Stiglitz, nobel per l’economia: “Pagelle agli stati su Covid, giudizio sospeso sull’Italia”

da | Nov 3, 2020 | Salute

Non esiste ripresa economica globale senza una popolazione sana e, le ragioni che sono alla sua base, sono le stesse che hanno consentito ad alcuni Paesi di avere più successo di altri nel contenimento del contagio e della mortalità. Il virus non riconosce le pari opportunità e attacca chi si trova nelle peggiori condizioni di salute, soprattutto tra i più poveri. Solo grazie a una maggiore fiducia e rispetto della scienza e all’adozione di misure di protezione e coesione sociale, sarà possibile gestire le conseguenze economiche della peggiore pandemia del secolo e del peggiore declino economico dalla Grande Depressione. A dirlo è Joseph Stiglitz, Nobel per l’Economia nel 2001 e Professore alla Columbia University di New York, protagonista della cerimonia di apertura del nuovo anno accademico dell’Unicamillus, realizzata quest’anno attraverso un docu-film in linea con le disposizioni del Governo e disponibile sul link dedicato  http://www.unicamillus.org/it/inaugurazione
L’economista statunitense ha poi proseguito la sua analisi dando agli Stati le sue “pagelle” sulla pandemia: giudizio sospeso sull’Italia e dito puntato contro gli Stati Uniti. “Tra i Paesi capaci ci sono Germania, Cina, Nuova Zelanda, Corea del Sud, Taiwan e un sorprendente Vietnam. Male invece gli Stati Uniti e ancora peggio il Brasile e l’India” sottolinea Stiglitz – “Tra i Paesi avanzati gli Stati Uniti registrano una fra le più basse aspettative di vita e le maggiori disuguaglianze in campo sanitario. Per esempio, il congedo retribuito per malattia non è garantito e molte persone sono andate a lavorare diffondendo il virus e aggravando la situazione. Anche il sistema di assistenza sanitaria è meno resiliente e gli Stati Uniti hanno affrontato l’impennata dei contagi come  automobili costruite senza ruota di scorta”.
Stiglitz ha inoltre spiegato che la scarsa fiducia e considerazione per la scienza, soprattutto da parte del Governo Trump, e una minore coesione sociale dimostrata dallo scarso uso della mascherina per il minor rispetto tra gli individui, hanno contribuito a una maggiore diffusione del contagio e alla perdita del controllo sulla pandemia “Ora c’è bisogno di una visione dell’economia e della società post pandemia che superi le disuguaglianze che il virus ha aggravato, e l’Europa sta facendo un lavoro di gran lunga migliore rispetto agli Stati Uniti” conclude Stiglitz.
L’analisi del Nobel va nella direzione dell’approccio globale di UniCamillus che, fin dalla sua fondazione, ha deciso un taglio diverso alla formazione partendo dalla realtĂ  internazionale “Il mondo ha bisogno che la comunitĂ  medica internazionale si concentri anche sulla pandemia e le altre emergenze sanitarie dei Paesi in via di sviluppo, perchĂ© non si può avere un’economia sana senza una popolazione sana in ogni parte del mondo” – commenta Gianni Profita, Rettore UniCamillus – “Trascurare le epidemie e le altre emergenze sanitarie dei Paesi in via di sviluppo vuol dire mettere a rischio, oggi piĂą che mai, anche le certezze sulle quali, nel corso degli anni, gli Stati piĂą economicamente avanzati hanno fondato il proprio sviluppo. Di sicuro tutto questo non ce lo possiamo piĂą permettere e i contagi da coronavirus stanno imponendo con sempre maggior forza una vicinanza non sono piĂą morale, ma concreta a luoghi fino a ieri distanti non solo geograficamente”
Viaggi della speranza? Anche no!

Viaggi della speranza? Anche no!

In tempo di pandemia, in Campania si riscoprono le eccellenze per la cura delle patologie cardiovascolari Nel 2020 si è registrata una diminuzione dei viaggi della speranza verso le regioni del Nord per quel che riguarda gli interventi relativi all’apparato...

Rischio violenza sui minori, al via corsi per pediatri

Rischio violenza sui minori, al via corsi per pediatri

Seri conflitti di coppia esacerbati dalla convivenza obbligata, distruzione della routine domestica, insicurezza economica per le famiglie ed ecco che la pandemia può vestire i panni dell’’orco’, costituendo un fardello pesantissimo per bambini e adolescenti. Diversi...

Mieloma multiplo, presto un nuovo farmaco al Cardarelli

Mieloma multiplo, presto un nuovo farmaco al Cardarelli

 I pazienti con mieloma multiplo sono tra i più fragili nei confronti del Covid-19. Non solo perché se contagiati hanno un maggior rischio di andare incontro a complicanze gravi, soprattutto polmoniti, ma anche perché devono spesso recarsi in ospedale per controlli e...

Covid, dolore cronico nel 4% dei pazienti piu gravi

Covid, dolore cronico nel 4% dei pazienti piu gravi

Stanchezza e affanno, ma soprattutto dolori alle articolazioni, ai muscoli, al torace che non passano anche a distanza di settimane o mesi dalla diagnosi di Covid-19: è la sindrome post-coronavirus che si stima riguardi, con almeno un sintomo, fino all’80% dei...

Detox 555: la guida per dimagrire in relax

Detox 555: la guida per dimagrire in relax

Il volume, scritto da Elisabetta Rea e Salvio Salzano, fondatori del centro Neafit, è pubblicato da Graus e venduto in libreria Una guida alimentare per depurarsi e vivere in forma? Ecco Detox 555. Si tratta di una formula vincente per depurarsi (e perdere qualche...

Un virus utile contro il cancro. La scoperta del Ceinge

Un virus utile contro il cancro. La scoperta del Ceinge

I sorprendenti risultati di uno studio realizzato in sinergia con la Federico II Il virus Herpes simplex per generare farmaci anti tumorali. La scoperta dei ricercatori del Ceinge-Biotecnologie Avanzate di Napoli e del Dipartimento di Medicina Molecolare e...

Non trovi il tuo medico di base? Videoconsulta uno specialista

Non trovi il tuo medico di base? Videoconsulta uno specialista

Consulti medici online. Attraverso il portale www.idubbidelpaziente.it ci si può rivolgere a uno specialista per un confronto gratuito “faccia a faccia” attraverso lo schermo del personal computer o del telefonino. Un servizio di medicina sociale nato dalla...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te