“…e ’a mamma ’o chiamma Giro…”

da | Nov 21, 2020 | Cultura&Spettacolo

Chi nu’ ssape ’sti pparole, pigliate d’ ’a canzona “Tammurriata nera” che E. A. Mario e E. Nicolardiscrivettero ô 1944? Giro, o meglio ancora Ciro, fuje sempe nu nomme paricchio ausato d’ ’e Taliane, e ancora mo 79.605 perzone se chiammano Ciro/a. Però s’ha dda dicere pure ca doje ’ncopp’a ttré (66,8%) apparteneno â riggione Campania e cca ’o 90% ’e lloro stanno a Nnapule e pprunvincia. Ma comm’è succiesso ca ’stu nomme s’è spaso accussì ttanto addò nuje? E, ’ncopp’a ttutto, che ssapimmo overamente ’e ’stu ssanto martire, festiggiato ô 31 ’e jennaro, patrono e pprutettore d’ ’e ccetà campane ’e Puortece, Vico Equense e Nnucera Superiore?
Chillu nomme tene uriggene antica, venenno d’ ’o perziano Kurush,e’nfatte Ciro ’o gruosso fuje nu ’mperatore d’ ’a Perzia assaje famuso e groliùso. L’Ebbreje ’o chiammavano Kurésh; ggriecamente addeventaje Kyros (sìmmele a kyrios, che vvuleva dicere “signore”), però nun sapimmo buono ’o segnificato uriggenale che tteneva (giovene, pastore, aroje o figlio d’ ’o Sole…?). Sapimmo buono, ’mméce, ’a storia ’e chillu Ciro d’Alessandria che ffacette arrivà l’annummenata soja ’nfin’a nnuje, comme prutettore d’ ’e malate. Po’ essere pure c’ ’o nomme sujo nu’ ffosse manco chello, pe vvia ca ’stu santo medico egizziano d’ ’o III seculo d.C. – ch’êva ’mparato ll’arte nientemeno d’ ’o famuso Galeno – curava pe ssenza niente ’a gente paccariata e ppezzente, tant’è c’avette pe scagnanomme anàrgyros, ’nGriéco:“senz’argiamme”, “senza denare”. ’Nzomma, fuje nu verace medico d’ ’a carità, antecipanno a ssan Giuseppe Moscati d’ ’e tiempe nuoste.

Però tanno (250-300 d.C.) Dioclezziano teneva ’nsavuorio ’e Crestiane e era pure assaje suspettuso ’e cchille che ssanavano a ggente, angariannole comme maghe e ffattucchiare. PecchestoCiro/Girod’Alessandria, secutato d’ ’e gguardie d’ ’o prefetto Siriano comme medico e ccomme crestiano, fujette a nn’oasi ’e ll’Arabia addò se facette monaco anacoreta, nu’ ccuranno cchiù ’o cuorpo ma ll’anema d’ ’a gente, facenno accussì ancora cchiù mmiracule. Ô 303 na persecuzzione ’e Dioclezziano cugliette Ciro e ll’ammico sujo Giuvanne d’Edessa (surdato fatto monaco), turnate a Alessandria doppo quatt’anne p’assistere a ffrate e ssore ’e chella cummunetà crestiana. Cu lloro fujeno prucessate e mmalamente turturate pure Ciro e Ggiuvanne, che ppo’ ffujeno scataruzzate, testemmonianno c’ ’o sango ’a fede lloro.
’Nfin’ô pprencipio d’ ’o V seculo, ’e cuorpe decullate ’e ’sti dduje martire rummanettero atterrate int’ô tempio alessandrino ’e san Marco, ma ô 404 fujeno purtate poco luntano, a Canòpo, addò assaje gente accumminciajeno a gghì pe sse fa’ sanà e 70 ’e lloro fujeno pure miraculate. Si chella parte d’ ’a custiera egizziana fuje chiammata Abukir (Abu Quir), forze è proprio p’allicurdà ca lloco ce steva ’o sebburco ’e ll’abbate Ciro. Doppo cinche secule, ’e cuorpe d’ ’e martire Ciro e Ggiuvanne fujeno spustate a Rroma, primma dint’a nna basileca ’e via Portuense e ppo’ – pe scanzà ’a lava ’e ll’acqua d’ ’o Tevere – â cchiesia ’e Sant’Angiulo â Peschéra. Però ô 1600 ’o cardenale Francisco Sforza facette traslà chelle rrelliquie a Nnapule, â cchiesia d’ ’o Gesù Novo, addò ’o gisuìta De Geronimo cultivaje ’a devozzione che ’e Napulitane tenevano ggià pe ssan Ciro, che ffacette assaje miracule e gguariggiune.
Ce stanno parecchie cetà campane e ppuglieseche mmanteneno ’a secule ’o culto d’ ’o duttore martire d’Alessandria. A Ppuortece, addò ’e Burbone vulettero c’addeventasse ’o santo prutettore, int’ ’a basileca che pporta ’o nomme sujo ce sta na teca cu nna parte d’ ’o cellevriello ’e san Ciro. ’Sta storia ce fa capì quant’era – e rummane – grossa ’a devuzzione c’ ’a gente nosta tene pe ’stu santo duttore e mmartire, facenno cuncurrenza purzì a ssan Gennaro… Spieca pure pecché nu cuofeno ’e piccerille/elle fujeno chiammate accussì. Pure chillo d’ ’a canzona scritta dopp’a siconna guerra ’a Eduardo Nicolardi, diriggente d’ ’o Spitale ‘Lureto-Mare’, addò sgravaje na napulitana, parturenno nu nennillo paricchio…culurato. ’E ssolete cummare murmuliajeno pe ’stu fatto, cundicenno marpionamente, comme sona ’a canzone: “Ca tu ’o chiamme Ciccio o ’Ntuono /ca tu ’o chiamme Peppe o Giro /chillo, ’o fatto, è niro, niro /niro, niro comm’a cche!”. Nu’ ssapenno c’ ’o santo miedeco egizziano Giro forze era pur’isso nu pucurillo niro…
Nuje però – int’a ’sti tiempe perigliuse ’e pandemìa – arricurdammo san Ciro alessandrino comme testemmonio d’ ’a carità crestiana, pecché ’stu medico ‘anargyros’ sapette mettere fede e mmedecina ô sservizzio d’ ’e mmalepatenze d’ ’a gente cchiù ppovera e ttrevulata. E accussì sia pure mo!

 

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

Altro classico che ascriviamo alla letteratura di Napoli è “San Gennaro vère” dell’autore ungherese Sàndor Màrai, il cui titolo italiano risponde a “Il sangue di San Gennaro”. E lo poniamo nella letteratura di Napoli non solo perché parla con slancio di una Città, a...

Ninfa plebea di Domenico Rea

Ninfa plebea di Domenico Rea

La seconda recensione di un classico della letteratura napoletana ha per oggetto, ovviamente, un libro straordinario, e ci ricorda, indirettamente, le consuetudini di un “Paese straordinario”. Ove la seconda “straordinarietà” non è da intendersi positivamente....

I sentieri della musica di Paolo Isotta

I sentieri della musica di Paolo Isotta

Una lettura dei classici della cultura napoletana e meridiana Diamo avvio questa settimana ad una nuova rubrica che ha per intento quello di rendere più noti opere e/o autori ascrivibili alla letteratura napoletana. Ricordando e rileggendo, nei limiti delle nostre...

Premio Filangieri, ci siamo

Premio Filangieri, ci siamo

di Federico Marone Dalle bellezze del passato alla street art: via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia Premio Filangieri, via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia promosso dall’ente ecclesiastico “Immacolata e...

Mantenimmo pubbleco ’stu ciardino antico

Mantenimmo pubbleco ’stu ciardino antico

’A Giunta vo’ affidà ê private ’o vverde d’ ’a Villa Cummunale Doppo paricchio tiempo, ’ncopp’ê giurnale napulitane se parlaancora d’ ’aVilla Cummunale. L’urdema volta fuje quanno ’o presidente De Luca facette chiudere parche e cciardine, comme si spannere ’o virusse...

Napoli celebra il “divin poeta”

Napoli celebra il “divin poeta”

La mostra “Divina Archeologia” a settembre al Mann ricorderà i 700 anni dalla morte di Dante In tutta Italia si celebrano quest’anno i settecento anni dalla morte di Dante Alighieri, il “divin poeta” reso immortale dai versi della Divina Commedia. E non solo. Anche a...

La scuola dei giusti nascosti

La lettura di questa settimana riprende il genere della narrativa con un romanzo di formazione scritto da Marcello Kalowski, “La scuola dei giusti nascosti”, pubblicato lo scorso anno dalla casa editrice Besa. Due ragazzine sono le protagoniste che animano la storia,...

Un concerto per il principe

Un concerto per il principe

Ricordo in musica, on line, per i 250 anni dalla morte di Raimondo di Sangro La pandemia sta assestando un colpo durissimo alla cultura. Ma per fortuna non tutto tace. Sabato, stasera, alle 19.30 un concerto on line aprirà le celebrazioni per i 250 anni dalla morte di...

Ecco chi ha fatto grandi i Borbone

Ecco chi ha fatto grandi i Borbone

In libreria il volume di Paolo Mastromo che ripercorre l’epoca dei progetti e delle scienze meridionali Un ritorno alla storia rappresenta la lettura di questa settimana. Il saggio I Napoletani che hanno fatto grandi i Borbone è un piacevole libro di Paolo Mastromo,...

La storia di Bagnoli in una mostra online

La storia di Bagnoli in una mostra online

Era nata per essere allestita alla Casina Pompeiana, per poi essere convertita in progetto digitale a causa del perdurare della pandemia. E la storia di un sito attraverso centinaia di documenti, come le immagini del progetto utopistico redatto dall'urbanista...

Il corto contro il bullismo omofobo

Il corto contro il bullismo omofobo

“A modo mio” di Danilo Rovani, prodotto da Itinerari di Napoli, è ispirato ad una storia vera “A modo mio” è il cortometraggio di Danilo Rovani con Cosimo Alberti e Denise Capuano, prodotto da Itinerari di Napoli di Massimiliano Sacchetto e Carmela Autiero...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te