Smentiti i soloni del Nord: i fatti stanno premiando le cure di Ascierto e Tarro

da | Mag 14, 2020 | Primo piano

La parata di super virologi ed epidemiologi, spacciati tutti per luminari, è stata impressionante in questi mesi scanditi dall’epidemia. Sono comparsi in tv a tutte le ore, spesso contraddicendosi e creando solo confusione, com’è accaduto, per esempio, sull’indicazioni per l’uso delle mascherine. Qualcuno di questi papaveri dichiarava e per la verità ne è ancora convinto che le dovessero indossare solo gli infetti, per evitare di spruzzare le famose goccioline addosso ai sani. Ma era chiaro anche a un bambino delle elementari che non potendo sapere chi fossero gli infetti, data la presenza sicura degli asintomatici, l’unica soluzione logica e possibile era che tutti indossassero le mascherine. Vai a farglielo capire. Insomma questi super campioni hanno impazzato ed è capitato pure che quando il proscenio è stato dato a due illustri scienziati napoletani, hanno cominciato persino a dileggiarli. Una delle vittime di questa arroganza “nordista” è stato il dottor Paolo Ascierto, responsabile di aver applicato per primo in Italia, seguito a ruota da vari colleghi veneti, la cura con un farmaco normalmente utilizzato per l’artrite reumatoide. Si trattava di una sperimentazione, mutuata dalla Cina e che a Napoli aveva dato buoni risultati. Apriti Cielo. Uno di questi soloni in tv un sera cercò in tutti i modi di  minimizzare, aggredendo Ascierto che fu preso tanto alla sprovvista da non trovare nemmeno il tempo di replicare con altrettanta tracotanza.

Ebbene ora i fatti sembrano proprio dare ragione ad Ascierto, ed anche a Giulio Tarro, un altro napoletano preso di mira dalla casta lombarda.

Secondo l’Aifa (l’Associazione italiana per il farmaco) sono infatti risultati “incoraggianti anche se non definitivi”, quelli sul Tocilizumab, il farmaco utilizzato solitamente per trattare l’artrite reumatoide. Lo studio suggerisce che possa ridurre “significativamente” la mortalità a un mese, ma che il suo impatto sia meno rilevante sulla mortalità precoce. Promosso dall’Istituto Nazionale Tumori di Napoli, “in condizioni di emergenza, con elevate aspettative e assenza di trattamenti efficaci”, spiega l’Aifa è stato il primo approvato da Aifa nel corso della emergenza Covid19. I risultati appunto riguardano lo studio guidato da Paolo Ascierto, Direttore dell’Unità di Melanoma, Immunoterapia Oncologica e Terapie Innovative dell’ospedale “Pascale” di Napoli.

Abbiamo detto di Giulio Tarro. Sin da subito disse che il virus sarebbe diventato più debole con la buona stagione, predisse che quest’estate avremmo potuto fare i bagni al mare e soprattutto invitò ad utilizzare una tecnica antichissima e semplice, quella di curare i malati di coronavirus con il sangue prelevato dai guariti. Anche lui fu sbeffeggiato, anche lui sta ottenendo, dai fatti, clamorosi riconoscimenti. Il virus si è indebolito, a mare pare proprio che possiamo andarci (seppur con i distanziamenti d’obbligo) e soprattutto le cure con il plasma dei guariti hanno dato risultati eccezionali a Pavia e Mantova, dove la sperimentazione è stata eseguita. Il che, tradotto in pratica, vuol significare che quando la scienza produce professionisti validi non ha confini, e che anche al Sud possiamo dare la paga ai superbi professoroni nordisti.

Suor Orsola parla le “lingue” del lavoro

Suor Orsola parla le “lingue” del lavoro

di Giovanni Basile Innovazione didattica e placement dei laureati: la soddisfazione degli studenti dell’Ateneo napoletano La laurea conseguita all’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli risulta più efficace del 15% rispetto alla media nazionale. È quanto emerge...

E a Salvator Rosa i secchi ormai sono “decori”

E a Salvator Rosa i secchi ormai sono “decori”

Non appena piove a Napoli, nella stazione Salvator Rosa della Linea 1 della metropolitana, spuntano diversi secchi che vengono posizionati dal personale dell’Anm per raccogliere l’acqua piovana che cade dall’alto e arriva fino alla banchina. I secchi ormai sono...

La prima metro al mondo chiusa per umidità

La prima metro al mondo chiusa per umidità

Stop alla stazione Università fino al 15 ottobre. Pavimentazione da sostituire: “materiale non idoneo” A poco più di 11 anni dall’inaugurazione la stazione metropolitana di piazza Bovio necessita di 4 mesi di lavori per sostituire le “pregiate pavimentazioni” con un...

Napoli e la “deriva americana”

Napoli e la “deriva americana”

Finora esente dagli assalti a sfondo razziale che partono dai ghetti (come avvenuto il 2 giugno nel Milanese) L’escalation di risse, pestaggi, accoltellamenti, ragazzini che puntano le pistole contro le forze dell’ordine, ha fatto parlare di “deriva americana” a...

Una Cittadella universitaria da Oscar

Una Cittadella universitaria da Oscar

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: straordinario successo ai David di Donatello 2022 per i “Grandi Maestri” del Cinema dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Si può ormai definire una formazione accademica ‘da Oscar’ quella dell’Università Suor Orsola...

E ora il “branco” va in spiaggia…

E ora il “branco” va in spiaggia…

Non bastava la mala-movida. Ancora gravi i due minorenni accoltellati a Marechiaro. Il mare negato Non bastava la mala-movida notturna, adesso con l’arrivo della bella stagione c’è da fronteggiare anche la violenza collegata all’afflusso alle località balneari,...

Napoli, il futuro è da inventare

Napoli, il futuro è da inventare

Il terzo posto non può diventare il punto di arrivo per una società ambiziosa e per tifosi appassionati Sarà il Milan o l’Inter a fregiarsi del triangolino tricolore ai tifosi del Napoli interessa poco. La delusione, nonostante il terzo posto e la qualificazione...

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: ben 12 nomination ai “Grandi Maestri” dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Questa sera (diretta su Rai Uno dalle 21.25) negli studi di Cinecittà per la cerimonia di premiazione della 67esima edizione dei David di...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te