Bruscolotti: “Napoli, ora serve la pace”

da | Nov 19, 2019 | Calcio Napoli

di Marco Martone

Quando nell’anno dello scudetto si rese conto che il calciatore che li avrebbe trascinati alla vittoria era quello con il numero 10 sulle spalle e quando capì che un gesto semplice ma di impatto emotivo enorme avrebbe dato al gruppo la spinta definitiva, non ebbe alcun dubbio. E così Peppe Bruscolotti, condottiero di mille battaglie, si sfilò dal braccio la fascia di capitano e la consegnò a Diego Maradona. E in cambio ricevette una promessa: “Vinceremo lo scudetto, prima che tu possa smettere di giocare!”. E lo scudetto arrivò, perché Maradona era uno di quelli che le promesse sapeva mantenerle.
Oggi, forse, ci sarebbe bisogno di gesti simili o di uomini simili. Ma il calcio è cambiato e anche i suoi protagonisti non sono più gli stessi.
E allora, Peppe Bruscolotti, come si esce da questo vicolo cieco, fatto di ammutinamenti, comunicati e punizioni esemplari?
“Oggi tante cose sono cambiate – dice al Quotidiano Napoli l’ex capitano azzurro – i giocatori sono rappresentati dai procuratori, hanno un approccio diverso al mondo del calcio a cominciare dalle modalità dei rispettivi contratti. Tante cose sono cambiate e quasi tutte a loro vantaggio”.
Il Napoli, intanto, non naviga in buone acque.
“La situazione è delicata. Mi auguro che prima della ripresa, ci possa essere un incontro tra le parti che chiarisca la questione. In questi giorni mi sembra che i calciatori si stiano adoperando per una pacificazione e credo sia la soluzione migliore, soprattutto per rispetto nei confronti dei tifosi, oltre che nell’interesse generale”.
Il presidente, però, sembra voler andare avanti sulla linea dura.
“De Laurentiis è a capo di una grande società. Ognuno può perseguire nella propria strada ma fare muro contro muro non giova a nessuno. Credo che il presidente oltre a fare l’imprenditore debba essere anche un buon padre di famiglia”.
Avanti insieme, quindi, anche con l’attuale tecnico?
“Giusto andare avanti con Ancelotti, ci mancherebbe. In questa situazione tutti hanno sbagliato. Poi non saprei dire chi possa essere una eventuale alternativa all’allenatore, in questo momento della stagione. Ripeto, per me è sufficiente chiarire le cose e andare avanti. Lasciamoli lavorare e i risultati arriveranno, anche perché gli obiettivi sono ancora tutti possibili. Scudetto a parte”.
Chi, invece, corre come un treno è la Nazionale.
“Il ct Roberto Mancini sta facendo un grande lavoro. Ha dimostrato che in Italia i talenti ci sono ancora. Ora c’è fiducia e c’è un gruppo importante. Una prospettiva importante in vista dei prossimi Europei”.

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Lo scudetto potrebbe essere assegnato sul filo di lana e allora quanti rimpianti Noi non sappiamo come andrà a finire. Oggi il Napoli ha tre punti di distacco dal Milan e forse anche dall’Inter, se i nerazzurri dovessero vincere la partita che devono recuperare. Ci...

Vomero, controlli movida dei carabinieri

Vomero, controlli movida dei carabinieri

Tra mercoledì e venerdì, nell'ambito dei servizi predisposti dalla Questura di Napoli nelle aree della “movida”,  i poliziotti del Commissariato Vomero, i militari dell’Arma dei Carabinieri, i finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza, con il...

E servono sempre terzino e centrale di difesa

E servono sempre terzino e centrale di difesa

L’arrivo del solo Tuanzebe non ha risolto i problemi strutturali dell’organico degli azzurri Nel momento di maggior fulgore, dopo le otto vittorie consecutive ad inizio di campionato, osservatori e tifosi, sull’onda dell’entusiasmo, avevano già indicato il Napoli...

Napoli, un futuro da inventare

Napoli, un futuro da inventare

I vuoti del Maradona non dipendono solo dal Covid.Tifosi sempre più spaesati e meno innamorati Un giorno, neanche tanto all’improvviso, sembra che l’amore dei tifosi azzurri per la loro squadra sia evaporato in modo pressochè totale e definitivo. L’avvio di Insigne,...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te