Il culto dei morti: emozioni e tradizioni

da | Ott 31, 2020 | Cultura&Spettacolo

A Napoli la ricorrenza consiste nel visitare i defunti al cimitero, imbandire la tavola e mettere alcune pietanze sul davanzale

Il culto dei morti è uno dei momenti più toccanti del nostro vissuto; emozioni che anche artisti e poeti hanno espresso con immense opere teatrali e letterarie. Ricordiamo Totò e la magistrale ’A livella, una prosa che invita a meditare e a riconoscere che, di fronte alla morte, il ceto sociale si livella rendendoci tutti uguali:
“… Muorto sì tu e muorto sò pure io; ognuno comme à n’ ato è tale e quale”, mentre la poesia di Eduardo De Filippo che in S’è araputa ’a fenesta stamattina immagina la morte come una dolce nonnina che entra dalla finestra e parlando ci accompagna, prendendoci per mano, alla fine del nostro viaggio.

A Napoli e, in genere, in tutto il Sud, nonostante l’imperversare di sciocche repliche americane, la ricorrenza è un modo di perpetuare la tradizione che vuole, nella forma più semplice, visitare i morti nel cimitero, e, in quella più fedele al nostro passato, per quanto desueta, nella notte del 1° novembre, imbandire la tavola o mettere dinanzi al davanzale, con un cero acceso, un bicchiere di vino, uno di acqua, del pane e pezzetti di baccalà, per i cari estinti che visiteranno, dopo la mezzanotte, le dimore e gli affetti che hanno lasciato, portando, ove presenti, dolcetti e frutta secca, ai piccoli di casa. I morti però, lungi dal ritornare nell’aldilà, tenevano compagnia ai loro cari per tutte le festività natalizie, tanto che, in alcuni paesini, il 17 gennaio, giorno di Sant’Antonio Abate, in qualche grotta, le “figurine” delle anime purganti, che prendevano il posto della Natività, erano piazzate nell’atto di passaggio di un ponte, simbolo di collegamento tra il mondo dei vivi e quello dell’oltretomba. Il tutto poi veniva tolto il 2 febbraio, alla Candelora, giorno della presentazione di Gesù al tempio che prevede, oggi come allora, la benedizione e la distribuzione delle candele accese, simbolo di Gesù, luce del mondo. A Napoli poi c’e’ anche la tenera tradizione legata al cimitero delle Fontanelle, nel quartiere della Sanità, un ex ossario di 3.000 mq dove si svolgeva il rito delle “anime pezzentelle” che prevedeva l’adozione e la cura da parte di un napoletano di un cranio di un’anima abbandonata (detta appunto capuzzella) in cambio di protezione. Non mancano neanche i rituali enogastronomici come quello del “torrone dei morti” di nocciole tostate e cioccolato, legato, secondo la tradizione, alle offerte ai propri defunti, con la forma e il colore dei torroni che ricordano le sagome delle bare, i classici “tavuti”. Non perdiamo occasione però per ricordare i nostri eroi, tutti i briganti morti per difendere la nostra Patria e scacciare l’invasore piemontese. Un pensiero a Giuseppe Villella, a tutti i briganti i cui resti violati ed ignobilmente in mostra al Museo Lombroso, rappresentano i trofei di piemontesi ed italiani, nella farsa criminogena di dimostrare l’inferiorità del meridionale; a tutti i nostri avi che combatterono contro l’usurpazione, l’invasione, gli stupri, gli assassinii.
Il 2 novembre noi preghiamo anche per Voi, anime belle e combatteremo affinché il giorno della memoria venga riconosciuto anche dai nostri carnefici.

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

Altro classico che ascriviamo alla letteratura di Napoli è “San Gennaro vère” dell’autore ungherese Sàndor Màrai, il cui titolo italiano risponde a “Il sangue di San Gennaro”. E lo poniamo nella letteratura di Napoli non solo perché parla con slancio di una Città, a...

Ninfa plebea di Domenico Rea

Ninfa plebea di Domenico Rea

La seconda recensione di un classico della letteratura napoletana ha per oggetto, ovviamente, un libro straordinario, e ci ricorda, indirettamente, le consuetudini di un “Paese straordinario”. Ove la seconda “straordinarietà” non è da intendersi positivamente....

I sentieri della musica di Paolo Isotta

I sentieri della musica di Paolo Isotta

Una lettura dei classici della cultura napoletana e meridiana Diamo avvio questa settimana ad una nuova rubrica che ha per intento quello di rendere più noti opere e/o autori ascrivibili alla letteratura napoletana. Ricordando e rileggendo, nei limiti delle nostre...

Premio Filangieri, ci siamo

Premio Filangieri, ci siamo

di Federico Marone Dalle bellezze del passato alla street art: via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia Premio Filangieri, via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia promosso dall’ente ecclesiastico “Immacolata e...

Mantenimmo pubbleco ’stu ciardino antico

Mantenimmo pubbleco ’stu ciardino antico

’A Giunta vo’ affidà ê private ’o vverde d’ ’a Villa Cummunale Doppo paricchio tiempo, ’ncopp’ê giurnale napulitane se parlaancora d’ ’aVilla Cummunale. L’urdema volta fuje quanno ’o presidente De Luca facette chiudere parche e cciardine, comme si spannere ’o virusse...

Napoli celebra il “divin poeta”

Napoli celebra il “divin poeta”

La mostra “Divina Archeologia” a settembre al Mann ricorderà i 700 anni dalla morte di Dante In tutta Italia si celebrano quest’anno i settecento anni dalla morte di Dante Alighieri, il “divin poeta” reso immortale dai versi della Divina Commedia. E non solo. Anche a...

La scuola dei giusti nascosti

La lettura di questa settimana riprende il genere della narrativa con un romanzo di formazione scritto da Marcello Kalowski, “La scuola dei giusti nascosti”, pubblicato lo scorso anno dalla casa editrice Besa. Due ragazzine sono le protagoniste che animano la storia,...

Un concerto per il principe

Un concerto per il principe

Ricordo in musica, on line, per i 250 anni dalla morte di Raimondo di Sangro La pandemia sta assestando un colpo durissimo alla cultura. Ma per fortuna non tutto tace. Sabato, stasera, alle 19.30 un concerto on line aprirà le celebrazioni per i 250 anni dalla morte di...

Ecco chi ha fatto grandi i Borbone

Ecco chi ha fatto grandi i Borbone

In libreria il volume di Paolo Mastromo che ripercorre l’epoca dei progetti e delle scienze meridionali Un ritorno alla storia rappresenta la lettura di questa settimana. Il saggio I Napoletani che hanno fatto grandi i Borbone è un piacevole libro di Paolo Mastromo,...

La storia di Bagnoli in una mostra online

La storia di Bagnoli in una mostra online

Era nata per essere allestita alla Casina Pompeiana, per poi essere convertita in progetto digitale a causa del perdurare della pandemia. E la storia di un sito attraverso centinaia di documenti, come le immagini del progetto utopistico redatto dall'urbanista...

Il corto contro il bullismo omofobo

Il corto contro il bullismo omofobo

“A modo mio” di Danilo Rovani, prodotto da Itinerari di Napoli, è ispirato ad una storia vera “A modo mio” è il cortometraggio di Danilo Rovani con Cosimo Alberti e Denise Capuano, prodotto da Itinerari di Napoli di Massimiliano Sacchetto e Carmela Autiero...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te