Ecco come aiutare i figli durante la quarantena in casa

da | Mar 16, 2020 | Psicologia

di Fulvio Verrecchia

In un primo momento l’euforia. Poi lo stato d’ansia. Per i bambini e i ragazzi che non stanno andando a scuola per la chiusura da Coronavirus, gli psichiatri parlano di “ansie e paure in agguato per i più piccoli, rischio overdose social per gli adolescenti”.
I consigli degli esperti della Società Italiana di Psichiatria (SIP)  per gestire gli effetti delle restrizioni sono in una sorta di vademecum in cui si esortano i genitori a “diventare compagni di giochi creativi, e offrire ai più grandi spazi domestici, per invitare un amico nel rispetto delle restrizioni previste dal decreto”. Suggerimenti per contenere le conseguenze dell’’isolamento.

“In un primo momento i bambini delle primarie sono stati contenti della chiusura delle scuole che, ovviamente, hanno vissuto come una vacanza” spiega  Enrico Zanalda, presidente SIP. E precisa: “Ma tutto ciò avviene in un contesto di allarme e con il passare dei giorni il prolungamento della sosta scolastica forzata con il distacco da compagni e insegnanti, comincia a pesare, alimentando ansie e preoccupazioni che i genitori si trovano a gestire in prima persona”. 


Come, dunque attenuare e gestire queste conseguenze psicologiche?

“Intanto approfittandone per impersonare un ruolo a cui si era forse rinunciato in questi ultimi anni, cioè quello di compagno di giochi creativi e all’aperto, dando quindi normalità all’emergenza, escogitando con la fantasia nuovi giochi anche educativi, come, ad esempio cucinare insieme, oppure sfidarsi in giochi da tavolo, o misurandosi con i videogiochi per bambini. Rendere ‘ludica’ la preoccupazione aiuta a uscire da una situazione di timore, a mantenere la calma, prospettando che a un periodo di attesa seguirà la normalità”. 

Come spiegare al figlio le vere ragioni della chiusura della scuola?

“Sicuramente con un linguaggio semplice e chiaro, conciso e adatto all’età impedisce al bambino di sostituire le motivazioni reali con fantasie e paure eccessive e lo aiuta a responsabilizzarsi sulle regole da seguire. Il bambino non ha la percezione del tempo come invece hanno gli adulti e l’interruzione della routine può determinare un senso di angoscia che deve essere prevenuto. Questo porterà benefici anche i genitori, che dovranno informarsi, esaminare le informazioni con cura, le loro fonti e sforzarsi di tradurle e trasformarle per i loro figli. Sarà importante anche mostrare un atteggiamento empatico e comprensivo  perché accogliere le ansie e le preoccupazioni dei bambini permette loro di contenerle e di avere la percezione di essere protetti degli adulti di riferimento. Se il bambino manifesta preoccupazioni, è importante non sminuire il suo vissuto con frasi tipo ‘non ci pensare’ o ‘pensa alle cose belle’, perché questo potrebbe far sentire il bambino non compreso e solo, rispetto alla paura che prova. Essere coerenti, infine, e rassicurare i bambini anche con comportamenti non verbali: mostrare un atteggiamento di ansia e preoccupazione finisce comunque con l’essere trasmesso ai bambini, che sanno interpretare perfettamente anche il ‘non detto’ degli adulti”.


E per gli adolescenti?

“Per gli adolescenti il discorso è diverso perché le relazioni sociali, gli incontri e le amicizie rappresentano la dimensione fondamentale della loro vita e vivono il gruppo come punto di riferimento primario. Il rischio, ora è che gli adolescenti deleghino definitivamente alla virtualità di chat e social la gestione delle amicizie e degli affetti, andando in ‘overdose’ digitale. Un altro rischio per gli adolescenti è quello di una invasione reciproca degli spazi.Da un lato il genitore, magari costretto dall’home working, teme che il figlio perda tempo tutto il giorno, ed è portato a violarne alcuni spazi di privacy. Dall’altro i ragazzi tendono a vedere il genitore in casa come un adulto invadente. Da qui l’esigenza di impostare un ‘piano giornaliero’ con tempi certi di condivisione e di studio in autonomia laddove non ci sia la possibilità di un contatto telematico con i docenti”.

Napoli, nascondeva una pistola negli slip: sorpreso e arrestato

Napoli, nascondeva una pistola negli slip: sorpreso e arrestato

Ieri sera gli agenti del Commissariato San Giovanni–Barra e i Falchi della Squadra Mobile, nel transitare in via delle Ninfe, hanno notato un uomo che, alla loro vista, ha tentato di allontanarsi per eludere il controllo. I poliziotti lo hanno raggiunto e bloccato...

Campania, allerta meteo gialla domani dalle sei del mattino

Campania, allerta meteo gialla domani dalle sei del mattino

La Protezione Civile della Regione ha emanato un avviso di allerta meteo di colore Giallo valido a partire dalle 6 del mattino fino alle 23.59 di domani venerdì 22 ottobre sulle zone 1, 2, 3 (Zona 1: Piana campana, Napoli, Isole, Area Vesuviana; Zona 2: Alto Volturno...

Napoli, torna il premio Buona Sanità

Napoli, torna il premio Buona Sanità

Amore, quello per la vita, è la motivazione unica del Premio Buona Sanità in Tour, giunto quest’anno alla XXIII edizione. La Conferenza stampa di presentazione si terrà venerdì 22 ottobre ore 12.00, nella sede dell’Ordine dei Medici-Chirurghi e Odontoiatri di Napoli,...

Marano, accoltellata da un 17enne per una lite per un posto auto

Marano, accoltellata da un 17enne per una lite per un posto auto

Quasi un’intera famiglia in manette per il tentato omicidio commesso ieri pomeriggio a Marano, in via Campania. Vittima una 34enne del posto, colpita da 4 fendenti che le sono costate il ricovero immediato in prognosi riservata presso l’ospedale di Santa Maria delle...

Magico Napoli otto su otto

Magico Napoli otto su otto

Magico Napoli otto su otto, il toro alla fine deve cedere alla furia di Osimhen che la risolve con uno stacco perentorio, azzurri a punteggio pieno dopo 8 giornate. Magico Napoli - Inizio della partita molto equilibrato, per l'ottimo schieramento tattico di entrambe...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te