In Villa spunta il Museo del mare

da | Mar 27, 2021 | Primo piano

L’ex Circolo della Stampa “rinasce” dopo 22 anni dall’abbandono. Il fabbricato fu progettato da Canino

La clamorosa notizia della “cessione” della villa comunale da parte di Palazzo San Giacomo all’Istituto Anton Dohrn (Il Mattino 21/3/21) – che avrà il compito di rilanciare lo storico parco come polo culturale e di ricerca sollevandolo dal degrado dovuto alla mancanza di manutenzione e ai cantieri del metrò – riporta alla mente la vicenda dell’ex Circolo della Stampa, appannato emblema di una stagione prestigiosa del giornalismo fino al 20 novembre 1999 quando arrivò l’ufficiale giudiziario a chiuderlo per sfratto, per una questione di insolvenze relativa all’affitto, nonostante i tentativi della categoria di raggiungere un accordo col Comune proprietario. E da allora abbandonato al degrado; divenuto dimora di tossicodipendenti, vandali, balordi… Una fine incresciosa favorita da faide interne alla categoria. Sono trascorsi 22 anni.
L’elegante edificio nel cuore della Villa progettato nel 1948 da Cosenza e da Canino – esponenti del Razionalismo architettonico al passo con le più avanzate sperimentazioni delle avanguardie europee – era uno dei locali referenziali dell’alta borghesia, di intellettuali e del mondo politico affaristico. Bar e ristorante di livello: il posto “giusto” per ricevere ospiti che venissero da fuori… Sede dal 1912 dell’Associazione della Stampa, il sindacato dei giornalisti (presieduta dal 1952 al 1979 da Adriano Falvo; dal 1979 al 1983 da Ermanno Corsi) – e poi degli altri organismi di categoria – il Circolo aveva vissuto i suoi fasti negli anni Settanta e Ottanta. Una autentica casa della cultura, frequentata dalla “crème” della città – siamo nel periodo successivo al Sessantotto – in atmosfere nient’affatto provinciali o autoreferenziali ma di vasto respiro, europeo, cosmopolita… Sede di iniziative culturali, artistiche e anche divertenti, come le gare gastronomiche cui partecipavano le signore bene di altri circoli (compreso quello degli Usa) nonché i più ricercati chef di alberghi e ristoranti di Napoli, della Costiera, di fama nazionale – ciascuno col proprio box su cui facevano spicco il nome del sodalizio e la bandierina dello Stato di appartenenza…
Una location dove s’era in grado di ricevere degnamente le personalità di passaggio. Ventidue anni fa, la débâcle.

Ma adesso sono a buon punto i lavori di ristrutturazione del fabbricato, ceduto già da qualche anno in comodato alla prestigiosa Stazione zoologica Dohrn, che sta riqualificando l’edificio per farne un Museo del mare e della biodiversità (Darwin Dohrn Museum) nonché biblioteca con documenti a partire dall’anno della fondazione del centro di ricerca in biologia marina (1872) con l’Acquario più antico d’Italia (chiuso dal 2015). La Stazione Dohrn, come noto, è a pochi passi dall’ex Circolo della Stampa, e gestirà anche la Casina pompeiana. La manutenzione e cura del verde del settecentesco parco pubblico dall’enorme valore botanico sarà invece affidata per tre anni all’associazione ambientalista Premio GreenCare: e su questo, già infuria la polemica.

Suor Orsola parla le “lingue” del lavoro

Suor Orsola parla le “lingue” del lavoro

di Giovanni Basile Innovazione didattica e placement dei laureati: la soddisfazione degli studenti dell’Ateneo napoletano La laurea conseguita all’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli risulta più efficace del 15% rispetto alla media nazionale. È quanto emerge...

E a Salvator Rosa i secchi ormai sono “decori”

E a Salvator Rosa i secchi ormai sono “decori”

Non appena piove a Napoli, nella stazione Salvator Rosa della Linea 1 della metropolitana, spuntano diversi secchi che vengono posizionati dal personale dell’Anm per raccogliere l’acqua piovana che cade dall’alto e arriva fino alla banchina. I secchi ormai sono...

La prima metro al mondo chiusa per umidità

La prima metro al mondo chiusa per umidità

Stop alla stazione Università fino al 15 ottobre. Pavimentazione da sostituire: “materiale non idoneo” A poco più di 11 anni dall’inaugurazione la stazione metropolitana di piazza Bovio necessita di 4 mesi di lavori per sostituire le “pregiate pavimentazioni” con un...

Napoli e la “deriva americana”

Napoli e la “deriva americana”

Finora esente dagli assalti a sfondo razziale che partono dai ghetti (come avvenuto il 2 giugno nel Milanese) L’escalation di risse, pestaggi, accoltellamenti, ragazzini che puntano le pistole contro le forze dell’ordine, ha fatto parlare di “deriva americana” a...

Una Cittadella universitaria da Oscar

Una Cittadella universitaria da Oscar

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: straordinario successo ai David di Donatello 2022 per i “Grandi Maestri” del Cinema dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Si può ormai definire una formazione accademica ‘da Oscar’ quella dell’Università Suor Orsola...

E ora il “branco” va in spiaggia…

E ora il “branco” va in spiaggia…

Non bastava la mala-movida. Ancora gravi i due minorenni accoltellati a Marechiaro. Il mare negato Non bastava la mala-movida notturna, adesso con l’arrivo della bella stagione c’è da fronteggiare anche la violenza collegata all’afflusso alle località balneari,...

Napoli, il futuro è da inventare

Napoli, il futuro è da inventare

Il terzo posto non può diventare il punto di arrivo per una società ambiziosa e per tifosi appassionati Sarà il Milan o l’Inter a fregiarsi del triangolino tricolore ai tifosi del Napoli interessa poco. La delusione, nonostante il terzo posto e la qualificazione...

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: ben 12 nomination ai “Grandi Maestri” dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Questa sera (diretta su Rai Uno dalle 21.25) negli studi di Cinecittà per la cerimonia di premiazione della 67esima edizione dei David di...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te