Luce accesa alla V Municipalità di notte

Fai quello che dico io ma non fare quello che faccio io… Il Comune di Napoli, da un lato chiede alle scuole di risparmiare sulla corrente elettrica ma dall’altro la spreca. In sostanza il Comune di Napoli avvisa le scuole e chiede di risparmiare su luci e gas a discapito dei bambini ma poi non controlla dentro casa sua ovvero negli edifici comunali. In primis nella sede della V Municipalità di via Giacinto Gigante all’Arenella, dove le luci in questi giorni sono state lasciate accese per tutta la notte. Pronta l’accusa dei consiglieri municipali di centrodestra del parlamentino collinare Francesco Flores, Emanuele Papa e Antonio Culiers: “lo spreco energetico è sempre deprecabile, ma diventa insopportabile in un momento così delicato e soprattutto quando a farlo è l’istituzione che sperpera i soldi pubblici mentre chiede ai cittadini estenuanti sacrifici”. Chissà se anche in altre sedi del Comune di Napoli le luci vengano lasciate accese inutilmente di notte generando uno spreco di corrente elettrica e di conseguenza anche economico per Palazzo San Giacomo. Controlleremo e vi faremo sapere..

Di Alessandro Migliaccio

Giornalista di inchiesta, direttore del Quotidiano Napoli e autore della trasmissione televisiva Le Iene. Ha pubblicato tre libri di inchiesta su Napoli e uno di poesie. Ha collaborato con la trasmissione televisiva Piazzapulita e lavorato con i giornali Il Tempo, Napolipiù, Epolis-Il Napoli, Il Giornale di Sicilia e Roma e l'agenzia di notizie Adnkronos.