Coronavirus, Paolo Grassitelli: “Bloccato in Germania, qui i numeri non sono attendibili”

da | Apr 17, 2020 | Cronaca

Prosegue l’appuntamento con i racconti dell’emergenza sanitaria mondiale vista dai napoletani che vivono all’estero e possono illustrarci le condizioni nel loro paese adottivo e il loro sguardo sulla nostra città in questo momento così complesso. Oggi parliamo con un imprenditore, Paolo Grassitelli, abituato a girare il mondo e attualmente fermo in Germania, a Francoforte, da oltre un mese.

Paolo Grassitelli

L’emergenza le ha impedito di tornare in questo periodo o non avrebbe potuto farlo ugualmente?
Sono andato via dall’emergenza e non sarei potuto comunque più rientrare.

Ci racconti l’emergenza in Germania.
Premetto che le notizie sono condizionate dalla mia scarsa conoscenza della lingua. In generale, non si avverte una gran preoccupazione. Sono chiuse le attività di ristorazione e i luoghi di ritrovo, le scuole e i parchi giochi, ma la vita prosegue regolare con il distanziamento sociale o qualcosa di simile. Mi sembra di vedere un popolo abbastanza disciplinato, credo per forma mentis, ma sono stato anche preso in giro da ragazzini perché indossavo la mascherina. Sento spesso sirene di ambulanze, ma le cronache riportano di poche migliaia di morti: onestamente non so cosa credere. O i tedeschi sono dei superuomini o i conteggi vengono effettuati con criteri diversi. Va detto anche, però, che qui ci sono 28.000 posti letto in unità di urgenza, per cui può anche darsi che riescano davvero a curare tutti e bene senza per questo dover fermare tutto, a parte le attività più predisposte all’assembramento di persone in un sol luogo.

Come vede da lì l’emergenza in Italia e a Napoli in particolare?
I miei contatti sono tutti o quasi molto rispettosi dei divieti, ma non per questo meno critici. E parliamo comunque di gente senza grossi problemi economici. Ciononostante, la situazione comincia a diventare davvero critica e percepisco una grossa insofferenza.

Che differenze nota con la situazione del paese dove vive adesso?
Le differenze sono sostanziali. Io in genere non esco, ma sono uscito e posso tranquillamente farlo senza che nessuno mi fermi.

Pensa che quest’emergenza possa cambiare le abitudini di chi vive all’estero in relazione alla possibilità di mantenere i rapporti con la sua città?
Non in modo diverso da come cambierà tutti noi e la nostra capacità relazionale.

Dalle informazioni che ha, crede che l’Italia possa uscire dall’emergenza prima del paese in cui vive?
Purtroppo non mi sento di fare un paragone, perché in Italia si sta gestendo una crisi sanitaria che qui non si percepisce.

Campania, da mezzanotte scatta l’allerta meteo gialla

Campania, da mezzanotte scatta l’allerta meteo gialla

La Protezione Civile della Regione Campania ha emanato un avviso di allerta meteo con livello di criticità idrogeologica per temporali di colore Giallo valevole a partire dalla mezzanotte e fino alle 23.59 di domani sulle seguenti zone: 1 (Piana Campana, Napoli,...

Da Las Vegas a Monte Carlo: le città celebri per i loro casinò

Da Las Vegas a Monte Carlo: le città celebri per i loro casinò

Oggi sentiamo spesso parlare di casinò e di gioco d’azzardo, soprattutto per via del boom della loro controparte digitale registrato negli ultimi anni. Se è vero che il gambling si sta trasferendo in maniera sempre più consistente sul web, il fascino di alcune città...

Ascensore del Monte Echia, è battaglia

Ascensore del Monte Echia, è battaglia

Dopo il vano Sos a Franceschini, i comitati: “La legge è con noi, ricorreremo alla magistratura” Per il ministro Franceschini non ci sono le condizioni per “revocare” l’approvazione della Sovrintendenza territoriale alla realizzazione dell’ascensore (di collegamento...

Linea 1, corto circuito durante il test del nuovo treno

Linea 1, corto circuito durante il test del nuovo treno

Ieri sera intorno alle 23 si è verificato un problema tecnico durante i test per la messa in esercizio del primo treno di fornitura Caf per la Linea 1 di Anm. Un sovraccarico correlato a un corto circuito sul treno ha creato dei forti surriscaldamenti e fumi tra il...

Vomero, eseguita ordinanza per uno scippo

Vomero, eseguita ordinanza per uno scippo

Nei giorni scorsi gli agenti del Commissariato Vomero hanno eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari emessa lo scorso 25 giugno dal G.I.P. del Tribunale di Napoli su richiesta della locale Procura della Repubblica nei...

Ischia, si gode beatamente una serie tv mentre guida: multato

Ischia, si gode beatamente una serie tv mentre guida: multato

Controlli a tappeto anche sull’isola di Ischia, nell’ambito di un servizio disposto dal Comando Provinciale Carabinieri di Napoli. I militari della Compagnia locale hanno identificato 147 persone e controllato 61 veicoli. Quindici le contravvenzioni notificate: gran...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te