Aveva ragione Tarro: con la terapia al plasma nessuno è morto a Pavia e Mantova

da | Mag 5, 2020 | Cronaca, Primo piano

E si scoprì che Giulio Tarro aveva ragione. Il 25 aprile scorso riportammo alcune sue dichiarazioni, che vi riproponiamo: “C’è la terapia e non è l’uovo di Colombo. Mi sto battendo per la sieroterapia che è la cosa più naturale di questo mondo. E funziona! Ci sono studi e interventi che lo dimostrano ampiamente. curarsi con gli anticorpi dei guariti. Si iniettano nei pazienti, anche quelli attaccati al respiratore o in situazioni gravi, 200 ml di plasma, e non ci sono problemi di incompatibilità, e le persone si salvano. In 48 ore non c’è più il virus”.

Titolammo: con la sieroterapia salvi in 48 ore. Ed ora quelle sue affermazioni cominciano a trovare riscontro nella realtà.

A Mantova e Pavia è stata sperimentata la terapia al plasma contro il Covid-19 su  80 pazienti. Risultato: “Nessun decesso”.

Già da qualche tempo, la sperimentazione che vede la terapia con il plasma, ricco degli anticorpi sviluppati da chi ha sconfitto il virus, sta dando i suoi frutti. In Italia il San Matteo di Pavia e l’ospedale Carlo Poma di Mantova hanno registrato i primi risultati, a detta dei ricercatori, incoraggianti.

La tecnica è complessa e nota: “Noi alla Emory University – ha spiegato il virologo Guido Silvestri – lo abbiamo già utilizzato nel 2015 per l’Ebola”. E ci sono altri studi internazionali, pubblicati ormai da mesi, che elogiano il trattamento.

La terapia al plasma, come sosteneva Tarro, è semplice: avviene tramite delle infusioni. C’è un donatore e ci sono dei pazienti che lo ricevono. In particolare la parte più liquida del nostro sangue è composta da acqua, proteine, nutrienti, ormoni, quindi senza elementi corpuscolati (ossia globuli rossi, globuli bianchi e piastrine), ma soprattutto c’è una quota di anticorpi che si sono formati dopo la battaglia vinta contro il virus: i cosiddetti anticorpi neutralizzanti, che si legano all’agente patogeno e lo marcano. L’unico svantaggio, che sembra non essere insormontabile secondo gli esperti, è la virtuale impossibilità di standardizzare il plasma, considerando la variabilità da donatore a donatore. A Mantova e Pavia sono stati “arruolati volontariamente donatori di plasma, che hanno risposto a delle caratteristiche fondamentali. Una in particolare: devono essere donatori guariti da Coronavirus”. La guarigione viene accertata con due tamponi sequenziali e la diagnosi deve essere stata fatta con un tampone positivo. I guariti donano 600ml di sangue. A questo punto il plasma, ricco di anticorpi, può essere congelato e durare fino a 6 mesi in stoccaggio. La sperimentazione: “Il nostro protocollo è ambizioso. Tra Mantova e Pavia abbiamo trattato quasi 80 pazienti (con problemi respiratori gravi ma non gravissimi) col plasma di guariti da Covid-19 e, tutti presentavano problemi respiratori gravi, nessuno è deceduto. La mortalità del nostro protocollo finora è zero”.

 Lo ha affermato a Radio Cusano Giuseppe De Donno, primario del Reparto Pneumologia dell’Ospedale Carlo Poma di Mantova. A Mantova “abbiamo creato una banca del plasma. Creando banche plasma in giro per l’Italia riusciremmo ad arginare un’eventuale seconda ondata”. “Siamo riusciti a Mantova, insieme con Pavia, a realizzare questa sperimentazione che è molto seria. Abbiamo cercato di trovare un’arma magica – spiega De Donno – che ci permettesse di salvare più persone possibili. Non abbiamo mai detto di aver creato qualcosa di nuovo, abbiamo perfezionato un’idea che già esisteva”. Il nostro protocollo, sottolinea, “è ambiziosissimo”.

Quartieri Spagnoli, tenta di rapinare una turista: arrestato

Quartieri Spagnoli, tenta di rapinare una turista: arrestato

Ieri pomeriggio gli agenti dei Commissariati Montecalvario e Dante, durante il servizio di controllo del territorio, nel transitare in vico Lungo del Gelso sono stati avvicinati da alcuni passanti i quali hanno segnalato un tentativo di rapina nei pressi di un...

Aiom, Francesco Perrone nuovo presidente degli oncologi italiani

Aiom, Francesco Perrone nuovo presidente degli oncologi italiani

Napoletano, 59 anni, è direttore della Struttura Complessa Sperimentazioni Cliniche dell’Istituto Nazionale Tumori Pascale di Napoli Francesco Perrone, direttore della Struttura Complessa Sperimentazioni Cliniche dell’Istituto Tumori Pascale di Napoli, è il nuovo...

Napoli, nascondeva una pistola negli slip: sorpreso e arrestato

Napoli, nascondeva una pistola negli slip: sorpreso e arrestato

Ieri sera gli agenti del Commissariato San Giovanni–Barra e i Falchi della Squadra Mobile, nel transitare in via delle Ninfe, hanno notato un uomo che, alla loro vista, ha tentato di allontanarsi per eludere il controllo. I poliziotti lo hanno raggiunto e bloccato...

Campania, allerta meteo gialla domani dalle sei del mattino

Campania, allerta meteo gialla domani dalle sei del mattino

La Protezione Civile della Regione ha emanato un avviso di allerta meteo di colore Giallo valido a partire dalle 6 del mattino fino alle 23.59 di domani venerdì 22 ottobre sulle zone 1, 2, 3 (Zona 1: Piana campana, Napoli, Isole, Area Vesuviana; Zona 2: Alto Volturno...

Napoli, torna il premio Buona Sanità

Napoli, torna il premio Buona Sanità

Amore, quello per la vita, è la motivazione unica del Premio Buona Sanità in Tour, giunto quest’anno alla XXIII edizione. La Conferenza stampa di presentazione si terrà venerdì 22 ottobre ore 12.00, nella sede dell’Ordine dei Medici-Chirurghi e Odontoiatri di Napoli,...

Marano, accoltellata da un 17enne per una lite per un posto auto

Marano, accoltellata da un 17enne per una lite per un posto auto

Quasi un’intera famiglia in manette per il tentato omicidio commesso ieri pomeriggio a Marano, in via Campania. Vittima una 34enne del posto, colpita da 4 fendenti che le sono costate il ricovero immediato in prognosi riservata presso l’ospedale di Santa Maria delle...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te