Stop politico solo a Calcio e Chiesa: il governo che ferma le religioni dell’uomo

da | Apr 28, 2020 | Primo piano

Dopo l’ultimo Dpcm di Conte mi è tornata alla mente una frase di Garcia quando era allenatore della Roma. Infatti, superato un periodo di crisi della squadra disse: “Abbiamo rimesso la chiesa al centro del villaggio”. Che voleva significare che la squadra era tornata nuovamente coesa, decisa, al centro di un progetto chiaro da realizzare.

Il tandem Conte-Spadafora, ognuno per la parte di sua competenza, ha allontanato la Chiesa dal centro del villaggio sia quella ufficiale che il calcio rispedendole alla periferia la prima di attività quasi non necessarie, l’altro ad una periferia malata, popolata secondo loro soprattutto da cialtroni e affaristi di bassa lega. Queste due scelte del governo sono sufficienti a far capire la sua pochezza politica, etica e sociale. Su certi temi, infatti, il governo non è che non abbia idee, è proprio ignorante, il prodotto di una subcultura che non nasconde certo, come ha tenuto a precisare Conte “un atteggiamento materialista” ma evidenzia, invece, l’incapacità di comprendere i più elementari e reali bisogni della gente. Perché se la Messa e la Comunione per i credenti sono il bisogno di sentirsi ed essere in sintonia ed un tutt’uno con l’altro, anche il calcio, a suo modo, è un rito, forse anche tribale come lo ha descritto Desmond Morris nel suo “La tribù del calcio”, è bisogno di aggregazione, di socialità, di senso di appartenenza ad una fede seppure più paganeggiante. Due religioni diversissime e distanti tra loro eppure entrambe negate. Politici e scienziati sembrano esser diventati in questo momento, i nuovi sacerdoti in nome di un laicismo che, paradossalmente, trascura gli aspetti più intimi e i bisogni essenziali dell’uomo.

Solo paura del Covid-19 e di una sua ripresa? Eppure non si è rimandato su tutto, ma proprio su ciò che sarebbe, è, più utile e più di ogni altro riguarda le libertà che ci appartengono in quanto persone e cittadini. Credo, sommessamente, che nelle scelte fatte, alle esigenze di carattere sanitario, stiano ora subentrando e prevalendo quelle di carattere politico. Perché è impensabile che al “sì” dato per lo jogging, per le librerie, per i musei, i cibi da asporto e gli sport individuali si neghi invece il permesso alle cerimonie religiose e alla ripresa degli allenamenti per il calcio di serie A. E se è vero che il rischio zero non esiste in nessun ambito è certo invece che i rischi maggiori li corrono gli attuali governanti. Perché affossare economicamente religione, sport, libertà di fede sia essa religiosa o calcistica è il modo peggiore per trovare consensi e voti dopo il Covid-19. E non sappiamo se tutto ciò convenga a Conte, ai suoi ministri e ai suoi esperti. 

Suor Orsola parla le “lingue” del lavoro

Suor Orsola parla le “lingue” del lavoro

di Giovanni Basile Innovazione didattica e placement dei laureati: la soddisfazione degli studenti dell’Ateneo napoletano La laurea conseguita all’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli risulta più efficace del 15% rispetto alla media nazionale. È quanto emerge...

E a Salvator Rosa i secchi ormai sono “decori”

E a Salvator Rosa i secchi ormai sono “decori”

Non appena piove a Napoli, nella stazione Salvator Rosa della Linea 1 della metropolitana, spuntano diversi secchi che vengono posizionati dal personale dell’Anm per raccogliere l’acqua piovana che cade dall’alto e arriva fino alla banchina. I secchi ormai sono...

La prima metro al mondo chiusa per umidità

La prima metro al mondo chiusa per umidità

Stop alla stazione Università fino al 15 ottobre. Pavimentazione da sostituire: “materiale non idoneo” A poco più di 11 anni dall’inaugurazione la stazione metropolitana di piazza Bovio necessita di 4 mesi di lavori per sostituire le “pregiate pavimentazioni” con un...

Napoli e la “deriva americana”

Napoli e la “deriva americana”

Finora esente dagli assalti a sfondo razziale che partono dai ghetti (come avvenuto il 2 giugno nel Milanese) L’escalation di risse, pestaggi, accoltellamenti, ragazzini che puntano le pistole contro le forze dell’ordine, ha fatto parlare di “deriva americana” a...

Una Cittadella universitaria da Oscar

Una Cittadella universitaria da Oscar

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: straordinario successo ai David di Donatello 2022 per i “Grandi Maestri” del Cinema dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Si può ormai definire una formazione accademica ‘da Oscar’ quella dell’Università Suor Orsola...

E ora il “branco” va in spiaggia…

E ora il “branco” va in spiaggia…

Non bastava la mala-movida. Ancora gravi i due minorenni accoltellati a Marechiaro. Il mare negato Non bastava la mala-movida notturna, adesso con l’arrivo della bella stagione c’è da fronteggiare anche la violenza collegata all’afflusso alle località balneari,...

Napoli, il futuro è da inventare

Napoli, il futuro è da inventare

Il terzo posto non può diventare il punto di arrivo per una società ambiziosa e per tifosi appassionati Sarà il Milan o l’Inter a fregiarsi del triangolino tricolore ai tifosi del Napoli interessa poco. La delusione, nonostante il terzo posto e la qualificazione...

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: ben 12 nomination ai “Grandi Maestri” dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Questa sera (diretta su Rai Uno dalle 21.25) negli studi di Cinecittà per la cerimonia di premiazione della 67esima edizione dei David di...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te