Suor Orsola parla le “lingue” del lavoro

da | Giu 20, 2022 | Primo piano

di Giovanni Basile

Innovazione didattica e placement dei laureati: la soddisfazione degli studenti dell’Ateneo napoletano

La laurea conseguita all’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli risulta più efficace del 15% rispetto alla media nazionale. È quanto emerge dai dati presentati l’altro ieri da Almalaurea nel consueto Rapporto annuale sul profilo e sulla condizione occupazionale dei laureati italiani. Un dato che premia la vocazione particolarmente professionalizzante di molti corsi di laurea del Suor Orsola, la più antica libera Università italiana. Tra questi ci sono senz’altro il corso di laurea triennale in Lingue e culture moderne e il corso di laurea magistrale in Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione internazionale. Corsi di laurea di antiche e solide tradizioni accademiche (aperti al Suor Orsola dal lontano 1978) ma che negli ultimi dieci anni hanno sviluppato un percorso di studi specificamente concepito per rispondere a un’esigenza che era divenuta pressante nel tessuto della piccola e media impresa vocata all’export: ossia un curriculum dedicato alle Lingue per le professioni. “L’obiettivo – spiega Gianluca Genovese, presidente del Corso di laurea triennale in Lingue – è quello di formare una figura professionale che unisce alla sicura padronanza delle lingue straniere anche importanti competenze in ambito economico-aziendale, giuridico e informatico”. Una scommessa che, anche in base ai numeri testimoniati da Almalaurea, si è rivelata vincente, soprattutto in un Ateneo la cui mission è da sempre trasformare i saperi avanzati in progetti concreti di futuro, accompagnando i giovani nel mondo del lavoro, come dimostra il lavoro personalizzato che svolge su ogni singolo laureato l’Ufficio di Job Placement del Suor Orsola. Un’attenzione alle esigenze del mercato del lavoro in continuo mutamento quella del Suor Orsola che quest’anno adegua la sua offerta formativa nel settore delle lingue anche alle inedite esigenze del mondo del lavoro emerse nel contesto del post-Covid e disegnate anche dagli scenari previsti dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. E così, in sintonia con un Comitato di Indirizzo nel quale sono rappresentati tutti i principali stakeholder pubblici e privati, a partire dal nuovo anno accademico agli studenti del Corso di studi triennale (Lingue e culture moderne) sarà offerta la possibilità di scegliere il curriculum Lingue per le nuove professioni, con obiettivi formativi aggiornati e adeguati.

“Accanto ai corsi di lingue straniere, che rispetto alle altre università campane sono caratterizzati da un maggior numero di ore tenute da lettori madrelingua, nella nuova offerta didattica – spiega Gianluca Genovese – saranno infatti previsti insegnamenti negli ambiti dell’economia digitale, del diritto delle nuove tecnologie e della privacy, dei metodi e strumenti per la traduzione professionale, dell’informatica umanistica. Il curriculum professionale è stato potenziato anche nel Corso di studi magistrale (Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione internazionale) con l’inserimento di un laboratorio interamente dedicato alla storia e al lessico del digitale. E la rivoluzione digitale, in tutti i suoi aspetti (Internet/Web, social media, Big Data e Intelligenza Artificiale) è inoltre affrontata nelle discipline storico-politologiche, che, nei corsi di laurea in lingue del Suor Orsola, affiancano e completano quelle economiche e giuridiche. “Questo originale piano formativo – evidenzia Stefano De Luca, presidente del corso di laurea magistrale in Lingue – contribuisce agli eccellenti risultati del corso magistrale, che negli ultimi cinque anni ha raddoppiato il numero degli iscritti e che nei dati ufficiali del Cineca (il Consorzio delle Università italiane, sotto la vigilianza del Ministero dell’Università) risulta avere risultati superiori non solo alle medie regionali, ma anche a quelle nazionali, nella carriera degli studenti (il tempo in cui si ottiene la laurea) e nella soddisfazione di studenti e laureati”.

Come tutelare il nostro “oro blu”

Come tutelare il nostro “oro blu”

Iniziativa per la candidatura Unesco delle acque sorgive del Golfo a “patrimonio dell'Umanità”. I dati, le ipotesi “Facile aprire il rubinetto ed avere a disposizione una delle acque più pregiate, più controllate d’Italia. Ma ciò richiede un grosso sforzo tecnico, una...

Calcio, l’Italia s’è persa

Calcio, l’Italia s’è persa

Come ripartire dopo la delusione della Nazionale Riparte il campionato e sarà volata tutta d’un fiato fino al 22 maggio quando conosceremo l’esito del torneo più incerto ed emozionante da 10 stagioni a questa parte. Si riparte con gare importantissime ai fini della...

La figuraccia di Milano e l’esempio di Napoli

La figuraccia di Milano e l’esempio di Napoli

Il direttore d’orchestra russo Valery Gergiev cacciato dalla Scala di Milano solo perché non ha accettato l’imposizione di dire due parole contro Putin e contro la sua guerra prima di un’esibizione. Un corso sul grande scrittore russo Fedor Dostoevskij annullato alla...

La stazione che fa acqua da tutte le parti

La stazione che fa acqua da tutte le parti

Metropolitana, Salvator Rosa tra secchi di plastica e “portoghesi”. Una vergogna continua Il battagliero consigliere comunale Nino Simeone ne ha fatto, giustamente, un caso. Non si è mai visto, da nessuna parte al mondo, che per collaudare treni nuovi da immettere in...

Napoli, via Domenico Fontana: residenti in pericolo

Napoli, via Domenico Fontana: residenti in pericolo

È da venerdì 18 marzo che in via Domenico Fontana, all’altezza del civico 115, tra l’ingresso pedonale della Parrocchia di Santa Maria Antesaecula e l’accesso alto del Parco Montedonzelli, staziona un “senza fissa dimora”. Per quanto commossi dal senso di Pietas e dal...

Napoli, meno ansia

Napoli, meno ansia

Gli azzurri “tradiscono” quando aumenta la pressione Diciamolo francamente: a Napoli ce la suoniamo e ce la cantiamo come vogliamo a seconda dello spirare del vento, soprattutto quando l’oggetto o il sogno delle nostre fantasie, viene meno ribellandosi a etichette,...

Wilson, laziale sì. Ma soprattutto napoletano

Wilson, laziale sì. Ma soprattutto napoletano

L’omaggio al grande difensore ex Internapoli morto nei giorni scorsi a Roma Se ne è andato all’improvviso, accompagnato dall’omaggio scontato e doveroso di tutto il mondo calcistico laziale. Prima la bara esposta nella camera ardente poi un funerale, a Roma, con la...

Morte di Ornella, a maggio la sentenza

Morte di Ornella, a maggio la sentenza

Il processo all’ex compagno della docente uccisa un anno fa. Lunedì incontri alla Uil e al Liceo artistico Un otto marzo trascorso col pensiero rivolto alle donne russe e ucraine… Intanto in Italia non si ferma la violenza di genere: 118 le vittime di femminicidi nel...

Errore medico: quando c’è il risarcimento

Errore medico: quando c’è il risarcimento

Lo Studio Rubinacci-Molaro spiega la normativa che regola la responsabilità sanitaria Con l’articolo di oggi lo Studio legale degli avvocati Giovanni Rubinacci ed Andrea Molaro, si occupa della tematica del risarcimento del danno derivante dall’errore del medico...

Una Coach in soccorso delle donne

Una Coach in soccorso delle donne

Victoria Logacheva ha coniugato la sua inclinazione per l’ascolto e l’aiuto agli altri con il lavoro Felicemente sposata, madre di due bambini di 1 e 4 anni, Victoria Logacheva ha da sempre notato di avere una particolare inclinazione per l’ascolto attivo e di essere...

Gli errori di Spalletti cominciano ad essere troppi

Gli errori di Spalletti cominciano ad essere troppi

Gli azzurri fuori dalle Coppe e l'allenatore insiste con moduli e cambi sbagliati Questi allenatori sono davvero strani. E se non proprio tutti almeno lo sono una buona parte di essi. Prendiamo Spalletti. Un amore a prima vista con De Laurentiis (ma il presidente non...

A Spalletti servono gli insostituibili

A Spalletti servono gli insostituibili

Campionato: nelle ultime dodici gare per il Napoli sarà importante avere la rosa al completo L’ultimo turno, spalmato tra il venerdì ed il lunedì, ci ha regalato una sorpresa al giorno: venerdì sera la Juve che con il pareggio nel derby dà l’addio alla corsa scudetto,...

Piazza Garibaldi, regna il degrado

Piazza Garibaldi, regna il degrado

Già scomparsi gli effetti positivi del restyling: ovunque illegalità, incuria ed abbandono Le macerie di dieci anni di amministrazione de Magistris sono rinvenibili facilmente in tutta la città. Ma il degrado, che per onestà intellettuale, dobbiamo ammetterlo,...

Le conquiste “rosa” a doppio taglio

Le conquiste “rosa” a doppio taglio

Ancora non siamo usciti dal flagello della pandemia (dovrebbe cessare il 31 marzo lo stato di emergenza) e già sentiamo parlare di guerra, la questione Ucraina… Crisi che hanno gravato e gravano soprattutto sulle donne - storicamente deputate alle funzioni di...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te