Ferrara modello di turismo: perché Napoli non dà un’occhiata?

da | Ott 6, 2021 | Primo piano, Viaggi

In queste settimane di campagna elettorale Napoli è tornata a essere – almeno negli intenti dei candidati – la città che “potrebbe vivere di solo turismo”. Niente di nuovo rispetto al passato se non che poi Napoli non diventa mai la città che vive di solo turismo (ma speriamo di sbagliarci almeno stavolta: in bocca al lupo al nuovo sindaco Manfredi). E allora potrebbe essere utile, anche per gli amministratori, allargare lo sguardo e apprendere da altre esperienze. Ferrara, per esempio, dove, malgrado la percezione dei locali di dover fare molto di più, la sensazione è che molto si stia già facendo. Certo, il confronto tra il numero di abitanti (Napoli a poco meno di un milione, Ferrara a 130mila circa) e anche quello tra il reddito annuo disponibile pro capite (14142 contro 21933 euro, dati 2020 dell’Osservatorio Findomestic – Prometeia) non è favore del capoluogo campano, ma di certo dare un’occhiata a una realtà che ai nostri occhi funziona non fa male.

Il Castello Estense del 1385

E così Ferrara ci accoglie con il suo ordine, la sua storia e il suo rigoroso rispetto per l’ambiente (a partire dal fatto che è considerata la città più ‘ciclabile’ d’Italia). A far conoscere le sue ricchezze ci pensano Visit Ferrara, il Consorzio degli operatori turistici della Provincia di Ferrara, e Sipro, Agenzia per lo sviluppo che ha tra i suoi obiettivi promuovere lo sviluppo sostenibile, ridurre il consumo del territorio e attrarre investimenti dall’esterno.

Città ricca di verde – bellissimo il suo parco urbano Giorgio Bassani, tra le mura di Ferrara e il fiume Po, in effetti poco segnalato nei circuiti turistici ma da non perdere insieme agli altri spazi verdi come il Parco Massari e l’Orto Botanico – ma soprattutto di storia e cultura: arrivando dalla stazione, la città dà il suo benvenuto con il suo Castello Estense eretto nel 1385, prima fortezza militare e poi reggia signorile, oggi sede di eventi (bellissimo il percorso museale disegnato da Gae Aulenti). È uno dei pochi oggi rimasti in Europa a esser circondato da un fossato con acqua.

Le piccole viuzze che si diramano verso il centro ci conducono verso nord a Palazzo dei Diamanti, sede espositiva di numerose mostre e sede permanente della Pinacoteca Nazionale, la cui facciata è composta da 8.500 blocchi di marmo a forma di punta di diamante, e verso sud-est a Palazzo Schifanoia, costruito nello stesso anno del Castello come luogo di svago e riposo. Peccato per il Museo Boldini ospitato a Palazzo Massari e dedicato a uno dei pittori più celebri nati a Ferrara, chiuso dal terremoto del 2012.

La valorizzazione della sua lunga storia è al centro della politica economica cittadina, anche tramite il riconoscimento delle tante Botteghe Storiche, come l’ultima in ordine di tempo a ricevere la certificazione: la Birraria Giori, dal 1881 impegnata a far degustare panini e birre a chi passeggia nei pressi del Castello Estense. Il patrimonio gastronomico è completato da una lunga serie di piatti tipici: la salama al sugo, i cappellacci di zucca e il Pampepato.

Ferrara non è solo una città

Ma Ferrara sa di non essere soltanto una città e di essere invece circondata da una provincia colma di bellezze naturali ed eccellenze imprenditoriali, che più sono “piccole”, più sono preziose. Il tour può iniziare dall’alto ferrarese, traghettandosi tra vivide realtà come l’Azienda Agricola Cerutti, specializzata in riso, farine, cereali, prodotti da forno e uova (tutte produzioni certificate biologiche dall’Organismo di Controllo Suolo e Salute) con 11 ettari di risaie per una filiera che arriva fino al consumatore finale tramite i mercati contadini.

Splendida la Rocca Possente di Stellata, edificata intorno all’anno mille con pianta a stella e mura poste di sbieco per meglio opporsi alle artiglierie nemiche. La zona segue la vocazione della città, che è quella di lasciarsi scoprire in bici, e così ci si può affidare al sito di noleggio e organizzazione tour linktoursbike.com, che dà la possibilità di muoversi in solitaria o in gruppo lungo le strade a lungo popolate dagli Estensi. Se la bici non è il proprio mezzo prediletto, c’è sempre il fiume: qui, sul Po di Volano o sul Po Grande, ci si fa trasportare da un vaporetto che porta il nome della storica traghettatrice “La Nena”, ovvero Nazarena Casini, anche chiamata la Sposa del Po.

Dal Po a Comacchio tra bici e nave

Altrettanto affascinante, ma molto diversa come paesaggio, la tratta sul fiume che si può percorrere nel basso ferrarese, caratterizzata da lagune e viuzze d’acqua circondate da alte canne, a bordo di una piccola imbarcazione dotata di silenziosi motori, nel rispetto del delicato ecosistema degli impenetrabili canneti della Foce del Po di Volano. Continuando a spostarsi verso est, le Valli di Comacchio: sintesi perfetta tra acqua e terra. Chiamata non a caso la Piccola Venezia per il suo dedalo di ponti e canali (mozzafiato al tramonto la visione del seicentesco Trepponti), è anche volano economico non solo per le tante spiagge attrezzate, ma anche per la storica lavorazione delle anguille e delle acquadelle, di recente riscoperta: negli ultimi anni infatti è stato recuperato l’imponente complesso della fabbrica del marinato.

Infiniti i percorsi che portano alla scoperta di eccellenze artigianali ed enogastronomiche della provincia, valorizzando il trasporto misto bici-barca, forme di sostenibilità ambientale e laboratori come quello disponibile al “Bosco officinale, dove è possibile assistere alla distillazione di erbe aromatiche. Insomma, anche se ovunque si può fare di più, nel ferrarese si è già a buon punto. Da noi, invece, in molti casi quel che c’è si autovalorizza, e sarebbe certamente più semplice se lo si aiutasse un po’.

I giardini del Bosco Officinale

(Foto di Chiara Di Martino, eccetto quella della Rocca Possente di Stellata, credit: Archivio Fotografico Provincia di Ferrara)

Suor Orsola parla le “lingue” del lavoro

Suor Orsola parla le “lingue” del lavoro

di Giovanni Basile Innovazione didattica e placement dei laureati: la soddisfazione degli studenti dell’Ateneo napoletano La laurea conseguita all’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli risulta più efficace del 15% rispetto alla media nazionale. È quanto emerge...

E a Salvator Rosa i secchi ormai sono “decori”

E a Salvator Rosa i secchi ormai sono “decori”

Non appena piove a Napoli, nella stazione Salvator Rosa della Linea 1 della metropolitana, spuntano diversi secchi che vengono posizionati dal personale dell’Anm per raccogliere l’acqua piovana che cade dall’alto e arriva fino alla banchina. I secchi ormai sono...

La prima metro al mondo chiusa per umidità

La prima metro al mondo chiusa per umidità

Stop alla stazione Università fino al 15 ottobre. Pavimentazione da sostituire: “materiale non idoneo” A poco più di 11 anni dall’inaugurazione la stazione metropolitana di piazza Bovio necessita di 4 mesi di lavori per sostituire le “pregiate pavimentazioni” con un...

Napoli e la “deriva americana”

Napoli e la “deriva americana”

Finora esente dagli assalti a sfondo razziale che partono dai ghetti (come avvenuto il 2 giugno nel Milanese) L’escalation di risse, pestaggi, accoltellamenti, ragazzini che puntano le pistole contro le forze dell’ordine, ha fatto parlare di “deriva americana” a...

Una Cittadella universitaria da Oscar

Una Cittadella universitaria da Oscar

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: straordinario successo ai David di Donatello 2022 per i “Grandi Maestri” del Cinema dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Si può ormai definire una formazione accademica ‘da Oscar’ quella dell’Università Suor Orsola...

E ora il “branco” va in spiaggia…

E ora il “branco” va in spiaggia…

Non bastava la mala-movida. Ancora gravi i due minorenni accoltellati a Marechiaro. Il mare negato Non bastava la mala-movida notturna, adesso con l’arrivo della bella stagione c’è da fronteggiare anche la violenza collegata all’afflusso alle località balneari,...

Napoli, il futuro è da inventare

Napoli, il futuro è da inventare

Il terzo posto non può diventare il punto di arrivo per una società ambiziosa e per tifosi appassionati Sarà il Milan o l’Inter a fregiarsi del triangolino tricolore ai tifosi del Napoli interessa poco. La delusione, nonostante il terzo posto e la qualificazione...

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: ben 12 nomination ai “Grandi Maestri” dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Questa sera (diretta su Rai Uno dalle 21.25) negli studi di Cinecittà per la cerimonia di premiazione della 67esima edizione dei David di...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te