Vittoria al Bentegodi, la rincorsa Champions è ricominciata

da | Giu 23, 2020 | Calcio Napoli

Toh, chi si rivede… I desaparecidos Ghoulam e Lozano hanno confezionato la rete della sicurezza per il Napoli e hanno risposto presente all’invito di Gattuso che li ha mandati in campo quando la partita era ancora tutta da giocare. Un altro piccolo “miracolo” dell’allenatore che, è evidente, lavora sulla testa dei suoi uomini in maniera maniacale non solo psicologicamente ma anche tatticamente. Non era facile la partita contro l’Hellas e i 100 minuti di gioco hanno infatti confermato la buona disposizione tattica, atletica e mentale della squadra di Juric. Al Napoli serviva una risposta ulteriore e diversa per il tipo di gara che avrebbe dovuto impostare e le scelte di Gattuso, cambi compresi, hanno confermato che questa squadra è concentrata, attenta ed è disposta a soffrire il giusto per imporre il proprio modo di giocare anche quando sembra soffrire il pressing avversario.

Il Verona ha fatto la sua onesta partita, provandoci sempre e comunque a dare fastidio e creare pericoli ad Ospina che si è disimpegnato bene con esperienza e buona reattività nelle due, tre occasioni in cui gli scaligeri hanno provato ad impensierirlo. Il Napoli non ha cambiato filosofia di gioco, la squadra è rimasta stretta, compatta nelle due linee difesa – centrocampo ed ha accettato il pressing veronese per poter poi girare palla con i centrocampisti e aprire poi il gioco sulle fasce per Politano ed Insigne. L’assenza di Fabian Ruiz, la presenza di due incontristi come Allan e Demme, ha consentito a Zielinski di giocare più libero a centrocampo ed infatti il polacco s’è preso la squadra con grande autorevolezza e continuità, come da tempo non si vedeva. Juric, dal canto suo, non ha rinunciato a giocarsela, anche se gli spazi mancavano e non consentivano a Zaccagni e Verre all’interno, Faraoni e Lazovic sull’esterno, di trovare la profondità verso la porta di Ospina che infatti interveniva solo due volte, prima su una conclusione bassa di Di Carmine(29’) poi deviando oltre la traversa un a bella conclusione da fuori di Veloso(43’).

Il Napoli s’era fatto pericoloso con un bel tiro di Zielinski che costringeva Silvestri alla deviazione bassa (18’) e teneva costantemente i difensori veronesi in allarme con un giro palla continuo che li costringeva a marcature strettissime, a uomo sui centrocampisti azzurri. Sembrava una partita bloccata ed invece al minuto 38 arrivava il gol apri partita; calcio d’angolo sulla destra della difesa veronese, che Politano batteva di precisione per la testa di Milik, fino a quel momento un po’ fuori dal gioco, che trovava l’angolo basso alla sinistra di Silvestre.

Nella ripresa come era logico, il Verona iniziava a martellare con maggiore insistenza forte di un Amrabat instancabile e con un Veloso sempre pericoloso con il sinistro morbido. Zaccagni e Verre, però rimanevano isolati, così come il povero Di Carmine, bloccati dall’ atteggiamento del Napoli che non era di difesa passiva ma creava subito le premesse di pericolose ripartenze, ora con Insigne, ora con Politano e Zielinski. Per questo, pur alzando pressing e ritmi la squadra di Juric riusciva a impensierire Ospina solo con un tiro da fuori di Veloso, comodamente bloccato (57’) e con un bel cross di Di Carmine sul quale il numero uno colombiano usciva coraggiosamente con i pugni (62’).

L’unico vero pericolo arrivava al minuto 65 quando Faraoni, di testa, batteva Ospina dopo un cross di Zaccagni dalla sinistra. Proteste dei giocatori del Napoli per un fallo di mani del trequartista veronese al momento del cross, intervento del Var e il signor Pasqua, come da regolamento attuale, annullava la rete. Era l’ultimo vero sussulto del Verona perché né i cambi di Juric, con un cambio di strategia con la presenza in campo di due arieti centrali come Pazzini e Stepinski al posto di Amrabat e Di Carmine, sortivano gli effetti desiderati per l’ulteriore maiuscola prestazione del tandem centrale Maksimovic-Koulibaly. Erano invece i cambi di Gattuso, Ghoulam per Hysaj (70’) e Lozano per Politano (85’) a chiudere la gara sugli sviluppi di un angolo calciato dal difensore algerino sul quale s’avventava di testa l’attaccante messicano (94’). Era lo 0-2 che forse puniva oltremisura un Verona combattivo e ben organizzato che ha trovato difronte un Napoli versione Coppa Italia, per intenderci. Gli azzurri hanno confermato gli enormi progressi tattici visti già in occasione delle due gare di Coppa Italia, ma a Verona hanno dimostrato anche di saper giocare più alti e lunghi senza scoprire la difesa e cambiando molto spesso, anche due volte nella stessa azione, il fronte di gioco passando da destra a sinistra e viceversa. Una squadra, quella di Gattuso, che da centrocampo in su non dà punti di riferimento ma che sa ricompattarsi subito quando perde il possesso palla senza concedere ripartenze all’avversario. Che poi la partita sia stata decisa da due calci da fermo può essere solo conferma del tipo di lavoro meticoloso, pignolo, da “martello” che Gattuso svolge quotidianamente con i suoi giocatori. Anche con i cinque cambi, infatti, la squadra non ha mutato atteggiamento né si è disunita e l’ingresso di Lozano, che proprio sul filo di lana s’è divorata la rete della sua doppietta personale su un assist di Insigne, ha confermato, ove mai ce ne fosse ancora bisogno, che il tecnico calabrese s’è definitivamente preso una squadra che promette di dargli grosse soddisfazioni. A Verona non saranno in molti a vincere… La rincorsa Champions, anche se difficilissima, è iniziata nel migliore dei modi.

Napoli: che sorpresa!

Napoli: che sorpresa!

Grande inizio di stagione. E i tifosi tornano a seguire la squadra con passione Dopo appena cinque giornate di campionato è pericoloso azzardare pronostici soprattutto in chiave partenopea, ma in generale si può affermare che le previsioni della vigilia secondo cui la...

Poker bis, il Napoli affonda anche la Samp

Poker bis, il Napoli affonda anche la Samp

Poker bis, il Napoli affonda anche la Sampdoria, Osimhen incontenibile firma una doppietta, doppio assist di Insigne e Lozano, Ruiz raddoppia mentre il sigillo è di Zielinski. Cinque vittorie su cinque e azzurri primi a punteggio pieno. Poker bis - Seconda vittoria...

Un Napoli spettacolare vola in testa alla classifica

Un Napoli spettacolare vola in testa alla classifica

Napoli spettacolare, 4 gol all'Udinese nella Dacia Arena, Osimhen e Rrahmani nel primo tempo, Koulibaly e Lozano per il tris e il poker nella ripresa, unica squadra a punteggio pieno. Napoli spettacolare - Chiamato all'ennesima vittoria in campionato, per conquistare...

Il Napoli domina a Leicester ma finisce 2 a 2

Il Napoli domina a Leicester ma finisce 2 a 2

Il Napoli domina e spreca tanto, va sotto di due gol e nel secondo tempo, con Osimhen la pareggia a 3 minuti dalla fine. Il Napoli domina a Leicester - Partita ricca di emozioni quella che va in scena al Leicester City Stadium, per la prima di Europa League. Il Napoli...

Ancora Koulibaly, Juve KO al Maradona

Ancora Koulibaly, Juve KO al Maradona

Ancora Koulibaly, a 5 minuti dalla fine il senegalese firma il gol vittoria, Juventus KO al Maradona e -8 in classifica. Ancora Koulibaly- Napoli Juventus non può essere una semplice partita, è la partita più sentita del campionato, orario insolito di sabato alle 18...

Napoli incompleto. Inutile cullare sogni di gloria

Napoli incompleto. Inutile cullare sogni di gloria

Salvatore Bagni è sempre stato un inguaribile ottimista. Ma questa volta è proprio andato oltre ogni limite: è bastato che diventasse ufficiale l’acquisto del misconosciuto Anguissa per fargli dichiarare che il Napoli è da scudetto. Anzi a sentirlo quasi il campionato...

Napoli-Venezia 2 a 0 prima vittoria dell’era Spalletti

Napoli-Venezia 2 a 0 prima vittoria dell’era Spalletti

Napoli-Venezia 2 a 0, prima vittoria dell'era Spalletti nel giorno del suo battesimo al Diego Armando Maradona e finalmente ritornano i tifosi allo stadio. Napoli-Venezia è anche la prima partita di Spalletti, da allenatore del Napoli, nell'impianto di Fuorigrotta...

Eriksen e l’errore dell’Uefa

Eriksen e l’errore dell’Uefa

Il sorriso stanco di Eriksen su un volto ancora visibilmente sofferente è l’ennesimo campanello d’allarme all’Uefa ed al suo presidente, Ceferin, di una situazione ormai arrivata al limite per come l’organismo di Nyon sta gestendo il calcio europeo. Ceferin dopo la...

Confessioni di una mente geniale

Confessioni di una mente geniale

Dopo mesi di silenzio stampa, finalmente il presidente del Napoli torna a parlare. E lo fa a modo suo Finalmente una reazione, un cenno di vita c’è stato. Non del Napoli ma del suo proprietario che s’è “confessato”, si fa per dire, al “Passepartout Festival” di Asti....

Napoli fuori dalla Champions League

Napoli fuori dalla Champions League

Napoli fuori dalla Champions League, bruttissima prestazione dei ragazzi di Gattuso che non riescono a battere il Verona, 1-1 e i bianconeri ringraziano. Napoli fuori dalla Champions League - Tensione alle stelle al Maradona di Fuorigrotta, dai primi minuti del match,...

Napoli, tre punti per sognare il futuro

Napoli, tre punti per sognare il futuro

Napoli-Verona: gli azzurri giocano per non rovinarsi la Champions e le vacanze; motivi più convincenti di ogni modulo tattico. Difendendo il quarto posto dalla Juventus, posizione appena conquistata a dispetto di Cassandre e menagrami, Gattuso e i suoi avranno...

Due vittorie per l’Europa che conta

Due vittorie per l’Europa che conta

Il lavoro di Gattuso, nonostante difficoltà e critiche, ha aperto il ciclo del Napoli che verrà C’è un proverbio napoletano che recita testualmente “Chi fraveca e sfraveca nun perde maie tiempo”. Cioè, chi costruisce e poi si trova a dover abbattere quello costruito,...

Il Napoli strapazza l’Udinese, al Maradona finisce 5-1

Il Napoli strapazza l’Udinese, al Maradona finisce 5-1

Il Napoli strapazza l'Udinese, al Maradona finisce 5-1, azzurri al secondo posto in attesa delle sfide di domani. Il Napoli strapazza l'Udinese - Dopo essersi insediati in zona Champions, gli azzurri cercano di consolidare la posizione in classifica, Gattuso schiera...

Il Napoli doma il toro e aggancia la zona Champions

Il Napoli doma il toro e aggancia la zona Champions

Il Napoli doma il toro e aggancia la zona Champions, ottima prestazione degli azzurri che risolvono la pratica nei primi 15 minuti, poi in fase di gestione sfiorano il terzo gol in più di dieci occasioni. Il Napoli doma il toro, gli azzurri riescono a spuntarla con la...

Manita del Napoli, al Diego Armando Maradona finisce 5-2

Manita del Napoli, al Diego Armando Maradona finisce 5-2

Manita del Napoli, Lazio battuta 5-2, in gol Insigne, Politano, Insigne, Mertens e Osimhen, per gli ospiti in gol Immobile e Milinkovic Savic. Manita del Napoli - Il Napoli deve provarci a tutti i costi, davanti frenano un pò tutte tranne la Juventus, ma la Lazio è...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te