Lazio Napoli: Kavaratskhelia ritrova il gol e regala i 3 punti agli azzurri

Lazio Napoli: Kavaratskhelia ritrova il gol e regala i 3 punti agli azzurri, il pareggio lo firma Kim e adesso testa alla Champions.

Lazio Napoli – Per il match dell’Olimpico, dopo aver provato il nuovo modulo che non ha per niente convinto contro il Lecce al Maradona, Spalletti ritorna al 4-3-3 con la formazione che gli ha permesso di partire con 2 vittorie ed un pareggio sul campo del Franchi. Meret; Di Lorenzo, Rrahmani, Kim, Mario Rui; Lobotka, Anguissa, Zielinski; Lozano, Kvaratskhelia, Osimhen.

Partenza choc per gli azzurri, chi si aspettava un inizio del match ricco di cazzimma, purtrppo è rimasto deluso, al primo affondo dei padroni di casa, gli azzurri subiscono gol, Felipe Anderson crossa rasoterra, Zaccagni ha il tempo di ricevere palla al limite dell’area, controlla e ha anche il tempo di calciare indisturbato, trova l’angolino basso alla sinistra di Meret che non riesce a deviare la palla, Lazio in vantaggio al terzo minuto. La reazione dei ragazzi di Spalletti, non è rabbiosa e con grinta come i tifosi partenopei si aspettano, ma inizia pian piano a trovare, tra molte difficoltĂ , la quadra del gioco.A dare la scossa è il georgiano Kvaratskhelia che ruba una palla a Milinkovic Savic, al minuto 34, si invola verso l’area e rientra sul destro tiro però da dimenticare che arriva docile tra le braccia di Provedel. Molto piĂą bella e pericolosa l’azione sempre a firma del georgiano pochi minuti dopo quando, porta palla verso il l’area laziale accentrandosi, elude le marcature girandosi e facendo perno sulla palla e fa esplodere un destro da fuori area che colpisce violentemente il palo, Provedel battuto e tanta sfortuna per il Napoli. Il gol del pari arriva con un colpo di testa di Kim, sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Prima dell’intervallo brutto scontro tra Lozano e Marusic, ad avere la peggio è il messicano che deve lasciare il terreno di gioco in barella, al suo posto Politano.

Nella ripresa il Napoli parte con una marcia in piĂą, piede sull’accelleratore e squadra che sembra raggiante e offensiva. Per circa 15 minuti la Lazio non vede mai palla mentre piovono le occazione per gli azzurri di passare in vantaggio. Per ben due volte Kvaratskhelia, poi Osimhen con un palo non riescono a mettere dentro il gol del vantaggio. Ma a coronare questi minuti di dominio totale del Napoli, arriva al 61esimo il gol del vantaggio ospite a firma di Kavaratskhelia, il georgiano questa volta non sbaglia e raccogliendo un assist al bacio di Anguissa, scaraventa la palla in rete con un destro forte e potente. La reazione laziale non si fa attendere con il pubblico che dagli spalti incita a tutto volume. Ma il Napoli riesce a contenere le folate avversarie, ottima la difesa con Kim e Rrahmani che riescono a chiudere la porta. Anche Meret deve fare gli straordinari,  effettuando una parata difficile sul colpo di testa di Felipe Anderson a dieci minuti dalla fine. Alla fine arrivano i tre punti con i tifosi partenopei che possono esplodere, la trasferta di Roma contro la squadra di Sarri che solo una settimana fa ha battuto l’Inter, porta i tre punti e la convinzione che se a questa squadra la si da fiducia e tempo, sicuramente ne vedremo delle belle.