Chiese e palazzi storici a rischio crolli, così si sprecano i fondi dell’Unesco. Troppi gli enti coinvolti nel recupero, ci vuole un “Garante” che li coordini

da | Mag 24, 2021 | Primo piano

Nove chiese a  rischio sprofondamento (e altre 91 da tenere sotto controllo), avvertiva qualche giorno fa “Il  “Mattino” citando uno studio universitario su rilievi satellitari relativi alle variazioni di altezza degli edifici (e dunque ai movimenti del sottosuolo). Ma le chiese abbandonate, chiuse, pericolanti , inagibili (saccheggiate o utilizzate in modo improprio o con cantieri  fantasma)  a Napoli, “città dalle 500 cupole”,  sono molte di più. “Almeno la metà”, secondo Antonio Pariante presidente del Comitato Portosalvo impegnato da sempre in difesa  del patrimonio storico artistico e monumentale  della città.

 Emblematico il caso del complesso dei Girolamini. Lavori per oltre 7 milioni finanziati dall’Unesco. Quattro anni perduti tra aggiudicazioni delle gare e contratti; poi nel 2017 l’apertura del cantiere ma ecco che arriva uno stop per inadeguatezza del progetto… Ed è ancora tutto fermo, perché la variante era troppo costosa (il cantiere tuttora in custodia  alla ditta che avrebbe dovuto fare i lavori).

Ancora off limits (dal 1980) anche la seicentesca chiesa di Santa Maria di Vertecoeli, a due passi da largo Donnaregina: splendida facciata barocca, fronteggiata da un altro pregiato edificio storico. Nel 2017 fu restaurata la facciata per  190mila euro a spese dal Comune, proprietario dell’immobile. Ma all’interno resta uno scempio, tra soffitti  che rovinano, escrementi di animali e altra sporcizia (gli oggetti sacri, rubati o vandalizzati).

Antonio Pariante

E che dire della chiesa di Santa Croce al Mercato, che pure è pericolante? Hanno rifatto la piazza, con fondi Unesco  (“usati materiali impropri, alterati i prospetti visivi”, accusa Pariante)  ma non la chiesa…

Parecchie di queste chiese  un tempo  erano cappelle private, la maggior parte gestite da arciconfraternite che poi si sono estinte  (la gestione dei  beni delle arciconfraternite commissariate fa capo a un ufficio speciale della Curia). Pochi gli immobili che appartengono alla Curia. Alcuni sono del Comune, molti  di proprietà del FEC (fondo edifici culto) che fa capo al Ministero degli Interni.  “Alla luce dei patti lateranensi , il concordato Stato Chiesa del 1929”, ricorda il dottor Pariante, “tocca allo Stato la spesa per la manutenzione ordinaria e straordinaria, ma con un capitolo di bilancio teorico… Non ci sono fondi”.

E però,  quando l’opportunità economica c’è, non si conclude niente. Il centro storico è stato riconosciuto dal 1995 patrimonio dell’umanità dall’Unesco,  con erogazioni  di risorse europee per la messa in sicurezza, restauri, ristrutturazione, riqualificazione di monumenti e strade nel perimetro dell’antico insediamento greco romano . Ma a fronte di 100 milioni disponibili per il “Grande progetto centro storico Unesco”  partito con la programmazione 2007-2013 poi traslato su  quella successiva, ad aprile 2019 la spesa rendicontata era di soli 15 milioni e cioè meno di un terzo. Cento milioni  per interventi previsti  su 27 chiese, “ma i lavori sono iniziati solo in una decina di casi e mai finiti”; in questi 26 anni, secondo Pariante, si sarebbero persi addirittura  500 milioni per tre “grandi progetti” compreso l’ultimo (sindaci Bassolino, Iervolino, De Magistris), tutti falliti…

Un’area, quella del centro storico, su cui insistono diverse normative di scala nazionale, regionale e comunale  con un intreccio di responsabilità istituzionali. Da chi dipende lo stallo? Comune, Regione, Sovrintendenza,  Arcidiocesi, Ministero, Provveditorato opere pubbliche; direzioni dei complessi monumentali… “A prescindere dagli amministratori che si sono succeduti”, commenta Pariante, “non c’è stata una buona gestione politica dei nostri beni culturali”. Si poteva fare meglio. Ritardi ai quali bisognerebbe porre rimedio, per non perdere anche il resto. “L’Unesco è  lontana. E il Ministero dei beni culturali accentra la sua attenzione su Pompei”, riflette il presidente del Comitato Portosalvo. Ed ecco il suggerimento: “A Napoli serve un Garante  per difendere  il centro storico e il paesaggio  dal degrado  e dalle continue trasformazioni urbane/restyling  che stanno alterando l’identità  del territorio. Un difensore civico che raccolga tutti attorno a un tavolo,  per coordinare  gli interventi affinché si proceda in maniera omogenea e non più a macchia di leopardo”. Serve una visione complessiva,  per  salvaguardare il passato puntando al futuro.

Maresca: “Scelgo l’impegno”

Maresca: “Scelgo l’impegno”

L’ex candidato sindaco a capo dell’opposizione è da poco tornato a rivestire anche il ruolo di giudice Dopo la sconfitta alle amministrative di Napoli il magistrato Catello Maresca è da poco rientrato in servizio con funzione di giudice di Corte d’Appello a...

Da gennaio inizia lo sprint finale

Da gennaio inizia lo sprint finale

Le due ultime partite di andata contro Milan e Spezia possono rilanciare gli azzurri in vista del ritorno Dopo 17 giornate l’attuale classifica del massimo campionato crea non poco disagio e scompiglio nella testa di coloro che, addetti ai lavori, giornalisti e...

Filiali chiuse, disagi per i correntisti

Filiali chiuse, disagi per i correntisti

Ridotte le sedi di Intesa San Paolo. Difficile anche “raggiungere” le postazioni per i prelievi di contante “La banca” ormai è distante e prelevare soldi col bancomat è diventata una impresa, con maggior rischio - rientrando verso casa - di essere rapinati. Una...

“Sbagliato rimuovere le luminarie al Vomero”

“Sbagliato rimuovere le luminarie al Vomero”

A colloquio con Nino Simeone, presidente della Commissione che dovrà occuparsi anche dell’arredo urbano È un figlio d’arte, il padre, Carmine Simeone è stato a lungo protagonista della vita politica cittadina tra le fila del partito socialista. Nino Simeone ha...

Quell’albero pericoloso  in piazza degli Artisti

Quell’albero pericoloso in piazza degli Artisti

A vederlo fa davvero paura. Basta sollevare gli occhi al cielo per accorgersi di quanto sia alto e fronzuto. Svetta nel pieno di piazza degli Artisti, un luogo frequentatissimo. Guardandolo da lontano e da vicino se ne ricava netta la sensazione di imminente pericolo....

E ora Adl metta mano al portafoglio

E ora Adl metta mano al portafoglio

Il Napoli, a dispetto di quanto sostiene Spalletti, presenta gravi lacune di organico in difesa Il Napoli negli anni scorsi (gestione De Laurentiis) per ben quattro volte si è piazzato al secondo posto e due volte ha conquistato il titolo di campione d’inverno. In...

È un’Italia da rifondare

È un’Italia da rifondare

La delusione per la mancata qualificazione fa rivivere periodi bui come l’esclusione ai Mondiali russi Lettori manzoniani, tifosi di calcio potrebbero chiedersi: “Fu vera gloria?”. Sembra passato un secolo dall’Europeo vinto a luglio. E la sentenza, purtroppo, non...

Femminicidio, serve una legge

Femminicidio, serve una legge

Appello del padre di Ornella Pinto al Capo dello Stato: “Norme specifiche ed efficaci” Nella notte tra il 12 e il 13 marzo una professoressa di 39 anni, Ornella Pinto, fu massacrata a coltellate nel sonno dall’ex compagno Pinotto Iacopino, 43 anni, mentre il loro...

Napoli nella top ten dei comuni più social d’Italia

Napoli nella top ten dei comuni più social d’Italia

È stata presentata ieri l’indagine di FPA sull’utilizzo dei social network in 107 comuni capoluogo che ha preso in esame una serie di indicatori per valutare l’efficacia della comunicazione social delle maggiori città italiane. In particolare, la ricerca ha...

Screening gratuiti, al Vomero il Camper della Salute

Screening gratuiti, al Vomero il Camper della Salute

Da questa mattina al Vomero a piazza degli artisti fino alle 18 il Camper della Salute dell’ASL Napoli 1 Centro offre gratuitamente, e senza prenotazione, visite ed esami per la prevenzione di eventuali patologie tumorali con la partecipazione di medici esperti del...

Galleria della Vittoria, il regalo di Natale

Galleria della Vittoria, il regalo di Natale

Potrebbe essere il vero regalo di Natale per tutti i napoletani, la riapertura della galleria della Vittoria. L’infrastruttura, chiusa da oltre un anno, ha rappresentato uno dei temi trainanti della campagna elettorale. Per gli automobilisti è una sorta di incubo e...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te