Milan-Napoli: battuti i campioni d’Italia per 1-2, Simeone firma il gol partita

da | Set 19, 2022 | Calcio Napoli, InEvidenza

Milan-Napoli: battuti i campioni d’Italia per 1-2, Politano segna il calcio di rigore per il primo vantaggio, Giroud illude i rossoneri, Simeone firma il gol partita che vale la vetta della classifica.

Milan Napoli – Tre, sono i giorni che ha avuto Spalletti per preparare questo match importantissimo, ritornati in tarda notte da Glasgow, la squadra ha avuto a disposizione poco tempo per rimettersi dalle fatiche e preparare il big match del Meazza, proprio queste erano le preoccupazioni che hanno accompagnato, tifosi e addetti ai lavori, fino al fischio d’inizio di Milan-Napoli, partita che ha messo di fronte due squadre che, con ogni probabilitĂ , lotteranno fino alla fine per qualcosa di importante, i rossoneri con lo scudetto giĂ  cucito sul petto, gli azzurri che lo scorso anno ha sfiorato l’impresa per qualche defaiance di troppo propiro tra le mura amiche.

La partita è stata ben giocata da entrambe le parti, la squadra di casa però fa registrare una prestazione leggermente migliore degli ospiti, ma nel calcio si sa vince chi fa un gol in piĂą dell’avversario. Il Napoli per i primi 20 minuti non riesce a far girare palla, avendo gli avversari che effettuano un pressing alto senza lasciare spazio, costretti il piĂą delle volte a perdere il possesso rischiando di prendere gol, ma questa sera tra i pali, un ritrovato Meret fa gli straordinari togliendo in almeno 3 occasioni, la palla dal sacco evitando di far andare la sua squadra sotto con il risultato. Quando si accende Kvaratskhelia, per la retroguardia del Milan sono problemi, il georgiano fa prima ammonire Kjaer e poi nel finale del primo tempo anche Calabria, copstringendo Pioli a sostituirli nell’intervallo per evitare di finire la partita in 10.

Il secondo tempo parte con il botto, bastano meno di 10 minuti a Kvaratskhelia per mandare di matto il nuovo innesto rossonero, Dest, il quale interviene su di lui in modo non attendo in area di rigore, per Mariani si continua, ma il Var richiama il direttore di gara al monitor che si accorge dell’errore e assegna il penalty agli azzurri, Politano trasforma con il brivido. Inevitabile dopo il vantaggio del Napoli, la reazione del Milan che si riversa in avanti in cerca del pareggio, gli azzurri sembrano resistere ma dopo un quarto d’ora devono incassare il pareggio di Giroud che gira in rete un perfetto assist di Hernandez. Un gol che riaccende San Siro, decibel altissimi per spingere i rossoneri alla vittoria, ma il Napoli non barcolla e tira fuori il carattere della grande squadra, solo 8 minuti dopo aver incassato il gol, è il Cholito a lavorare un pallone sporco, girarlo per Mario Rui e andare a colpire di testa in area un assist al bacio del portoghese, palla nell’angolino basso e Megnan non può nulla, 1-2. Prima della fine, un brivido gela i partenopei, Kalulu colpisce a botta sicura a 3 metri dalla porta, Meret è battuto ma la traversa respinge fuori la sfera slavando i 3 punti del Napoli.

Partita bellissima giocata ad alti ritmi, un vero spot per il calcio italiano, ottima la partita del Milan che in varie circostanze dimostra di averne di piĂą rispetto agli avversari. Un plauso immenso ai ragazzi in maglia azzurra, anche se con una prestazione non di altissimo livello, riescono a soffrire e mettere paura ai campioni d’Italia, prima di mettere la freccia ed effettuare il sorpasso decisivo che vale la vittoria.

Dieci anni del Napoli femminile

Dieci anni del Napoli femminile

Una festa che meglio non poteva riuscire. I dieci anni del Napoli Femminile dalla prima promozione in A sono stati un tripudio di emozioni, ricordi, sfrenata allegria e anche calcio. Un evento organizzato con dovizia di particolari dal gruppo fondatore della societĂ ...

La prima metro al mondo chiusa per umiditĂ 

La prima metro al mondo chiusa per umiditĂ 

Stop alla stazione Università fino al 15 ottobre. Pavimentazione da sostituire: “materiale non idoneo” A poco più di 11 anni dall’inaugurazione la stazione metropolitana di piazza Bovio necessita di 4 mesi di lavori per sostituire le “pregiate pavimentazioni” con un...

Napoli, l’aria è pesante

Napoli, l’aria è pesante

Giocatori che vanno via, altri che vogliono andar via, il futuro azzurro è tutto da inventare, e Spalletti… Insigne emigrato d’oro in Canada, Ospina che stacca il telefono che manco “piange”, ricordando una bella canzone di Domenico Modugno, Ciro Mertens che dal...

Procuratori? No, mediatori

Procuratori? No, mediatori

Scandalo infinito, impazza il calciomercato e crescono gli affari. Il coraggio di Iervolino che si è ribellato Le vicende quasi parallele del divorzio di Sabatini dalla Salernitana e della richiesta dei legali di Mertens (4 milioni netti più 800 mila euro di...

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

Presidente De Laurentiis ora basta! Adesso stai esagerando, continuando a prendere in giro un popolo di tifosi calorosi e appassionati che hai anestetizzato con le tue controverse esternazioni prive di senso. Anzi, a senso unico: il tuo. Hai sempre messo in cattiva...

Santo subito

Santo subito

Gioite amori, amorini e Cupidi. Abbiamo un santo in piĂą che ci protegge e si espone all'umano sacrificio di sofferenze e critiche feroci come novello Salvatore. E' lui, San Aurelio da Roma, cittadino del mondo ora innamorato perso di Partenope e dei suoi abitanti,...

De Luca trasforma in positivi i primati negativi della regione

De Luca trasforma in positivi i primati negativi della regione

De Luca, dopo un periodo di “appannamento mediatico” sta tornando al proscenio con tutta la sua carica comunicativa. E lo fa, per non smentirsi, nel bene e nel male. Replica, ad esempio, alla stravagante inchiesta della Procura di Napoli sugli appalti durante la prima...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te