Treni: “L’Italia va a due velocità”

da | Lug 13, 2020 | Primo piano

La denuncia di Annamaria Pisapia del Movimento 24 agosto: “Ennesima fregatura, il Sud non è disposto più a subire”

“La tanto sbandierata, da Trenitalia, alta velocità, che dal 3 giugno ha raggiunto Reggio Calabria con l’arrivo del Frecciarossa, non è nient’altro che l’ennesima fregatura per il Sud”. La denuncia è di Annamaria Pisapia, vicepresidente del Movimento 24 agosto Equità Territoriale, che spiega che “in realtà il treno Frecciarossa in Calabria non potrà mantenere quella che è la normale linea di marcia dell’A/V, stabilita dalla commissione europea, che per dirsi tale deve superare i 250 kmh”. “Quindi, quello che giungerà in Calabria rappresenta una beffa – precisa Pisapia – perché i calabresi non vedranno altro che un treno capace di sostenere velocità di oltre 300kmh, di cui non potranno usufruire. E il motivo è presto detto: le linee della Calabria, così come quelle di tutto il Sud, tranne Napoli e Salerno, non sono strutturate per sopportare l’A/V (linee obsolete spesso a binario unico non elettrificate dove per fare 200 km)”.


Annamaria Pisapia spiega che “si impiegano cinque ore, per esempio da Palermo a Catania, e 65 minuti per percorrere la stessa distanza, da Milano a Bologna”. “Capirai bene – dice – che in Calabria il Frecciarossa riuscirà a malapena a raggiungere i 150 kmh, esattamente come un qualunque altro treno, mantenendo quasi invariate le ore di percorrenza che per una tratta da Torino a Reggio Calabria è di 11 ore. Senza avere neanche il conforto di un biglietto più equo, ma addirittura rincarato di oltre il 40%, pur mancando della possibilità di usufruire del medesimo servizio: è stato calcolato che con una distanza simile (224 km tra Paola e Napoli, 232 tra Roma e Firenze), sempre con il Frecciarossa, varia il costo del biglietto, maggiorato quello della tratta Paola-Napoli, 53 euro e con una durata di oltre 2 ore e 40; minore quello della tratta Roma-Firenze, di 35,90 euro e una durata di circa 1 ora e 30”.
Insomma, denuncia Pisapia. “la disparità di trattamento mette in risalto il modello dello Stato italiano di tipo coloniale, che sottrae all’area a Sud della penisola italica fondi che sono destinati agli investimenti infrstrutturali per destinarli all’area nord della stessa penisola. I calcoli dei dati Eurispes ci danno un quadro decisamente allarmante, dal 2000 al 2017 sono stati sottratti al Sud oltre 840 miliardi di euro e destinati al Nord. Stando in tema di investimenti ferroviari su circa 23 miliardi di euro messi a disposizione, l’83% è destinato al Nord e il restante 13% al Sud. Ovverosia, quasi 19 miliardi di euro al Nord e circa 3, 90 miliardi al Sud. Insomma, mentre il Nord viaggia ad alta velocità, al Sud si va ad alt(r)a velocità”.


Ma adesso il vento è cambiato. E come afferma Annamaria Pisapia “il Sud non è più disposto a sopportare”. “A maggior ragione – precisa – dopo le vergognose e razziste affermazioni fatte nelle ultime ore dal sindaco Sala per il quale è ‘sbagliato che un dipendente pubblico guadagni gli stessi soldi a Milano e in Calabria’, dimenticando che al Sud si paga la tassa rifiuti più alta del Nord; la Rcauto più alta; le tariffe ferroviarie più alte (ricevendo un servizio da terzo mondo e in assenza dell’’alta velocità); gli interessi bancari più alti; le prestazioni sanitarie più care; le utenze domestiche più alte”. E come se non bastasse, anche per i prodotti alimentari, il paniere della spesa del Sud può talvolta sembrare più economico ma non a parità di prodotti. Infatti, le indagini di mercato dimostrano che al Nord si tende ad acquistare prodotti di marca più elevata rispetto al Sud, incidendo sul costo finale. “E Sala parla di stipendi più bassi al Sud? Siamo noi che chiediamo di ricevere gli stessi servizi del Nord – controribatte la vicepresidente del Movimento 24 agosto Equità territoriale – mentre riceviamo meno di quelllo che ci spetterebbe come stabilito dalla Costituzione (al Sud viene destinata una spesa pubblica che va dal 22 al 28% anzichè del 34% e al Nord amzichè il 66% riceve il 71,5%). I dati Eurispes hanno evidenziato che negli ultimi 17 anni al Sud sono stati sottratti 840 miliardi di euro dirottati al Nord e Sala vorrebbe che fossero diminuti anche gli stipendi? Il Nord – conclude Annamaria Pisapia – stia attento che il Sud non è più disposto a farsi gettare letame!”.

La paura del vaccino? È irrazionale

La paura del vaccino? È irrazionale

di Alberto Vito * La contrapposizione del pensiero tra chi valuta la profilassi come una salvezza e chi è perplesso Nel nostro Paese è iniziata la somministrazione della terza dose di vaccino anti-Covid per le persone “fragili”, affette da patologie importanti, e a...

Non spaventate l’aggressore!

Non spaventate l’aggressore!

Criminalità “diffusa” e camorristica. Troppi giovani tra le vittime. È emergenza armi ed educativa Qualora vi aggredisse un uomo armato, state attenti a non spaventarlo, perché magari non ha alcuna intenzione di sparare ma, se fate qualche gesto che potrebbe...

Napoli, lavora e sogna!

Napoli, lavora e sogna!

Spalletti ha rivitalizzato un ambiente che sembrava in piena crisi dopo il Verona Convinto e determinato, diretto come mai e con il suo sguardo, a tratti luciferino, Luciano Spalletti si era presentato così da allenatore di un Napoli dell’anno zero dopo la delusione...

La missione del nuovo sindaco

La missione del nuovo sindaco

Tutti i compiti di Manfredi per riparare dieci anni di guasti Come sempre accade quando ci si appresta a scrivere un articolo affiora la necessità di riordinare preliminarmente le idee, prima di passare a “mettere penna su carta”. Ma mai come in questa circostanza...

Manfredi, vittoria annunciata. E c’è un perché

Manfredi, vittoria annunciata. E c’è un perché

Spentosi l’entusiasmo per la schiacciante vittoria di Gaetano Manfredi, neo sindaco di Napoli, appare opportuna, per non dire obbligatoria, una riflessione più serena sull’esito della competizione elettorale. Sine ira ac studio, avrebbe detto Tacito. Quindi più...

Allarme Covid nelle scuole

Allarme Covid nelle scuole

In una settimana 47 contagi negli istituti superiori Quattro morti e 348 positivi: sono i dati dell’ultimo giorno (venerdì 24 settembre) di rilevazione dell’andamento dell’emergenza Covid-19 in Campania. Dati che indicano che l’indice di contagio resta stabile al...

Il voto? Ecco come andrà a finire

Il voto? Ecco come andrà a finire

Il candidato Manfredi è favorito nella corsa alla poltrona di sindaco… grazie al reddito di cittadinanza A Napoli, com’è noto, si vota il prossimo 3 ottobre per scegliere il nuovo sindaco, che governerà la città dopo dieci anni di disastrosa gestione di de Magistris....

Sport e salute col progetto Nalab

Sport e salute col progetto Nalab

A piazza Municipio quattro giorni di iniziative promosse dall’Ortopedia Meridionale Salvio Zungri Promuovere l’attività sportiva gratuita rivolta alla popolazione locale e valorizzare lo sport, incrementandone la funzione sociale, educativa ed etica, anche innalzando...

Campania, open day vaccinale per le donne in gravidanza

Campania, open day vaccinale per le donne in gravidanza

In occasione della Giornata nazionale per la sicurezza delle cure e della persona assistita, promossa dal Ministero della Salute, che quest’anno è dedicata alle cure materne e neonatali sicure con il claim “Agisci adesso per un parto sicuro e rispettoso”, Venerdì 17...

Napoli incompleto. Inutile cullare sogni di gloria

Napoli incompleto. Inutile cullare sogni di gloria

Salvatore Bagni è sempre stato un inguaribile ottimista. Ma questa volta è proprio andato oltre ogni limite: è bastato che diventasse ufficiale l’acquisto del misconosciuto Anguissa per fargli dichiarare che il Napoli è da scudetto. Anzi a sentirlo quasi il campionato...

Le t-shirt firmate Gomorra vanno a ruba sul web

Le t-shirt firmate Gomorra vanno a ruba sul web

Albert Bandura, recentemente scomparso, ammoniva sugli effetti modellanti della tv  di Cinzia Rosaria Baldi * L’ultima moda è indossare le magliette  ispirate ai personaggi di Gomorra, la celebre serie tv ideata da Roberto Saviano.  Vanno a ruba sul web felpe e...

Napoli-Verona, altro che dimenticare. Vogliamo sapere

Napoli-Verona, altro che dimenticare. Vogliamo sapere

La chiusura della prima fase di preparazione al campionato suggerisce una prima serie di considerazioni e di rilievi. La parentesi di Dimaro ha confermato quanto già si sapeva sul carattere forte e carismatico del nuovo allenatore. È il suo grande pregio, unito alla...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te