Perché De Laurentiis vuole ridurre gli ingaggi? Due possibili risposte

da | Giu 29, 2022 | Primo piano

di Pierluigi Zaccaria

Sono giornate molto intense in casa Napoli. C’è aria di smobilitazione e di taglio dei costi, di dolorosi saluti e di forzato rinnovamento, che lasciano presagire nuovi scenari evolutivi.
Un mercato, questo, che sembra rappresentare il vero spartiacque della storia tra ADL e la SSC Napoli. La gestione del patron della Filmauro è arrivata al culmine già 10 anni fa con la qualificazione in Champions (c’era Mazzarri in panchina) e da quel momento in poi ha visto il proprio percorso di crescita incepparsi, incapace di riuscire a rimpinguare le casse della società se non attraverso il vetusto mezzo delle plusvalenze o affannosamente aggrappandosi alla speranza del quarto posto. Investimenti infrastrutturali pari a zero, progetto “Scugnizzeria” abbandonato e solo tante chiacchiere sullo stadio di proprietà.
Per non parlare del rapporto con tifosi e stampa ormai ai minimi storici e che ha generato un malumore tangibile, da cui ne è addirittura scaturita una raggelante indifferenza verso l’ultima qualificazione in Champions.
Ma proviamo a dare una sbirciata ai dati, che come sempre rappresentano l’unico vero elemento probatorio che può aiutarci nel comprendere quali potrebbero essere le prossime mosse di ADL. Secondo i dati forniti da Calcio e Finanza, il monte-ingaggi lordo del Napoli della stagione appena trascorsa (2021-2022) è pari a poco più di 100 milioni, a cui bisogna già detrarre gli stipendi dei partenti Manolas, Insigne, Ghoulam e Malcuit, manovra grazie alla quale il club ha già effettuato un taglio di circa 22 milioni di euro. Dati, questi, che andranno sicuramente rivisti qualora dovesse essere ceduto un big come Koulibaly, che costa oltre 11 milioni di euro o Mertens, che impatta per oltre 8 milioni di euro. A completare il quadro gli acquisti ormai certi di Kvara, Olivera e degli altri giocatori che andranno a completare la rosa. Appare quindi evidente che l’obiettivo principale nel breve periodo sia quello di ridimensionare e tagliare i costi. Ma il nostro legittimo dubbio è legato al motivo per cui la società abbia adottato questa strategia. E sono due gli scenari che possiamo provare a prevedere. Prima ipotesi. ADL si sta preparando a cedere la SSC Napoli. Grazie al taglio ingaggi sopra esposto, verrebbe ceduto l’intero pacchetto con costi di produzione ridotti e che, in prospettiva, potrebbe consentire all’ipotetico compratore di generare margini di profitto più consistenti. E, soprattutto, risanando la società a livello finanziario e riducendo i costi, ADL potrebbe presentare al mercato un’azienda infiocchettata e risanata, che la renderebbe di certo più appetibile agli occhi di potenziali investitori. Il valore della società verrebbe massimizzato, almeno nel breve periodo. Seconda ipotesi. ADL ha deciso di adottare una strategia di ridimensionamento, a causa del brusco calo dei ricavi post-pandemia e per evitare il rischio di nuovi bilanci in rosso: non ha quindi alcuna intenzione di cedere. Questa seconda casistica, che ovviamente non auspichiamo, metterebbe ancora più a dura prova la passione dei tifosi. Considerando che la geografia della serie A è cambiata tanto negli ultimi anni (fino a poco tempo fa Milan ed Inter arrancavano e la Roma non aveva Mourinho), già oggi recitare un ruolo da protagonista in serie A sarebbe un affare complesso per il Napoli. Privandogli anche dei suoi pezzi da novanta, il rischio di campionati anonimi sarebbe dietro l’angolo. E la piazza, ormai stanca di non poter sognare, si allontanerebbe sempre di più. Per questo facciamo tutti il tifo per la prima teoria: affinché un nuovo ed appassionante capitolo abbia finalmente inizio.
Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: ben 12 nomination ai “Grandi Maestri” dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Questa sera (diretta su Rai Uno dalle 21.25) negli studi di Cinecittà per la cerimonia di premiazione della 67esima edizione dei David di...

Lavoro, è il boom dell’archeologo tecnologico

Lavoro, è il boom dell’archeologo tecnologico

di Federico Marazzi * In Campania l’eccellenza della formazione è all’Università Suor Orsola Benincasa Immaginate di vedere per la strada un’auto d’epoca, esteticamente affascinante, capace di ottime performances, ma a prezzo di consumi di carburante decisamente...

Come tutelare il nostro “oro blu”

Come tutelare il nostro “oro blu”

Iniziativa per la candidatura Unesco delle acque sorgive del Golfo a “patrimonio dell'Umanità”. I dati, le ipotesi “Facile aprire il rubinetto ed avere a disposizione una delle acque più pregiate, più controllate d’Italia. Ma ciò richiede un grosso sforzo tecnico, una...

Calcio, l’Italia s’è persa

Calcio, l’Italia s’è persa

Come ripartire dopo la delusione della Nazionale Riparte il campionato e sarà volata tutta d’un fiato fino al 22 maggio quando conosceremo l’esito del torneo più incerto ed emozionante da 10 stagioni a questa parte. Si riparte con gare importantissime ai fini della...

La figuraccia di Milano e l’esempio di Napoli

La figuraccia di Milano e l’esempio di Napoli

Il direttore d’orchestra russo Valery Gergiev cacciato dalla Scala di Milano solo perché non ha accettato l’imposizione di dire due parole contro Putin e contro la sua guerra prima di un’esibizione. Un corso sul grande scrittore russo Fedor Dostoevskij annullato alla...

La stazione che fa acqua da tutte le parti

La stazione che fa acqua da tutte le parti

Metropolitana, Salvator Rosa tra secchi di plastica e “portoghesi”. Una vergogna continua Il battagliero consigliere comunale Nino Simeone ne ha fatto, giustamente, un caso. Non si è mai visto, da nessuna parte al mondo, che per collaudare treni nuovi da immettere in...

Napoli, via Domenico Fontana: residenti in pericolo

Napoli, via Domenico Fontana: residenti in pericolo

È da venerdì 18 marzo che in via Domenico Fontana, all’altezza del civico 115, tra l’ingresso pedonale della Parrocchia di Santa Maria Antesaecula e l’accesso alto del Parco Montedonzelli, staziona un “senza fissa dimora”. Per quanto commossi dal senso di Pietas e dal...

Napoli, meno ansia

Napoli, meno ansia

Gli azzurri “tradiscono” quando aumenta la pressione Diciamolo francamente: a Napoli ce la suoniamo e ce la cantiamo come vogliamo a seconda dello spirare del vento, soprattutto quando l’oggetto o il sogno delle nostre fantasie, viene meno ribellandosi a etichette,...

Wilson, laziale sì. Ma soprattutto napoletano

Wilson, laziale sì. Ma soprattutto napoletano

L’omaggio al grande difensore ex Internapoli morto nei giorni scorsi a Roma Se ne è andato all’improvviso, accompagnato dall’omaggio scontato e doveroso di tutto il mondo calcistico laziale. Prima la bara esposta nella camera ardente poi un funerale, a Roma, con la...

Morte di Ornella, a maggio la sentenza

Morte di Ornella, a maggio la sentenza

Il processo all’ex compagno della docente uccisa un anno fa. Lunedì incontri alla Uil e al Liceo artistico Un otto marzo trascorso col pensiero rivolto alle donne russe e ucraine… Intanto in Italia non si ferma la violenza di genere: 118 le vittime di femminicidi nel...

Errore medico: quando c’è il risarcimento

Errore medico: quando c’è il risarcimento

Lo Studio Rubinacci-Molaro spiega la normativa che regola la responsabilità sanitaria Con l’articolo di oggi lo Studio legale degli avvocati Giovanni Rubinacci ed Andrea Molaro, si occupa della tematica del risarcimento del danno derivante dall’errore del medico...

Una Coach in soccorso delle donne

Una Coach in soccorso delle donne

Victoria Logacheva ha coniugato la sua inclinazione per l’ascolto e l’aiuto agli altri con il lavoro Felicemente sposata, madre di due bambini di 1 e 4 anni, Victoria Logacheva ha da sempre notato di avere una particolare inclinazione per l’ascolto attivo e di essere...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te