‘A vita è nu passaggio: facimmoce st’atu quatt’ ’e maggio…

da | Mag 6, 2020 | Cultura&Spettacolo

Mo mmo è passato chillu quatt’ ’e maggio che aspettavano tuttequante, sperute e smaniuse. Primma ce dicettero ca era ’o pprincipio d’ ’a fase 2 ’e l’emergenza, po’ cagnajeno nu ppoco ’e ccarte, cundicenno ca era sulo chella 1 e 3/4, nu nummero ’e fantasia comme chello d’ ’o binario addò parteva ’o treno ’e Harry Potter…  Ce hanno fatto pure na capa tanta, spiecanno ca nu’ pputevemo penzà ca ’a lunnedì passato èramo de botta ‘libberi tutte’, pecché ’o periculo ’e ce cuntaggià ce sta ancora e, si propeto ’o vvulimmo sapé, ce l’âmm’ ’a tené ’ncopp’â noce d’ ’o cuollo pe pparicchie mise…

Però ’a ggente nosta, comme ce putevamo aspettà, hanno fatto festa chiù pe cchisto 4 ’e maggio ca p’ ’o sango ’e san Gennaro che s’era sciugliuto duje juorne primma, quanno cardenale, sìnneco e ccapo d’ ’a deputazzione annunciajeno ’o miraculo a nu Duomo vacante. Chillu fazzuletto janco scutuliato dint’â cattedrale ’e Napule è stato quase nu signale p’ ’a libberazione che nunn era venuta ’o 25 ’e abbrile; na specie ’e semaforo verde pe ddicere: mo finalmente putimmo ascì d’ ’o carcere d’ ’a casa nosta! Mo putimmo turnà a cammenà p’ ’e vvie, a affullà barre e pizzarie, a ffa’ shopping, a ppazzià a ppallone e a ccorrere dint’ê ciardine pubblece…

E ’mmece no, manco pe nniente! ’Stu 4 ’e maggio è stato comm’ ’e bbotte d’ ’o pprincipio ’e ll’anno: assaje fummo e ammuina, ma poca sustanza. Putimmo ascì, è overo, ma sulo pe’ gghi’ a ffaticà, pe ffatte ’e salute o pe ffa’ visita ê pariente. Putimmo fa’ na curzetta o ppurtà ’o cane a ppiscià, però sempe mantenenno ’a distanza e giranno cu’ gguante e mmascarine. Putimmo saglì ’ncopp’a nu pullmànne o â metropolitana, però senza ce affullà (se se…!) e ppulezzannoce ’e mmane ogne ttanto. Putimmo fa’ venì â casa nosta nu guaglione d’ ’o pizzaiuolo o nu rider che vva purtanno panine e ssushi, però nun ce putimmo piglià nu ccafé e mmanco magnà na pizza a llibbretta pe vvia…

A Nnapule dicimmo “è nu quatt’’e maggio” pe pparlà è nu mumento d’ammuina e arrevuoto pecché, tanno, era una d’ ’e ttre gghiurnate ’e ll’anno ca se pavava ’o pesone ô padrone ’e casa e ppecché, d’ ’a fine d’ ’o XVI seculo, era pure ’o juorno pe sfrattà, pe lluvà ’a miezo ’a mubbilia, carriannola a comme vene vene ’ncopp’ê viecchie sciarabballe o, cchiù tarde, ’ncopp’ê camionne d’ ’e trasloche. Ê quatt’ ’e maggio, ‘nzomma, se cagnava aria e ccasa e, pe ssumiglianza, ’sta data addiventaje na manera pe pparlà pure ’e cagnamiente e ttrasformazziune cchiù ’mpurtante. ’O guajo è che stevemo aspettanno ’e cagnà, ma sulo pe tturnà n’ata vota a cchillu modo ’e campà scumbinato, poco justo e pe nniente ecologgico che ggià tenevemo.   Comme si primma jevano bbuono tuttecose e tuttequante campavano overo felice e ccuntente

Embé, nu quatt’’e maggio ce vurrìa overamente, ma pe sfullà chistu munno ’a ll’ingiustizzie, d’ ’a miseria, d’ ’e mmalatie e d’ ’e gguerre. Pe vvutà paggena, facenno pace c’ ’a natura e accummincianno a “campà cu ‘a legge ’e Ddio”, comme diceva Viviani. Pe scuprì finalmente ca senz’agricultura – c’avimmo trascurata e mmalamente trasfurmata – nun se campa, pecchè nun ce magnammo tabblèt arrustute e ppasta cu ’e smartfòne . Ca ce abbastarrìa ’o sole, ’o viento, ’e mmaree e ll’ati ffonte energetiche naturale pe nnun ce abbasà sulo ’ncopp’a ppetrolio e ggasse, accussì fernimmo d’inguajà ll’aria che respirammo, aumentanno ’o calore che sta cocenno l’unneco pianeta che ttenimmo.

’Nce sta na spassosa canzona ’e Armando Gill (1918) ’ntitulata propeto ‘E quatto ’e maggio. Parla ’e nu signore che tteneva na putechella e ppure na casarella, ma ô padrone ’e casa nu’ ll’abbastava ’a mesata e ppirciò ’o sfrattaje senza fa’ tante cumplimente. Isso però, â primma e â siconna vota, s’ ’a pigliaje cu ffilosofia, cantanno: «E aggiu lassato chella putechella (casarella), /speranno ‘e ne truvá n’ata cchiù bella. /Core, fatte curaggio, /’sta vita è nu passaggio. /Facimmoncillo chistu quatto ‘e maggio, /che ce penzammo a fa’, /si ‘o munno accussí va?». Pure quanno se trattava d’ ’a ’nnammurata soja succedette ’a stessa cosa: «E tenevo na bella ‘nnammurata /ch’avevo fatto tanto p’ ‘a ‘mpará. /Ma che saccio che è, ll’hanno ‘nciuciata. /Nun è cchiù chella ch’era n’anno fa. /Primma, na rosa semplice, /mm’ ‘a facevo felice. /Mo vo’ ‘e brillante e dice / ca manco niente so’. /E i’ lasso pur’a essa e bonasera /e mme ne trovo a n’ata cchiù sincera…».

’A meglia cosa sarrìa ’e ce cumpurtà comm’a cchillu signore. ’E pprimme vote s’era sulo rassignato ê cagnamiente che ll’erano capitate, pe vvia ca ‘a vita è nu passaggio e ‘o munno accussì vva. ’A terza vota, però, nun se facette sfrattà ’a nisciuno padrone, ma accummenciaje finalmente a ddecidere isso sulo, c’ ’a capa soja. È accussì è isso che lassa ’a ’nnammurata che nunn era chiù chella ’e primma , pe  nne truvà una chiù ssincera.  Forze pure pe nnuje chesta putarria essere overamente ’a fasa 2: chella addò lassammo ’stu mudello ’e favuzo sviluppo,  pe cce ne piglià n’atu cchiù ssincero. Agurie!

“Maradò”, le voci del popolo

“Maradò”, le voci del popolo

Nel libro di Anna Copertino, l’universo napoletano del Dios Che cosa non si è scritto e detto di Maradona che ormai non si sappia? Artisti, grandi firme, uomini di cultura e registi ne hanno la grandezza, miseria e nobiltà ma ognuno con la propria idea e l’immagine ed...

Procida, un’intera giornata dedicata alla cultura

Procida, un’intera giornata dedicata alla cultura

Un evento di un’intera giornata dedicato alla cultura. A Procida” l’isola che non si isola” e che quest’anno sta celebrando il suo essere capitale della cultura l’appuntamento è fissato per domenica 29 maggio. Un evento che si snoderà in tre momenti, tutti idealmente...

Campania, Puglia & Mendoza in tour

Campania, Puglia & Mendoza in tour

Le domeniche dal 1° maggio al 5 giugno si terranno cinque concerti di musica dal vivo nei luoghi incantevoli della Campania Napoli – Ercolano – Vico Equense – Sorrento – Ravello. Il Chitarrista Max Puglia (Hermanos, Ruggiero, Buonocore, Gragnaniello, Fò, Hernadez,...

Arte e solidarietà con Noi per Napoli

Arte e solidarietà con Noi per Napoli

L’associazione culturale organizza e promuove anche iniziative sociali a favore dei bisognosi L’associazione culturale Noi per Napoli, con i suoi artisti e rappresentanti il soprano Olga De Maio ed il tenore Luca Lupoli, ispirata sempre ai principi e finalità...

A tu per tu con Maria Cuono

A tu per tu con Maria Cuono

L’intervista di Noi per Napoli alla scrittrice, giornalista e docente cilentana: una vita per il teatro A tu per tu con Maria Cuono, docente, giornalista e valente scrittrice cilentana. Le abbiamo rivolto qualche domanda per farla parlare di sé, della sua arte e per...

Nuova indagine per il Capitano Giulio Mariani

Nuova indagine per il Capitano Giulio Mariani

In libreria entro fine primavera il secondo giallo del giornalista Giovanni Taranto Torna il Capitano Giulio Mariani: entro fine primavera la seconda inchiesta del detective dell’Arma protagonista ci dei gialli del giornalista Giovanni Taranto sarà sugli scaffali di...

Carnevale, ballo a corte dentro al Palazzo Reale

Carnevale, ballo a corte dentro al Palazzo Reale

Oggi, lunedì 28 febbraio e martedì 1 marzo alle ore 15 e 17 e domani, domenica 27 febbraio, alle ore 10, 12, 15, 17 va in scena l’insolita esperienza di fruizione museale, ideata e realizzata da Le Nuvole con Casa del Contemporaneo e la collaborazione della direzione...

Musica, ecco “Niente è niente”

Musica, ecco “Niente è niente”

Il nuovo progetto musicale degli artisti partenopei Olga De Maio e Luca Lupoli che unisce pop e lirica Si chiama “Niente è niente” il nuovo progetto discografico del soprano Olga De Maio e del tenore Luca Lupoli, noti artisti lirici partenopei ed internazionali,...

San Ciro e l’«ex voto» di Pietro Gargano

San Ciro e l’«ex voto» di Pietro Gargano

Il retroscena del libro del noto giornalista-scrittore sul santo protettore degli ammalati “Ho avuto due infarti nel giro di nove mesi, e ogni volta dicevo ‘San Ciro, pensaci tu, patrono del paese’. Sto ancora qui, e allora ho scritto un libro sul millenario culto del...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te