“Anm for school”: previsti 45 bus dedicati

da | Gen 23, 2021 | Cronaca

Per la ripresa delle attività scolastiche delle scuole secondarie di secondo grado in programma il prossimo primo febbraio, l’Azienda napoletana mobilità attiverà 19 nuove linee di cui 8 nuove linee appositamente istituite, 11 linee ordinarie potenziate nella fascia scolastica, 45 bus dedicati, tra risorse interne ed in sub-affidamento, 450 corse integrative rispetto alla programmazione base. Il programma di trasporto pubblico è stato presentato lo scorso 21 gennaio a piazza Garibaldi e illustrato dall’amministratore unico Anm, Nicola Pascale, dagli assessori del Comune di Napoli Annamaria Palmieri (Istruzione), Alessandra Clemente Giovani), Rosaria Galiero (Commercio) e Marco Gaudini (Trasporto Pubblico). Era presente anche Ciro Langella, consigliere delegato al Trasporto Pubblico non di linea. Gli interventi di riprogrammazione rispondono alle istanze raccolte da circa 30 istituti scolastici dislocati in zone della città che, in prevalenza, non sono raggiunte dai collegamenti su ferro. La proposta di trasporto per le linee di superficie è stata modulata in funzione delle informazioni acquisite, o stimate, sulle origini e destinazioni degli studenti che hanno dichiarato di utilizzare i bus e tenendo conto degli orari differiti di inizio lezione e della didattica in presenza fissata al 50%.

“Con l’istituzione delle nuove linee Anm for school l’Amministrazione comunale – hanno dichiarato gli assessori – si fa trovare pronta per la ripresa scolastica”.
Di seguito le linee previste dal piano:
S2 (Campi Flegrei M2-Soccavo- Medaglie d’Oro);
S3 (Pianura Soccavo-Manzoni/Caravaggio);
S4 (Pianura-Fuorigrotta-Terracina-N. Agnano);
S5 (Pianura-Vomero);
606 (Scampia-Secondigliano-Don Bosco-Carlo III Garibaldi);
680 (Scampia-Vomero-Fuorigrotta);
682 (Paternum-Secondigliano-Don Bosco-Carlo III);
684 (Galassie-Secondigliano-Calata CapodichinoCarlo III-Foria-Dante).

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Un pianoforte nella Stazione Centrale di Napoli

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te