Chiese e palazzi storici a rischio crolli, così si sprecano i fondi dell’Unesco. Troppi gli enti coinvolti nel recupero, ci vuole un “Garante” che li coordini

da | Mag 24, 2021 | Primo piano

Nove chiese a  rischio sprofondamento (e altre 91 da tenere sotto controllo), avvertiva qualche giorno fa “Il  “Mattino” citando uno studio universitario su rilievi satellitari relativi alle variazioni di altezza degli edifici (e dunque ai movimenti del sottosuolo). Ma le chiese abbandonate, chiuse, pericolanti , inagibili (saccheggiate o utilizzate in modo improprio o con cantieri  fantasma)  a Napoli, “città dalle 500 cupole”,  sono molte di più. “Almeno la metà”, secondo Antonio Pariante presidente del Comitato Portosalvo impegnato da sempre in difesa  del patrimonio storico artistico e monumentale  della città.

 Emblematico il caso del complesso dei Girolamini. Lavori per oltre 7 milioni finanziati dall’Unesco. Quattro anni perduti tra aggiudicazioni delle gare e contratti; poi nel 2017 l’apertura del cantiere ma ecco che arriva uno stop per inadeguatezza del progetto… Ed è ancora tutto fermo, perché la variante era troppo costosa (il cantiere tuttora in custodia  alla ditta che avrebbe dovuto fare i lavori).

Ancora off limits (dal 1980) anche la seicentesca chiesa di Santa Maria di Vertecoeli, a due passi da largo Donnaregina: splendida facciata barocca, fronteggiata da un altro pregiato edificio storico. Nel 2017 fu restaurata la facciata per  190mila euro a spese dal Comune, proprietario dell’immobile. Ma all’interno resta uno scempio, tra soffitti  che rovinano, escrementi di animali e altra sporcizia (gli oggetti sacri, rubati o vandalizzati).

Antonio Pariante

E che dire della chiesa di Santa Croce al Mercato, che pure è pericolante? Hanno rifatto la piazza, con fondi Unesco  (“usati materiali impropri, alterati i prospetti visivi”, accusa Pariante)  ma non la chiesa…

Parecchie di queste chiese  un tempo  erano cappelle private, la maggior parte gestite da arciconfraternite che poi si sono estinte  (la gestione dei  beni delle arciconfraternite commissariate fa capo a un ufficio speciale della Curia). Pochi gli immobili che appartengono alla Curia. Alcuni sono del Comune, molti  di proprietà del FEC (fondo edifici culto) che fa capo al Ministero degli Interni.  “Alla luce dei patti lateranensi , il concordato Stato Chiesa del 1929”, ricorda il dottor Pariante, “tocca allo Stato la spesa per la manutenzione ordinaria e straordinaria, ma con un capitolo di bilancio teorico… Non ci sono fondi”.

E però,  quando l’opportunità economica c’è, non si conclude niente. Il centro storico è stato riconosciuto dal 1995 patrimonio dell’umanità dall’Unesco,  con erogazioni  di risorse europee per la messa in sicurezza, restauri, ristrutturazione, riqualificazione di monumenti e strade nel perimetro dell’antico insediamento greco romano . Ma a fronte di 100 milioni disponibili per il “Grande progetto centro storico Unesco”  partito con la programmazione 2007-2013 poi traslato su  quella successiva, ad aprile 2019 la spesa rendicontata era di soli 15 milioni e cioè meno di un terzo. Cento milioni  per interventi previsti  su 27 chiese, “ma i lavori sono iniziati solo in una decina di casi e mai finiti”; in questi 26 anni, secondo Pariante, si sarebbero persi addirittura  500 milioni per tre “grandi progetti” compreso l’ultimo (sindaci Bassolino, Iervolino, De Magistris), tutti falliti…

Un’area, quella del centro storico, su cui insistono diverse normative di scala nazionale, regionale e comunale  con un intreccio di responsabilità istituzionali. Da chi dipende lo stallo? Comune, Regione, Sovrintendenza,  Arcidiocesi, Ministero, Provveditorato opere pubbliche; direzioni dei complessi monumentali… “A prescindere dagli amministratori che si sono succeduti”, commenta Pariante, “non c’è stata una buona gestione politica dei nostri beni culturali”. Si poteva fare meglio. Ritardi ai quali bisognerebbe porre rimedio, per non perdere anche il resto. “L’Unesco è  lontana. E il Ministero dei beni culturali accentra la sua attenzione su Pompei”, riflette il presidente del Comitato Portosalvo. Ed ecco il suggerimento: “A Napoli serve un Garante  per difendere  il centro storico e il paesaggio  dal degrado  e dalle continue trasformazioni urbane/restyling  che stanno alterando l’identità  del territorio. Un difensore civico che raccolga tutti attorno a un tavolo,  per coordinare  gli interventi affinché si proceda in maniera omogenea e non più a macchia di leopardo”. Serve una visione complessiva,  per  salvaguardare il passato puntando al futuro.

Campania, open day vaccinale per le donne in gravidanza

Campania, open day vaccinale per le donne in gravidanza

In occasione della Giornata nazionale per la sicurezza delle cure e della persona assistita, promossa dal Ministero della Salute, che quest’anno è dedicata alle cure materne e neonatali sicure con il claim “Agisci adesso per un parto sicuro e rispettoso”, Venerdì 17...

Napoli incompleto. Inutile cullare sogni di gloria

Napoli incompleto. Inutile cullare sogni di gloria

Salvatore Bagni è sempre stato un inguaribile ottimista. Ma questa volta è proprio andato oltre ogni limite: è bastato che diventasse ufficiale l’acquisto del misconosciuto Anguissa per fargli dichiarare che il Napoli è da scudetto. Anzi a sentirlo quasi il campionato...

Le t-shirt firmate Gomorra vanno a ruba sul web

Le t-shirt firmate Gomorra vanno a ruba sul web

Albert Bandura, recentemente scomparso, ammoniva sugli effetti modellanti della tv  di Cinzia Rosaria Baldi * L’ultima moda è indossare le magliette  ispirate ai personaggi di Gomorra, la celebre serie tv ideata da Roberto Saviano.  Vanno a ruba sul web felpe e...

Napoli-Verona, altro che dimenticare. Vogliamo sapere

Napoli-Verona, altro che dimenticare. Vogliamo sapere

La chiusura della prima fase di preparazione al campionato suggerisce una prima serie di considerazioni e di rilievi. La parentesi di Dimaro ha confermato quanto già si sapeva sul carattere forte e carismatico del nuovo allenatore. È il suo grande pregio, unito alla...

Giuntoli tra Adl e Spalletti

Giuntoli tra Adl e Spalletti

Il ds ha il compito di abbassare il tetto degli ingaggi e dare al tecnico una rosa comunque competitiva Passata la sbornia europea, testa al mercato e soprattutto al campionato. “Ricomincia da tre” la stagione 2021/22, per tre ottimi motivi che la rendono già...

Cosa spinge le persone ad essere cattive?

Cosa spinge le persone ad essere cattive?

di Cinzia Rosaria Baldi * La psicologia può spiegare perché accadono fenomeni di estrema crudeltà come le violenze nel carcere a S.M. Capua Vetere Le atroci  violenze avvenute nel carcere a S.M. Capua Vetere lo scorso anno in pieno lock down e portate alla ribalta...

Il caso di Chiara, 15 anni, uccisa da un amico di 16 anni

Il caso di Chiara, 15 anni, uccisa da un amico di 16 anni

I giovani bombardati dal brutto e dal male che toglie la speranza. Genitori distratti, il silenzio degli scienziati L’omicida  sedicenne  ora racconta che sentiva la voce del diavolo,  turbato dalla serie  televisiva  “Lucifer”,  ma la razionalità dimostrata con i...

I giallorossi rivivono solo a Napoli

I giallorossi rivivono solo a Napoli

Pd e 5 Stelle uniti nel sostenere il candidato sindaco Manfredi. Ma ce la faranno a vincere? A Napoli si risperimenterà, per il momento caso unico in Italia, la coalizione Pd-5Stelle. Ricordate, è quell’alleanza tra forze assolutamente incompatibili, contro natura,...

Noemi e il murale della speranza

Noemi e il murale della speranza

“Street art” ideata dalla bambina che fu ferita in piazza Nazionale. No ai modelli negativi per i giovani Un messaggio di speranza partirà oggi da piazza Nazionale dove, salvo ritardi nell’erogazione dei permessi, nell’anfiteatro centrale sarà disegnato un murale per...

Gattuso da incapace a fenomeno

Gattuso da incapace a fenomeno

Come i media napoletani hanno trattato l’allenatore protagonista di una stagione fra luci e ombre C’è una sorta di schizofrenia dell’informazione sportiva che atavicamente si accompagna al cammino del Napoli Calcio. E mai come in questo frangente essa si è palesata...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te