Home Primo piano e notizie di oggi Calciomercato frenetico. Il Napoli punta su Palmieri

Calciomercato frenetico. Il Napoli punta su Palmieri

È partita, da pochi giorni, una delle sessioni estive di calciomercato più brevi ed imprevedibili di tutta la storia del calcio contemporaneo. Tutto concentrato in un mese, con le varie competizioni, sia nazionali che internazionali, che partiranno a metà della sessione. Tutti i club, da quelli gradi, passando per i medi e finendo ai piccoli hanno una priorità, quella di cedere, dare via quei giocatori che sono fuori progetto per introitare denaro a sufficienza da poter poi reinvestire. Da qui, una condizione di “stallo apparente” che alimenta preoccupazione da parte dei tifosi e critiche, da parte degli addetti ai lavori.


Andiamo ad analizzare i movimenti del Napoli. In molti, sono convinti che la società di De Laurentiis sia incredibilmente indietro col lavoro ed esprimono perplessità assolutamente lecite. Ci sono, però, al netto delle critiche, delle considerazioni che non possono non essere fatte. La scorsa stagione è stata assolutamente particolare per il Napoli. Per la prima volta dopo dieci anni, gli azzurri sono finiti fuori dalle prime cinque, ma nonostante questo sono riusciti a mantenere la presenza europea, attraverso la vittoria della Coppa Italia. Dalla scorsa sessione, quella invernale, arrivata poco prima del blocco del campionato – causa Covid – il Napoli ha messo in atto la rivoluzione del gruppo che tanto bene aveva fatto in passato. In quel di gennaio sono arrivati in azzurro Lobotka, Demme e Politano, presi per la nuova stagione Rrhamani e Petagna e per la verità erano stati bloccati anche Amrabat e Kumbulla del Verona che però hanno declinato l’offerta azzurra. Con le competizioni europee (Europa League e Champions) ancora in corso è stato messo a segno il colpo, economicamente parlando, più importante della storia del club partenopeo: Victor Osimehn. Il nigeriano, che piaceva a mezza Europa, è stato strappato alla concorrenza grazie ad un investimento, tra liquidi e contropartite, di circa 80 milioni di euro.
È chiaro, che ora la società azzurra che non ha debiti, ma che non naviga esattamente nell’oro, deve passare all’incasso. Allan, Koulibaly e Milik i casi più spinosi. Se per il brasiliano, ormai separato in casa da gennaio, l’avventura partenopea è praticamente giunta al termine con destinazione Premier, le questioni Koulibaly e Milik restano ancora aperte. La società azzurra è stata pressoché chiara, i giocatori sono in uscita, ma se non arriveranno offerte congrue, allora resteranno in azzurro. Nel frattempo però, la società di De Laurentiis si muove per non farsi trovare impreparata in caso di partenza. Tanti i nomi sul taccuino del ds azzurro, si va dai nomi “conosciuti” come Sokratis, Senesi, Veretout, Boga ed Under a quelli meno noti, ma non per questo meno interessanti.


Il Napoli mantiene sempre viva la pista viola che porta a Milenkovic, ma è chiaro che tutto dipende dalla partenza di Koulibaly, così come ci sono da registrare movimenti verso Torino, sponda granata, con direzione Armando Izzo, ma anche timidi sondaggi con il Lione per l’ex sampdoriano Andersen. Movimenti “sommersi” anche per la mediana. Veretout è l’oggetto del desiderio di Gattuso, ma la società è assolutamente vigile su altri profili. Piace l’ungherese del Salisburgo Szoboszlai, che però, ha caratteristiche assai diverse sia da Allan e da Veretout e potrebbe ritornare prepotentemente in corsa in caso di offerta importante, che potrebbe arrivare a breve dalla Spagna per Fabian. Il Napoli si muove anche su Locatelli, sul quale è forte la concorrenza della Juventus e tiene d’occhio due profili esterni come Douglas Luiz dell’Aston Villa e Wendel dello Sporting di Lisbona. Chiaramente, Giuntoli, lavora anche alla sostituzione di Ghoulam, che mai come questa volta pare essere davvero in partenza con destinazione Wolves. Bloccato da tempo il 2000 polacco del Leiga Varsavia, Karbownik, ma non è detto che sia lui l’iniziato numero uno alla sostituzione dell’algerino. La società azzurra, guarda con particolare attenzione a ciò che accade in casa Chelsea. La società di Londra, assolta protagonista di questa estate, ha da pochi giorni annunciato l’acquisto dell’esterno sinistro Chilwell dal Leicester. L’operazione con conclusa sulla base di 55 milioni di euro, mette automaticamente alla porta una tra Marcos Alonso ed Emerson Palmieri. Ed è proprio quest’ultimo il profilo che piace di più al Napoli, la concorrenza non manca (Juventus ed Inter) ma non pare essere così forte l’interesse delle altre ed il Napoli, col passare dei giorni, spera di riuscire ad ottenere una formula d’acquisto “vantaggiosa”, magari un prestito con diritto, oppure un prestito onero con obbligo.
A differenza di quanto molti dicono, il Napoli è tutt’altro che fermo sul mercato è semplicemente in “attesa” dell’occasione giusta.

Previous articleLe aziende del tabacco in Campania sopravvivono nonostante… l’Italia
Next articleQuando erutta il vulcano ADL