Vittoria al Bentegodi, la rincorsa Champions è ricominciata

da | Giu 23, 2020 | Calcio Napoli

Toh, chi si rivede… I desaparecidos Ghoulam e Lozano hanno confezionato la rete della sicurezza per il Napoli e hanno risposto presente all’invito di Gattuso che li ha mandati in campo quando la partita era ancora tutta da giocare. Un altro piccolo “miracolo” dell’allenatore che, è evidente, lavora sulla testa dei suoi uomini in maniera maniacale non solo psicologicamente ma anche tatticamente. Non era facile la partita contro l’Hellas e i 100 minuti di gioco hanno infatti confermato la buona disposizione tattica, atletica e mentale della squadra di Juric. Al Napoli serviva una risposta ulteriore e diversa per il tipo di gara che avrebbe dovuto impostare e le scelte di Gattuso, cambi compresi, hanno confermato che questa squadra è concentrata, attenta ed è disposta a soffrire il giusto per imporre il proprio modo di giocare anche quando sembra soffrire il pressing avversario.

Il Verona ha fatto la sua onesta partita, provandoci sempre e comunque a dare fastidio e creare pericoli ad Ospina che si è disimpegnato bene con esperienza e buona reattività nelle due, tre occasioni in cui gli scaligeri hanno provato ad impensierirlo. Il Napoli non ha cambiato filosofia di gioco, la squadra è rimasta stretta, compatta nelle due linee difesa – centrocampo ed ha accettato il pressing veronese per poter poi girare palla con i centrocampisti e aprire poi il gioco sulle fasce per Politano ed Insigne. L’assenza di Fabian Ruiz, la presenza di due incontristi come Allan e Demme, ha consentito a Zielinski di giocare più libero a centrocampo ed infatti il polacco s’è preso la squadra con grande autorevolezza e continuità, come da tempo non si vedeva. Juric, dal canto suo, non ha rinunciato a giocarsela, anche se gli spazi mancavano e non consentivano a Zaccagni e Verre all’interno, Faraoni e Lazovic sull’esterno, di trovare la profondità verso la porta di Ospina che infatti interveniva solo due volte, prima su una conclusione bassa di Di Carmine(29’) poi deviando oltre la traversa un a bella conclusione da fuori di Veloso(43’).

Il Napoli s’era fatto pericoloso con un bel tiro di Zielinski che costringeva Silvestri alla deviazione bassa (18’) e teneva costantemente i difensori veronesi in allarme con un giro palla continuo che li costringeva a marcature strettissime, a uomo sui centrocampisti azzurri. Sembrava una partita bloccata ed invece al minuto 38 arrivava il gol apri partita; calcio d’angolo sulla destra della difesa veronese, che Politano batteva di precisione per la testa di Milik, fino a quel momento un po’ fuori dal gioco, che trovava l’angolo basso alla sinistra di Silvestre.

Nella ripresa come era logico, il Verona iniziava a martellare con maggiore insistenza forte di un Amrabat instancabile e con un Veloso sempre pericoloso con il sinistro morbido. Zaccagni e Verre, però rimanevano isolati, così come il povero Di Carmine, bloccati dall’ atteggiamento del Napoli che non era di difesa passiva ma creava subito le premesse di pericolose ripartenze, ora con Insigne, ora con Politano e Zielinski. Per questo, pur alzando pressing e ritmi la squadra di Juric riusciva a impensierire Ospina solo con un tiro da fuori di Veloso, comodamente bloccato (57’) e con un bel cross di Di Carmine sul quale il numero uno colombiano usciva coraggiosamente con i pugni (62’).

L’unico vero pericolo arrivava al minuto 65 quando Faraoni, di testa, batteva Ospina dopo un cross di Zaccagni dalla sinistra. Proteste dei giocatori del Napoli per un fallo di mani del trequartista veronese al momento del cross, intervento del Var e il signor Pasqua, come da regolamento attuale, annullava la rete. Era l’ultimo vero sussulto del Verona perché né i cambi di Juric, con un cambio di strategia con la presenza in campo di due arieti centrali come Pazzini e Stepinski al posto di Amrabat e Di Carmine, sortivano gli effetti desiderati per l’ulteriore maiuscola prestazione del tandem centrale Maksimovic-Koulibaly. Erano invece i cambi di Gattuso, Ghoulam per Hysaj (70’) e Lozano per Politano (85’) a chiudere la gara sugli sviluppi di un angolo calciato dal difensore algerino sul quale s’avventava di testa l’attaccante messicano (94’). Era lo 0-2 che forse puniva oltremisura un Verona combattivo e ben organizzato che ha trovato difronte un Napoli versione Coppa Italia, per intenderci. Gli azzurri hanno confermato gli enormi progressi tattici visti già in occasione delle due gare di Coppa Italia, ma a Verona hanno dimostrato anche di saper giocare più alti e lunghi senza scoprire la difesa e cambiando molto spesso, anche due volte nella stessa azione, il fronte di gioco passando da destra a sinistra e viceversa. Una squadra, quella di Gattuso, che da centrocampo in su non dà punti di riferimento ma che sa ricompattarsi subito quando perde il possesso palla senza concedere ripartenze all’avversario. Che poi la partita sia stata decisa da due calci da fermo può essere solo conferma del tipo di lavoro meticoloso, pignolo, da “martello” che Gattuso svolge quotidianamente con i suoi giocatori. Anche con i cinque cambi, infatti, la squadra non ha mutato atteggiamento né si è disunita e l’ingresso di Lozano, che proprio sul filo di lana s’è divorata la rete della sua doppietta personale su un assist di Insigne, ha confermato, ove mai ce ne fosse ancora bisogno, che il tecnico calabrese s’è definitivamente preso una squadra che promette di dargli grosse soddisfazioni. A Verona non saranno in molti a vincere… La rincorsa Champions, anche se difficilissima, è iniziata nel migliore dei modi.

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions, sconfitta la Sampdoria grazie ai gol di Fabian Ruiz ed Osimhen nel finale. Il Napoli riprende la marcia verso la Champions League, dopo la prestazione di mercoledì contro la Juventus, dove per la squadra partenopea è...

Il Napoli molla i 3 punti all’Allianz Stadium

Il Napoli molla i 3 punti all’Allianz Stadium

Il Napoli molla i 3 punti all'Allianz Stadium, due dormite difensive regalano il doppio vantaggio ai bianconeri, nel finale accorcia su rigore Insigne ma non basta. Giallo allo stadium, dov'è finita la sala VAR? Allianz Stadium - In scena il tanto tormentato e...

Una panchina per tre

Una panchina per tre

Giorni di valutazioni, di contatti e di futuro. Il Napoli squadra è fermo, causa sosta Nazionale, il Napoli dirigenziale è attivo, molto attivo. Il primo nodo da sciogliere è quello dell’allenatore. Molti, troppi (alcuni davvero fantasiosi) i nomi venuti fuori in...

Questa volta benedette Nazionali!

Questa volta benedette Nazionali!

Sono tornati tutti gasati gli azzurri prestati alle rappresentative delle loro patrie Questa volta De Laurentiis e Gattuso non possono lamentarsi. Le altre volte lo hanno sempre fatto, soprattutto il presidente, e avevano le loro sacrosante ragioni. Ma ora...

Il Napoli è ora equilibrato

Il Napoli è ora equilibrato

Dopo le due vittorie in trasferta, servono conferme nelle ultime 11 partite Diversamente da De Laurentiis, Gattuso mi ha subito ispirato simpatia e, da allenatore, fiducia. Non solo per la Coppa Italia vinta ma per la brutta gatta da pelare che s’era preso succedendo...

Ma Gattuso era così scarso?

Ma Gattuso era così scarso?

Non è Rinus Michael’s, Cruyff o Fergusson ma è un tecnico completo ed affidabile Sembra proprio che il Napoli si sia svegliato dal letargo invernale con relative amnesie di gioco. L’arrivo ormai imminente della primavera preoccupava i tifosi soprattutto per il...

Ritorna Lozano, l’ultimo gioiello

Ritorna Lozano, l’ultimo gioiello

È pronto a ripartire ma la sua assenza, che è durata ormai più di un mese, è stranamente passata sotto silenzio rispetto a quelle di Osimhen e di Mertens. Eppure Hirving Lozano, al momento dell’infortunio, era il vero goleador del Napoli, il valore aggiunto di una...

Il Napoli gioca già sul mercato

Il Napoli gioca già sul mercato

Il ds Cristiano Giuntoli è al lavoro per progettare la squadra del futuro: ecco i nomi sul suo taccuino In questo particolare momento della stagione esistono due Napoli, quello che sul campo tenta di centrare l’accesso alla prossima Champions e quello che lavora per...

Azzurri vittoriosi a San Siro, decide un gol di Politano

Azzurri vittoriosi a San Siro, decide un gol di Politano

Azzurri vittoriosi a San Siro, tre punti fondamentali conquistati contro la seconda in classifica, decide un gol di Politano che rilancia il Napoli in classifica, 10 punti nelle ultime 4 partite e zona Champions a -2 con una partita in meno. Gli azzurri arrivano alla...

Dodici puntate alla fine del romanzo

Dodici puntate alla fine del romanzo

Gattuso deve guidare il Napoli alla conquista di un posto in Europa, possibilmente in Champions League Cessate le antiche turbolenze, dimenticati - per ora - i velenosi e traditori contatti del presidente con altri allenatori dopo la “fatal” Verona, e stoppate...

Il gap italiano con i top club europei

Il gap italiano con i top club europei

Le notti d’ Europa, nonostante i progressi e la strada della gioventù intrapresa da Mancini con la sua nazionale, hanno confermato il gap ancora esistente tra i nostri top club e i club europei, anche quelli di non primissimo livello, come hanno dimostrato...

Il Napoli e le cessioni, quanti errori

Il Napoli e le cessioni, quanti errori

In questi anni mandati via giocatori che sarebbero invece tornati molto utili Il Napoli in questi ultimi anni non è stato sempre avveduto in fase di mercato. Ci sono su piazza e perfettamente impiegati tanti calciatori, acquistati e non valutati correttamente, che...

Haaland, che rimpianto per Adl

Haaland, che rimpianto per Adl

Il centravanti norvegese fu trattato per primo dal Napoli, ma chiedeva uno stipendio troppo alto L’occasione della vita sprecata. Un rimpianto senza fine: il Napoli avrebbe potuto acquistare per una cifra diciamo quasi irrisoria il fuoriclasse del presente e del...

Insigne trascina il Napoli contro il Bologna

Insigne trascina il Napoli contro il Bologna

Insigne trascina il Napoli contro il Bologna, doppietta del capitano azzurro che apre le marcature e nel momento in cui la squadra di Mihajlovic la riapre, il magnifico si carica i suoi sulle spalle e firma il definitivo 3 a 1. -Insigne trascina il Napoli- Dimenticare...

Napoli, serve la testa giusta

Napoli, serve la testa giusta

Contro il Bologna gli azzurri devono sbloccare al più presto il risultato Assistendo tra l’incredulo e lo sconcertato al finale di Sassuolo-Napoli ho pensato subito al lapidario giudizio che Mourinho dette di Balotelli: “Ha un solo neurone che gli funziona a...

La Lega Calcio allo sfascio

La Lega Calcio allo sfascio

Il caso-Napoli non ha insegnato nulla ai presidenti delle società. Ci ricascano con il Torino L’atteggiamento della Lega Calcio sulla vicenda Lazio-Torino è davvero imbarazzante. Lascia interdetti. Come è possibile che il mondo del calcio, nella sua versione...

Koopmeiners, idea per il centrocampo del futuro

Koopmeiners, idea per il centrocampo del futuro

Ci sono momenti nella vita, nei quali comprendi che qualcosa si è rotto. Qualcosa in cui credevi, qualcosa che ti ha portato tanto vicino al successo memorabile che quasi te lo senti addosso. La sconfitta, pardon, il pareggio subito a Reggio, a partita praticamente...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te