Quell’omologazione “ammiccante” che distrugge legami e connessioni

da | Mag 26, 2020 | Cultura&Spettacolo

di Silvana Lautieri*

La tendenza dell’uomo ad appartenere al gruppo sociale, attraverso l’istinto di aggregazione, sarebbe   stata ereditata dagli animali: un gesto di omologazione apparentemente naturale ma che sovrastrutture culturali, nel tempo, spiegano come voglia di sperimentarsi, come desiderio di autostima, infine come semplice emulazione. Queste, oggi, tra le tante motivazioni a “fare gruppo”.

A creare antinomia, contrasto, però, due direttrici di marcia contrastanti: il desiderio di cambiare da un lato, la tendenza ad uniformarsi dall’altra. Un piccolo conflitto che in fase adolescenziale, o preadolescenziale, non viene recepito come disagio ma come naturale pausa di riflessione per avviare un consapevole passaggio da una fase all’altra del proprio iter esistenziale.

È, però nel post-moderno che, secondo Zigmunt Bauman, mode “ammiccanti” alimentano quel “capitalismo parassitario”, che scioglie il senso della convivenza: non più relazioni umane ma omogeneizzazione delle persone che distrugge legami, elimina connessioni. Una società liquida che ha perso il senso della comunione delle anime, una società di profitti, che rende tutti uniformi nella lotta tra il più potente ed il più debole.

Nel culto del consenso universale sembra venga esiliato tutto ciò che rende bello l’esistere: il buono, il giusto, il vero. E si dà spazio “all’usa, consuma, elimina” a tempo di velocizzazione-record.

Confinato in zona grigia l’esigenza di quei momenti di solitudine necessari a raccogliere pensieri, riflessioni atti ad acquisire coscienza e consapevolezza dei propri autentici desiderata che rendono più gratificante ed appagante il proprio “esserci“ in qualsiasi normale comunicazione.

Una comunicazione che oggi risulta spesso urlata, mai pacificata dall’intento di voler comprendere per riconoscersi protagonisti e fruitori di un comune destino.

Siamo noi gli alieni? Siamo noi gli abitanti di una Babele urlante ove l’unica corda tesa mira alla sopraffazione, non certo alla composizione di contrastanti e diverse visioni di quel mondo che ci appartiene e nel quale siamo “calati”?

Sembrerebbe proprio così se una necessaria riconsiderazione del nostro “modus vivendi “non ci restituisce la possibilità di considerarci di nuovo  esseri umani .

*Presidente Centro studi Enric Fromm                                                                                             

Perché fu eretta la torre di Palasciano

Perché fu eretta la torre di Palasciano

Tra misteri e leggende Bisogna cercarla con gli occhi, percorrendo la Tangenziale, dall’altezza di Corso Malta in poi e fino a poco prima dell’imbocco della galleria di Capodimonte. Si staglia sulla sinistra e svetta nel nugolo di costruzioni che l’hanno avviluppata...

“Il  mio incontro col male”

“Il mio incontro col male”

Parlano i sacerdoti esorcisti. Squarci su un mondo misterioso Uno degli inganni del Maligno sarebbe quello di far credere che non esiste. Secondo altri Satana sarebbe una proiezione della mente per deresponsabilizzarci rispetto a comportamenti inaccettabili (la lotta...

De Maio e Lupoli tra belcanto e solidarietà

De Maio e Lupoli tra belcanto e solidarietà

ll soprano e il tenore dell’associazione Noi per Napoli impegnati in numerosi progetti artistici e sociali L’associazione Culturale Noi per Napoli, con i suoi artisti e rappresentanti, direttori artistici, il soprano Olga De Maio ed il tenore Luca Lupoli (nella foto),...

Un vademecum sulla pandemia. Emergenza o convivenza?

Un vademecum sulla pandemia. Emergenza o convivenza?

“Pandemia e Pandemie da salto di specie, emergenza o convivenza?”: in distribuzione il prezioso e quanto mai attuale e utile volume instant-book di Academ editore, con le risposte alle tante e complesse domande sull’emergenza sanitaria in corso e le gravi implicazioni...

Eventi e musica, Mooks si allarga

Eventi e musica, Mooks si allarga

Nella libreria del Vomero sarà inaugurato un piano dedicato all’intrattenimento Aprirà le porte al pubblico lunedì 19 luglio il nuovo hub del Mondadori bookstore di via Luca Giordano targato Mooks, un nuovo piano della grande libreria vomerese dedicato...

Allamentarse nunn’ abbasta  cchiu’…

Allamentarse nunn’ abbasta cchiu’…

A lengua napulitana verace va scumparenno Sempe cchiù pperzone s’allamentano pecché ’a lengua napulitana verace va scumparenno e ppecché pure cchille che ancora l’ausano spisso nu’ ssapeno scrivere manco doje righe senza piglià zarre e rrancefellune. E overamente...

Il premio Liburia a Salvio Zungri

Il premio Liburia a Salvio Zungri

La sesta edizione del prestigioso evento condotto dall’attore Gabriele Blair e dall’artista Anna Capasso Si è svolto giovedì 15 luglio, nel Chiostro della Parrocchia del S.S. Rosario ad Afragola in provincia di Napoli con inizio alle ore 19 il “Premio Liburia 2021”,...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te