Moda, la sfilata di Zimon: sette donne napoletane contro l’oppressione della società patriarcale

da | Nov 11, 2021 | Cultura&Spettacolo

Roberta, ventiduenne che sogna di aprire un centro estetico; Dalila, appassionata di politica e ballerina di pole dance; Alessandra, che sta scrivendo una tesi di laurea raccontando gli effetti del capitalismo sulla crisi climatica; Marina, diciassettenne bagnolese che ha lasciato la scuola troppo presto e che ora studia al serale per prendere la licenza media; Annalaura, che lavora per diventare un’assistente sociale; Martina, ventitreenne affetta da sindrome di down che ama i cavalli e la cucina; e infine Polyana, ventiseienne brasiliana laureata in veterinaria.

Non sono le protagoniste di un nuovo reality show, ma le donne che la stilista napoletana Zimon ha riunito per presentare la sua collezione, il prossimo 14 novembre nel suo atelier del corso Vittorio Emanuele. “I miei sono capi un po’ provocatori e trasgressivi, ma l’idea è quella di metterli addosso a donne che abitano nella mia città, e che nel loro quotidiano vivono, sognano, lottano, autodeterminandosi, perché la vera trasgressione sta nell’inseguire i propri sogni e il proprio essere, libere dagli schemi che la società patriarcale ci impone”.

 

Zimon, al secolo Simona Esposito, è una giovane stilista napoletana che ha vissuto a lungo a Londra, dove si è formata alla scuola Central Saint Martins. È voluta rientrare nella sua città, per riassorbire le atmosfere che aveva lasciato a vent’anni e fonderle con la cultura “urban” con cui si era interfacciata in Inghilterra. Dalla sua casa ai Quartieri Spagnoli ha incominciato a riflettere sul modo per trovare un giusto equilibrio tra trasgressione e normalità: “Alla fine, il modo migliore, piuttosto che ricorrere a modelle professioniste, è stato quello di chiedere a donne normali di indossare i miei abiti. E a ognuna di loro, ciascuna con le proprie imperfezioni e la propria normalità, dare la possibilità di raccontare la propria storia. Storie di lenta e quotidiana emancipazione, storie lontane dai riflettori, che passano dalla libertà di inseguire i propri sogni a quella di indossare un capo trasgressivo”.

La presentazione dei capi della stilista avverrà nel giardino del suo atelier in corso Vittorio Emanuele 233, il 14 novembre a partire dalle 17. Ciascuna delle modelle poserà nel modo che riterrà più opportuno, e sarà pronta a raccontare a chi volesse chiacchierare, la propria storia e i propri sogni. “Al centro di questo evento ci sono le storie, ancora più dei capi d’abbigliamento, che diventano un pretesto per dare centralità a queste persone, le vere protagoniste della giornata”.

L’album omaggio a Pino Daniele

L’album omaggio a Pino Daniele

Il nuovo disco strumentale del musicista napoletano Sergio Esposito dedicato al grande artista “In questo viaggio appassionato non è stato semplice individuare, tra le tante e diverse ‘perle’ del suo repertorio, quelle che meglio potessero adattarsi al nostro organico...

I grandi concerti delle festività

I grandi concerti delle festività

Due incredibili appuntamenti con la musica e il belcanto con gli artisti dell’associazione Noi per Napoli L’8 dicembre con la Festa dell’Immacolata si entra e si inizia a vivere, respirare l’atmosfera vera e propria del Natale e l’associazione culturale Noi per Napoli...

Alma Partenopea, sold out il concerto a Capo Posillipo

Alma Partenopea, sold out il concerto a Capo Posillipo

Grande successo ieri sera al ristorante Le Stanze a Capo Posillipo degli Alma Partenopea per un concerto sold out davanti a un pubblico entusiasta per la loro musica. La band composta da Gianni Guarracino alla chitarra, Andrea Carboni alle percussioni e Leo D’Angelo...

Perché fu eretta la torre di Palasciano

Perché fu eretta la torre di Palasciano

Tra misteri e leggende Bisogna cercarla con gli occhi, percorrendo la Tangenziale, dall’altezza di Corso Malta in poi e fino a poco prima dell’imbocco della galleria di Capodimonte. Si staglia sulla sinistra e svetta nel nugolo di costruzioni che l’hanno avviluppata...

“Il  mio incontro col male”

“Il mio incontro col male”

Parlano i sacerdoti esorcisti. Squarci su un mondo misterioso Uno degli inganni del Maligno sarebbe quello di far credere che non esiste. Secondo altri Satana sarebbe una proiezione della mente per deresponsabilizzarci rispetto a comportamenti inaccettabili (la lotta...

De Maio e Lupoli tra belcanto e solidarietà

De Maio e Lupoli tra belcanto e solidarietà

ll soprano e il tenore dell’associazione Noi per Napoli impegnati in numerosi progetti artistici e sociali L’associazione Culturale Noi per Napoli, con i suoi artisti e rappresentanti, direttori artistici, il soprano Olga De Maio ed il tenore Luca Lupoli (nella foto),...

Un vademecum sulla pandemia. Emergenza o convivenza?

Un vademecum sulla pandemia. Emergenza o convivenza?

“Pandemia e Pandemie da salto di specie, emergenza o convivenza?”: in distribuzione il prezioso e quanto mai attuale e utile volume instant-book di Academ editore, con le risposte alle tante e complesse domande sull’emergenza sanitaria in corso e le gravi implicazioni...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te