Parchi e rischio incendi. “Rimuovete quelle sterpaglie, sono un pericolo per la Floridiana!”

da | Lug 9, 2022 | Primo piano

 “Basterebbe una scintilla per far divampare un incendio che distruggerebbe tutta la Floridiana”. È la segnalazione  lanciata  dal titolare della storica carrozzeria attigua all’ingresso secondario della Floridiana, Enzo Zuccarino, che ha avvertito anche la direzione del parco. Lungo il muro di cinta – a sinistra dei cancelli di via Aniello Falcone  – infatti s’è formato un tappeto di arbusti, rami, erbacce, foglie secche e immondizie varie che in certi punti supera il metro e mezzo di altezza…

 Materiale infiammabile. In un’area notoriamente frequentata fino a tarda notte dal popolo della movida ma leggermente rientrante, in curva, e per questo prescelta da coppiette e gruppi di ragazzi che s’attardano a parlare più riservatamente mentre nei localini si fa baldoria (spesso con fuochi d’artificio…).

 Una cicca di sigaretta lanciata ancora accesa potrebbe essere fatale, oppure potrebbe essere un petardo a generare l’innesco… A tratti il materiale secco accumulatosi sul marciapiede sembra sfiorare i rami degli alberi ultracentenari che s’affacciano dall’altro lato del muro della Floridiana (il cui sottobosco fittissimo è incolto). Lungo il muro di cinta che sovrasta la collinetta di verde e di immondizia,  corre anche un tubo del gas. Nei pressi ci sono abitazioni.

A chi spetta portare via quei cumuli di secco (che si trovano all’esterno, del recinto della Floridiana)? Di chi la responsabilità di scongiurare il pericolo?

Ricordate l’incendio divampato a dicembre scorso nella villa comunale (dal lato di piazza Vittoria) e le cui conseguenze furono limitate grazie al tempestivo intervento dei vigili del fuoco? Nel parco di Villa Floridiana, dall’inestimabile valore storico e botanico,  la vegetazione è molto più fitta. Bisogna intervenire subito.

lu. ru.

Suor Orsola parla le “lingue” del lavoro

Suor Orsola parla le “lingue” del lavoro

di Giovanni Basile Innovazione didattica e placement dei laureati: la soddisfazione degli studenti dell’Ateneo napoletano La laurea conseguita all’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli risulta più efficace del 15% rispetto alla media nazionale. È quanto emerge...

E a Salvator Rosa i secchi ormai sono “decori”

E a Salvator Rosa i secchi ormai sono “decori”

Non appena piove a Napoli, nella stazione Salvator Rosa della Linea 1 della metropolitana, spuntano diversi secchi che vengono posizionati dal personale dell’Anm per raccogliere l’acqua piovana che cade dall’alto e arriva fino alla banchina. I secchi ormai sono...

La prima metro al mondo chiusa per umidità

La prima metro al mondo chiusa per umidità

Stop alla stazione Università fino al 15 ottobre. Pavimentazione da sostituire: “materiale non idoneo” A poco più di 11 anni dall’inaugurazione la stazione metropolitana di piazza Bovio necessita di 4 mesi di lavori per sostituire le “pregiate pavimentazioni” con un...

Napoli e la “deriva americana”

Napoli e la “deriva americana”

Finora esente dagli assalti a sfondo razziale che partono dai ghetti (come avvenuto il 2 giugno nel Milanese) L’escalation di risse, pestaggi, accoltellamenti, ragazzini che puntano le pistole contro le forze dell’ordine, ha fatto parlare di “deriva americana” a...

Una Cittadella universitaria da Oscar

Una Cittadella universitaria da Oscar

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: straordinario successo ai David di Donatello 2022 per i “Grandi Maestri” del Cinema dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Si può ormai definire una formazione accademica ‘da Oscar’ quella dell’Università Suor Orsola...

E ora il “branco” va in spiaggia…

E ora il “branco” va in spiaggia…

Non bastava la mala-movida. Ancora gravi i due minorenni accoltellati a Marechiaro. Il mare negato Non bastava la mala-movida notturna, adesso con l’arrivo della bella stagione c’è da fronteggiare anche la violenza collegata all’afflusso alle località balneari,...

Napoli, il futuro è da inventare

Napoli, il futuro è da inventare

Il terzo posto non può diventare il punto di arrivo per una società ambiziosa e per tifosi appassionati Sarà il Milan o l’Inter a fregiarsi del triangolino tricolore ai tifosi del Napoli interessa poco. La delusione, nonostante il terzo posto e la qualificazione...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te