“Sbagliato rimuovere le luminarie al Vomero”

da | Dic 18, 2021 | Primo piano

A colloquio con Nino Simeone, presidente della Commissione che dovrà occuparsi anche dell’arredo urbano

È un figlio d’arte, il padre, Carmine Simeone è stato a lungo protagonista della vita politica cittadina tra le fila del partito socialista. Nino Simeone ha ereditato proprio da padre quel piglio battagliero e quell’ansia per le esigenze della cosa comune che ne hanno fatto il più combattivo fra i consiglieri comunali nella passata consiliatura. Rieletto con una considerevole bottino di voti anche in questa ultima tornata elettorale cittadina ha appena riavuto la presidenza di una commissione che dovrà badare praticamente a tutto.
Ma non è certo il tipo da preoccuparsi e il suo non sarà certamente un incarico decorativo. È già al lavoro, senza perdite di tempo. Ma si sottopone volentieri alle nostre domande.

Sedici deleghe, dalle infrastrutture alla mobilità, all’arredo urbano, al traffico, alla viabilità, alle metro, al trasporto pubblico. Un impegno da far tremar le vene e i polsi: è indubbiamente una bella sfida.
“Il Consiglio Comunale ha deciso di confermarmi, questa volta all’unanimità, nel ruolo di Presidente e non nascondo che questo voto mi ha colpito particolarmente. Ecco perché ho accettato”.

Quando entreranno in funzione i nuovi treni della metro? I vecchi viaggiano alla media di quasi quindici minuti a passaggio. Una vergogna.
“La prima cosa da fare è capire a che punto siamo realmente con il cronoprogramma. Un mistero che Anm, assessori e dirigenti dovranno svelare. Poi saprò rispondervi”.

Arredo urbano: era il caso di fare tagliare gli alberi al Vomero proprio ora? Luminarie tolte, commercianti furiosi.
“Questa è la dimostrazione che alcuni dirigenti sono stanchi e vanno sostituiti. Mi sono letteralmente stufato di giustificare l’ingiustificabile. E questo episodio rappresenta plasticamente la situazione del Comune di Napoli… “La capa non sa cosa fa la coda”.

Mobilità e traffico: lungomare non più liberato e Galleria Vittoria. A che punto siamo?
“La commissione si è appena insediata e non posso accettare di dare risposte facendo riferimento ad articoli di giornale. Parleremo con l’assessore e sapremo tutto”.

Quasi tre mesi con Manfredi sindaco. Non s’è visto molto…
“In tre mesi si può soltanto prendere atto della situazione. Tra poco conosceremo quali saranno i mezzi a nostra disposizione e nel frattempo dobbiamo gestire l’ordinaria Amministrazione e programmare le azioni future per la città”.

Molte delle deleghe lei le aveva anche con de Magistris. I risultati sono sotto gli occhi di tutti. Dieci anni indimenticabili, come dice lui. Infatti, non li dimenticheremo.
“Sono convinto che Manfredi avrà un approccio diverso, nei confronti del Consiglio comunale, rispetto a quello avuto da de Magistris. Noi consiglieri, rappresentiamo i cittadini napoletani mentre gli assessori sono collaboratori del sindaco. Una differenza che a molti può sembrare di poco conto ma che invece è sostanziale. Io non faccio sconti a nessuno, come non ne ho mai avuti in vita mia. Difenderò sempre il ruolo del Consiglio comunale nell’interesse della mia città e dei miei concittadini che ci hanno eletto”.

Suor Orsola parla le “lingue” del lavoro

Suor Orsola parla le “lingue” del lavoro

di Giovanni Basile Innovazione didattica e placement dei laureati: la soddisfazione degli studenti dell’Ateneo napoletano La laurea conseguita all’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli risulta più efficace del 15% rispetto alla media nazionale. È quanto emerge...

E a Salvator Rosa i secchi ormai sono “decori”

E a Salvator Rosa i secchi ormai sono “decori”

Non appena piove a Napoli, nella stazione Salvator Rosa della Linea 1 della metropolitana, spuntano diversi secchi che vengono posizionati dal personale dell’Anm per raccogliere l’acqua piovana che cade dall’alto e arriva fino alla banchina. I secchi ormai sono...

La prima metro al mondo chiusa per umidità

La prima metro al mondo chiusa per umidità

Stop alla stazione Università fino al 15 ottobre. Pavimentazione da sostituire: “materiale non idoneo” A poco più di 11 anni dall’inaugurazione la stazione metropolitana di piazza Bovio necessita di 4 mesi di lavori per sostituire le “pregiate pavimentazioni” con un...

Napoli e la “deriva americana”

Napoli e la “deriva americana”

Finora esente dagli assalti a sfondo razziale che partono dai ghetti (come avvenuto il 2 giugno nel Milanese) L’escalation di risse, pestaggi, accoltellamenti, ragazzini che puntano le pistole contro le forze dell’ordine, ha fatto parlare di “deriva americana” a...

Una Cittadella universitaria da Oscar

Una Cittadella universitaria da Oscar

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: straordinario successo ai David di Donatello 2022 per i “Grandi Maestri” del Cinema dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Si può ormai definire una formazione accademica ‘da Oscar’ quella dell’Università Suor Orsola...

E ora il “branco” va in spiaggia…

E ora il “branco” va in spiaggia…

Non bastava la mala-movida. Ancora gravi i due minorenni accoltellati a Marechiaro. Il mare negato Non bastava la mala-movida notturna, adesso con l’arrivo della bella stagione c’è da fronteggiare anche la violenza collegata all’afflusso alle località balneari,...

Napoli, il futuro è da inventare

Napoli, il futuro è da inventare

Il terzo posto non può diventare il punto di arrivo per una società ambiziosa e per tifosi appassionati Sarà il Milan o l’Inter a fregiarsi del triangolino tricolore ai tifosi del Napoli interessa poco. La delusione, nonostante il terzo posto e la qualificazione...

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: ben 12 nomination ai “Grandi Maestri” dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Questa sera (diretta su Rai Uno dalle 21.25) negli studi di Cinecittà per la cerimonia di premiazione della 67esima edizione dei David di...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te