migliore dei suoi allenatori perché sfrutta tutti gli uomini a disposizione ed ha fatto apparire un acquisto che sembrava “farlocco” invece come un acquisto “gagliardo”. Lobotka non è stato molto fortunato perché proprio nel momento in cui si era conquistato un ruolo di titolare è incappato, per due volte, in infortuni lunghi e delicati.
Il giocatore è però ricostruito anche nel morale, ha dimostrato importanti doti da regista puro e certamente darà il suo contributo di qui alla fine del torneo. Con buona pace di De Laurentiis, che appunto non teme più di aver buttato venti milioni per assicurarsi le sue prestazioni.

Il Napoli ritorna a sorridere al Maradona

Il Napoli ritorna a sorridere al Maradona

Il Napoli ritorna a sorridere al Maradona, dopo tre sconfitte consecutive tra le mura amiche, gli azzurri battono la Sampdoria per 1-0 grazie al gol di Petagna.   Il Napoli ritorna a sorridere - Stadio desolatamente deserto, pocchissimi i sostenitori per questa...

La mossa di Spalletti che ha sorpreso Pioli

La mossa di Spalletti che ha sorpreso Pioli

La mossa di Spalletti - Petagna titolare e una squadra predisposta all'attesa e al contropiede: cosi il tecnico ha vinto il big match con il Milan. E sul gol di Kessie... La mossa di Spalletti - Nella gelida Milano, il Napoli di Spalletti ridimensionato dalle...

Tra iella e arbitraggi Napoli urla

Tra iella e arbitraggi Napoli urla

Nonostante infortuni e sfortuna la squadra recrimina per i cinque punti persi con Verona ed Empoli È davvero in fase calante il Napoli o gli ultimi risultati negativi sono solo colpa degli infortuni a ripetizione dei suoi giocatori chiave? Spalletti, in verità, non ha...

Quanti scivoloni, don Aurelio!

Quanti scivoloni, don Aurelio!

Una frana. Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis passa per un grade comunicatore. Ma in questi ultimi giorni, vittima del suo stesso narcisismo, l’ha fatta veramente grossa. Ha inanellato una serie di dichiarazioni che oltre a portare scompiglio nel mondo del...

Napoli-Leicester festa a metà..

Napoli-Leicester festa a metà..

Napoli-Leicester festa a metà, gli azzurri vincono per 3 a 2 ma non basta per evitare i sedicesimi di finale. Napoli-Leicester festa a metà - Serata di tempesta al Maradona, il Napoli costretto a vincere contro il Leicester per sperare di passare il turno da primo,...

Nella notte per Diego riparte il Napoli

Nella notte per Diego riparte il Napoli

Nella notte per Diego riparte il Napoli, 4-0 alla Lazio e primato solitario in classifica, Zielinski apre le marcature, poi Dries Ciro Mertens firma una straordinaria doppietta, poi Ruiz mette il sigillo nel secondo tempo. Nella notte per Diego riparte il Napoli -...

Napoli gelido a Mosca

Napoli gelido a Mosca

Napoli gelido a Mosca, contro lo Spartak finisce 2-1, gli azzurri si riscaldano nel secondo tempo ma non riescono a recuperare il risultato. Napoli gelido a Mosca, nel pomeriggio freddo della partita contro lo Spartak, gli azzurri non si rialzano e incassano la...

Napoli: stop a San Siro, la spunta l’Inter

Napoli: stop a San Siro, la spunta l’Inter

Napoli: stop a San Siro, la spunta l'Inter per 3-2. Azzurri in vantaggio con Zielinski ma si fanno rimontare dai padroni di casa, sul 3 a 1 entra Mertens che riapre la partita e sfiora il clamoroso pareggio allo scadere. Napoli: stop a San Siro, la squadra di...

DeLa-Insigne: c’eravamo tanto amati(?)

DeLa-Insigne: c’eravamo tanto amati(?)

La proposta di rinnovo al ribasso del patron del Napoli sembra un invito a chiudere dodici anni di storia Che futuro ci sarà per Lorenzo Insigne? Cosa sarà del condottiero della nazionale, leader e capitano del Napoli? Dopo il pareggio con il Verona e il flop con la...

Covid, allarme in casa Napoli: Demme è positivo

Covid, allarme in casa Napoli: Demme è positivo

Torna l’allarme Covid in casa Napoli. Secondo quanto riportato dal Corriere del Mezzogiorno, dopo il consueto giro di tamponi della giornata di ieri,  Diego Demme sarebbe risultato positivo e attualmente asintomatico. Il centrocampista tedesco è già in isolamento...

Napoli-Verona, è ancora pari…

Napoli-Verona, è ancora pari…

Napoli-Verona è ancora pari al Maradona, al gol di Simeone risponde Di Lorenzo, non basta l'assedio del Napoli per scardinare la difesa avversaria. Napoli-Verona, è la partita del ritorno dei gruppi organizzati, almeno quelli della curva A, ma è anche la partita che...

Rimonta a Varsavia, 4 gol del Napoli per…

Rimonta a Varsavia, 4 gol del Napoli per…

Rimonta a Varsavia, 4 gol del Napoli per conquistare la vetta. Dopo il vantaggio dei padroni di casa con Emreli, nel secondo tempo Zielinski e Mertens la ribaltano su due calci di rigore, poi Lozano e un bellissimo gol di Ounas fissano il punteggio sull'1-4. Rimonta a...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te