Na scola covvidiola

da | Ago 31, 2020 | Cronaca

Ce stammo appreparanno a ttruvà d’ ‘o 14 ‘e settembre, na cosa streuza e scumbinata che addemostra quanto poco s’è fatto fin’a mmo

Speravo ‘e nun turnà ‘ncopp’a ‘st’argumento, però era quase scuntato ca – cu ssettembre che s’avvecina – ‘a scola addeventava n’ata vota ‘a quistione centrale pe cchi guverna l’Italia, ma pure pe ll’ati paise. ‘O fatto è ca, comme scrivevo già, pure si tuttequante vanno dicenno, nu juorno sì e ll’ato pure, ca pe lloro se tratta d’ ‘a cosa cchiù ‘mpurtante, me pare c’ ‘a scola rummane cchiù nu prubblema ca nu bene cummune.


Abbasta ca leggimmo nu giurnale pe ccapì ca ‘e guvernante nuoste spisso parlano d’ ‘a scola ma ‘a canosceno assaje poco. Pe mmise sane – e nunn è ca ne tenevano assaje annanze… – ce hanno scucciato c’ ‘o fatto ca s’avevan’ ‘a accattà migliare e mmigliare ‘e bancarielle ‘monoposto’, ammacaro cu ‘e rrote. Pareva quase ca ‘o prubblema nu’ ffossero ‘e classe-gallinaro addò ll’anne passate evano ammazzuccate ‘nfin’a trenta studiente, accurpanno classe e luvanno ‘a miezo succursale, sulo pe sparagnà denare. ‘O prubblema accussì è addeventato ‘o rìseco ‘e cuntaminazzione pe vvia d’ ‘o Covìd, cu ‘a necessità ‘e chillu fammuso ‘distanziamiento suciale’, smezzanno pirciò ‘o nummero d’ ‘e studiente che ppônno sta’ dint’a n’aula.


Avimmo sentuto nu ppoco ‘e tutto: repigliammoce scole abbandunate pe anne sane; allariammo ll’aule cchiù piccerelle e ausammo cchiù mmeglio chelle cchiù ggrosse; spartimmo ll’aule cu spartimiente ‘e plexiglass; facimmo lezzione int’ê ppalestre o ê bibblioteche; no, purtammo ‘e studiente ô museo, ê ciardine o ppure dint’ê ssale cinematografeche… Mancava sulo ‘o lunapark e ‘o tennòne d’ ‘o circo e sstevemo ô ccumpleto. Sì, s’è pparlato pure ‘e aggrannì finalmente ‘o perzunale d’’a scola (maeste, prufessure, bidelle, secretarie…) e aveno pure cacciato nu meliardo pe nn’assumere a mmigliare.
Però pare ca sarranno sulo precarie e sicuramente nun abbastarranno manco pe ccuprì ‘e puoste necessarie. E nnu’ cce sta nisciuna ‘didattica a distanza’ che putarrà rimpiazzà ‘e lezziune overe, pe nu’ pparlà d’ ‘o fatto c’ ‘a scola nunn è nu distribbutore automatico ‘e canuscenze e ccumpetenzie, ma avarria ‘a essere ‘o core stesso ‘e l’educazione e d’ ‘a sucializzazzione.
N’ata quistione è stata chella d’ ‘e pprecauzzione e accurtenze pe nnu’ ffa’ spannere ‘o virùs int’â scola. Termometre pe ccuntrullà si maeste e gguagliune/one teneno ‘a freva; dispenzature ‘e disinfettante pe mmane e mmanelle; attenzione p’addò e ppe ccomme ‘e studiente magnano e p’ ‘e servizzie iggieniche… ‘Nzomma, na scola ‘mbarzamata, cu guagliune/one – accunciate cu mascarine e cummoglia-scarpetelle – che stanno fisse e ssode ô pizzo lloro senza se movere ‘a lloco o, si lle va bbuono, facenno quacche mmetro c’ ‘a siggiulella a rrutelle, comm’a vviecchie dint’a n’ospizzio… Naturalmente ce sarrà pure chi rummanarrà for’â scola e ss’avarrà ‘a piazzà addereto a nu compiutér pe gghì appriesso, stanno â casa, a ssti’ vvivace lezziune…
L’unneca cosa, però, che nunn era passata manco p’ ‘a capa ê guvernante noste – comme pare liggenno ‘e giurnale – era comme facevano ‘e studiente a arrivà â scola, quanno nunn ‘o pônno fa’ a ppede. Sulamente mo, a quacche semmana ‘a ll’inizzio d’ ‘a scola, ‘sti scienziate hanno scuperto ca ce steva ‘o prubblema d’ ‘e traspuorte, pecché autobbùs e mmetropolitane già stevano ‘nguajate primma, ma cu ‘e rreole nove d’ ‘a distanzia pe vvia d’ ‘o Covìd, è addeventato impussibbele ‘e ffa’ funzionà mieze vacante ma c’ ‘o stesso nummero ‘e passiggiere. Int’a ne cetà comm’a Nnapule, po’, nun ce stanno scuolabùsse bastante e hanno fatto pure ‘a scuperta ca p’ogne pulmantino giallo autorizzato ce nne stanno duje abbusive e senza cuntrolle. Pe nnu’ pparlà d’ ‘e turne pe ttrasì â scola, ‘e ll’urarie sfalsate e d’ ‘o casino che ffanno già ogne juorno migliara e machine private che pportano ‘e guagliune â scola.
Chesta è a ‘scola coviddiola’ che ce stammo appreparanno a ttruvà d’ ‘o 14 ‘e settembre, na cosa streuza e scumbinata che addemostra quanto poco s’è fatto fin’a mmo, a ddespietto ‘e tutt’ ‘e chiacchiare e ttabbacchere che ce vônno vennere comme verità. Nun se parla cchiù manco d’ ‘a sustanza ‘e ll’insegnamento e ‘e na didattica devierza e cchiù attiva: sulo ‘e lezziune online e ccumpetenzie ‘nfurmateche ‘a spannere… ‘A pandemia puteva addeventà n’occasione unneca pe’ ccagnà overamente chistu munno stuorto, ma pare propio ca sapimmo sulo ce adattà a cchello che cce vene ‘ncuollo.
Però, si overo ‘o vvulimmo, forze putimmo ancora cagnà strada, comme dicevano tanno ‘e guagliune d’ ‘o Sissantotto: “Simmo realisteche. Chiedimmo l’impussibbele!”

“Convivia. Il gusto degli antichi”,  la mostra al Lapis Museum

“Convivia. Il gusto degli antichi”, la mostra al Lapis Museum

Tra i reperti esposti, la bottiglia di olio d’oliva più antica del mondo, utensili, vasellame per la tavola e la cucina dalle Collezioni del MANN Utensili, vasellame e commestibili fossili tratti dalla Collezione dei Commestibili del MANN – tra cui la bottiglia di...

Il “ballo della rosa”, galà di beneficenza dei Lions

Il “ballo della rosa”, galà di beneficenza dei Lions

Ogni anno prende sempre più corpo e si sta imponendo come uno dei più riusciti eventi napoletani di beneficenza. E’ il “ballo della rosa”, il gran galà di solidarietà organizzato dai Lions Club International e dai Lions Club Capri con la sua presidente Rita Colazza,...

Piazza San Giacomo, denunciato 23enne “curioso”

Piazza San Giacomo, denunciato 23enne “curioso”

Per curiosità. È questo il motivo per il quale un 23enne incensurato di Villaricca ha colpito un Carabiniere. Siamo a Piazza San Giacomo ed è in corso la manifestazione in occasione della “giornata mondiale del rifugiato”. Un migliaio di persone sono partite da piazza...

Dall’Ape sociale alla pensione di vecchiaia

Dall’Ape sociale alla pensione di vecchiaia

Lo Studio Rubinacci-Molaro spiega come avviene la conversione e tempi e modi per presentare la domanda Negli ultimi mesi si sono recati presso il nostro studio diversi pensionati titolari del beneficio dell’Ape sociale, che al momento della maturazione del diritto...

Napoli, capitale della cultura del Mediterraneo

Napoli, capitale della cultura del Mediterraneo

Il Mediterraneo avrà a rotazione una capitale della cultura. Lo annuncia il ministro della cultura Franceschini con la dichiarazione conclusiva della due giorni di summit che ha riunito per la prima volta a Napoli 30 ministri dell’area mediterranea e non solo. La...

Panni stesi nei vicoli, divieto  scongiurato

Panni stesi nei vicoli, divieto scongiurato

Non ci sarà nessuna ordinanza che vieterà i panni stesi. L’annuncio è del sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi in risposta al caso della bozza del regolamento di polizia urbana, nel quale, secondo indiscrezioni di stampa, sarebbe stato inserito il divieto di stendere i...

Il Comune a De Laurentiis: “Dia l’esempio e paghi”

Il Comune a De Laurentiis: “Dia l’esempio e paghi”

Il presidente della commissione Sport, Gennaro Esposito invita il patron azzurro a saldare i debiti per lo stadio Gennaro Esposito, presidente della Commissione Sport del Comune, chiede ad Adl di dare l’esempio ai cittadini. Intervistato da Calcio Napoli 24 Live, il...

I luoghi di interesse e i monumenti più belli di Napoli

I luoghi di interesse e i monumenti più belli di Napoli

Fondata nel VI secolo a.C. Napoli vanta una storia particolarmente antica ed è infatti tra le città più antiche del pianeta. Molti dei suoi monumenti storici sono impressionanti e ben conservati, tra cui la Basilica di San Francesco di Paola, il Palazzo Gravina e il...

Lotta ai due killer: il melanoma e l’inquinamento marino

Lotta ai due killer: il melanoma e l’inquinamento marino

Il progetto sarà presentato domani lunedì 6 giugno, alle 17,30, presso The Spark in piazza Borsa. Si tratta di un'iniziativa che si inserisce nella guerra al melanoma - il tumore killer della pelle - e all'inquinamento del mare. E' stata messa a punto da Marevivo e da...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te