Coronavirus, Paolo Grassitelli: “Bloccato in Germania, qui i numeri non sono attendibili”

da | Apr 17, 2020 | Cronaca

Prosegue l’appuntamento con i racconti dell’emergenza sanitaria mondiale vista dai napoletani che vivono all’estero e possono illustrarci le condizioni nel loro paese adottivo e il loro sguardo sulla nostra città in questo momento così complesso. Oggi parliamo con un imprenditore, Paolo Grassitelli, abituato a girare il mondo e attualmente fermo in Germania, a Francoforte, da oltre un mese.

Paolo Grassitelli

L’emergenza le ha impedito di tornare in questo periodo o non avrebbe potuto farlo ugualmente?
Sono andato via dall’emergenza e non sarei potuto comunque più rientrare.

Ci racconti l’emergenza in Germania.
Premetto che le notizie sono condizionate dalla mia scarsa conoscenza della lingua. In generale, non si avverte una gran preoccupazione. Sono chiuse le attività di ristorazione e i luoghi di ritrovo, le scuole e i parchi giochi, ma la vita prosegue regolare con il distanziamento sociale o qualcosa di simile. Mi sembra di vedere un popolo abbastanza disciplinato, credo per forma mentis, ma sono stato anche preso in giro da ragazzini perché indossavo la mascherina. Sento spesso sirene di ambulanze, ma le cronache riportano di poche migliaia di morti: onestamente non so cosa credere. O i tedeschi sono dei superuomini o i conteggi vengono effettuati con criteri diversi. Va detto anche, però, che qui ci sono 28.000 posti letto in unità di urgenza, per cui può anche darsi che riescano davvero a curare tutti e bene senza per questo dover fermare tutto, a parte le attività più predisposte all’assembramento di persone in un sol luogo.

Come vede da lì l’emergenza in Italia e a Napoli in particolare?
I miei contatti sono tutti o quasi molto rispettosi dei divieti, ma non per questo meno critici. E parliamo comunque di gente senza grossi problemi economici. Ciononostante, la situazione comincia a diventare davvero critica e percepisco una grossa insofferenza.

Che differenze nota con la situazione del paese dove vive adesso?
Le differenze sono sostanziali. Io in genere non esco, ma sono uscito e posso tranquillamente farlo senza che nessuno mi fermi.

Pensa che quest’emergenza possa cambiare le abitudini di chi vive all’estero in relazione alla possibilità di mantenere i rapporti con la sua città?
Non in modo diverso da come cambierà tutti noi e la nostra capacità relazionale.

Dalle informazioni che ha, crede che l’Italia possa uscire dall’emergenza prima del paese in cui vive?
Purtroppo non mi sento di fare un paragone, perché in Italia si sta gestendo una crisi sanitaria che qui non si percepisce.

Il gioco legale riparte. Con uno sguardo già al futuro

Il gioco legale riparte. Con uno sguardo già al futuro

Sicurezza, occupazione, esperienza di gioco. Ecco le tre risposte che il gambling italiano deve dare al futuro. Da quando per la prima volta, per contrastare la diffusione della pandemia Covid 19, i lavoratori del settore del gioco legale hanno dovuto tirare giù la...

Vomero, donna muore in un incendio

Vomero, donna muore in un incendio

Allarme al Vomero attorno alle 12 vigili del fuoco ambulanze e forze dell'ordine dirette verso piazza Fuga. Angoscia dei genitori con i figli che anche stamattina nelle vicine scuole. Una donna 94enne è morta carbonizzata. Al momento si sa che l'incendio era in una...

“Libera il tuo segreto”, un progetto per tutelare i più deboli

“Libera il tuo segreto”, un progetto per tutelare i più deboli

Vaccinarsi contro il Covid in farmacia a Napoli è già realtà ma da oggi, grazie all’iniziativa privata, nei locali della “Croce verde” si potranno “curare” anche il disagio e la solitudine delle persone più deboli. L’idea è semplice e nasce dalla sinergia tra la...

Casalnuovo, attraversa i binari con il passaggio a livello chiuso

Casalnuovo, attraversa i binari con il passaggio a livello chiuso

Nei giorni scorsi un uomo è rimasto ferito a un passaggio a livello nei pressi della stazione di Casalnuovo. All’arrivo della chiamata alla Sala Operativa del Compartimento Polfer di Napoli si è subito attivata la macchina dei soccorsi: sul posto è giunto personale...

Restituire la fiducia ai giovani

Restituire la fiducia ai giovani

di Cinzia Rosaria Baldi * Intervista a Emilia Narciso neo presidente Unicef Campania L’Unicef  Italia in questi giorni  festeggia  i trent’anni dalla ratifica nel nostro Paese della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, diritti messi direttamente...

Napoli, completato il progetto esecutivo del Lungomare

Napoli, completato il progetto esecutivo del Lungomare

È stato completato e consegnato all’Amministrazione Comunale il progetto esecutivo del Lungomare di Napoli, dal titolo "Riqualificazione ciclo-pedonale del Lungomare di Napoli, tratto compreso tra Piazza Vittoria e il Molosiglio". Il progetto, esito di una gara...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
Ricerca Anima Gemella

Ricerca Anima Gemella

badando a te