Suor Orsola parla le “lingue” del lavoro

da | Giu 20, 2022 | Primo piano

di Giovanni Basile

Innovazione didattica e placement dei laureati: la soddisfazione degli studenti dell’Ateneo napoletano

La laurea conseguita all’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli risulta più efficace del 15% rispetto alla media nazionale. È quanto emerge dai dati presentati l’altro ieri da Almalaurea nel consueto Rapporto annuale sul profilo e sulla condizione occupazionale dei laureati italiani. Un dato che premia la vocazione particolarmente professionalizzante di molti corsi di laurea del Suor Orsola, la più antica libera Università italiana. Tra questi ci sono senz’altro il corso di laurea triennale in Lingue e culture moderne e il corso di laurea magistrale in Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione internazionale. Corsi di laurea di antiche e solide tradizioni accademiche (aperti al Suor Orsola dal lontano 1978) ma che negli ultimi dieci anni hanno sviluppato un percorso di studi specificamente concepito per rispondere a un’esigenza che era divenuta pressante nel tessuto della piccola e media impresa vocata all’export: ossia un curriculum dedicato alle Lingue per le professioni. “L’obiettivo – spiega Gianluca Genovese, presidente del Corso di laurea triennale in Lingue – è quello di formare una figura professionale che unisce alla sicura padronanza delle lingue straniere anche importanti competenze in ambito economico-aziendale, giuridico e informatico”. Una scommessa che, anche in base ai numeri testimoniati da Almalaurea, si è rivelata vincente, soprattutto in un Ateneo la cui mission è da sempre trasformare i saperi avanzati in progetti concreti di futuro, accompagnando i giovani nel mondo del lavoro, come dimostra il lavoro personalizzato che svolge su ogni singolo laureato l’Ufficio di Job Placement del Suor Orsola. Un’attenzione alle esigenze del mercato del lavoro in continuo mutamento quella del Suor Orsola che quest’anno adegua la sua offerta formativa nel settore delle lingue anche alle inedite esigenze del mondo del lavoro emerse nel contesto del post-Covid e disegnate anche dagli scenari previsti dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. E così, in sintonia con un Comitato di Indirizzo nel quale sono rappresentati tutti i principali stakeholder pubblici e privati, a partire dal nuovo anno accademico agli studenti del Corso di studi triennale (Lingue e culture moderne) sarà offerta la possibilità di scegliere il curriculum Lingue per le nuove professioni, con obiettivi formativi aggiornati e adeguati.

“Accanto ai corsi di lingue straniere, che rispetto alle altre università campane sono caratterizzati da un maggior numero di ore tenute da lettori madrelingua, nella nuova offerta didattica – spiega Gianluca Genovese – saranno infatti previsti insegnamenti negli ambiti dell’economia digitale, del diritto delle nuove tecnologie e della privacy, dei metodi e strumenti per la traduzione professionale, dell’informatica umanistica. Il curriculum professionale è stato potenziato anche nel Corso di studi magistrale (Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione internazionale) con l’inserimento di un laboratorio interamente dedicato alla storia e al lessico del digitale. E la rivoluzione digitale, in tutti i suoi aspetti (Internet/Web, social media, Big Data e Intelligenza Artificiale) è inoltre affrontata nelle discipline storico-politologiche, che, nei corsi di laurea in lingue del Suor Orsola, affiancano e completano quelle economiche e giuridiche. “Questo originale piano formativo – evidenzia Stefano De Luca, presidente del corso di laurea magistrale in Lingue – contribuisce agli eccellenti risultati del corso magistrale, che negli ultimi cinque anni ha raddoppiato il numero degli iscritti e che nei dati ufficiali del Cineca (il Consorzio delle Università italiane, sotto la vigilianza del Ministero dell’Università) risulta avere risultati superiori non solo alle medie regionali, ma anche a quelle nazionali, nella carriera degli studenti (il tempo in cui si ottiene la laurea) e nella soddisfazione di studenti e laureati”.

E a Salvator Rosa i secchi ormai sono “decori”

E a Salvator Rosa i secchi ormai sono “decori”

Non appena piove a Napoli, nella stazione Salvator Rosa della Linea 1 della metropolitana, spuntano diversi secchi che vengono posizionati dal personale dell’Anm per raccogliere l’acqua piovana che cade dall’alto e arriva fino alla banchina. I secchi ormai sono...

La prima metro al mondo chiusa per umidità

La prima metro al mondo chiusa per umidità

Stop alla stazione Università fino al 15 ottobre. Pavimentazione da sostituire: “materiale non idoneo” A poco più di 11 anni dall’inaugurazione la stazione metropolitana di piazza Bovio necessita di 4 mesi di lavori per sostituire le “pregiate pavimentazioni” con un...

Napoli e la “deriva americana”

Napoli e la “deriva americana”

Finora esente dagli assalti a sfondo razziale che partono dai ghetti (come avvenuto il 2 giugno nel Milanese) L’escalation di risse, pestaggi, accoltellamenti, ragazzini che puntano le pistole contro le forze dell’ordine, ha fatto parlare di “deriva americana” a...

Una Cittadella universitaria da Oscar

Una Cittadella universitaria da Oscar

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: straordinario successo ai David di Donatello 2022 per i “Grandi Maestri” del Cinema dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Si può ormai definire una formazione accademica ‘da Oscar’ quella dell’Università Suor Orsola...

E ora il “branco” va in spiaggia…

E ora il “branco” va in spiaggia…

Non bastava la mala-movida. Ancora gravi i due minorenni accoltellati a Marechiaro. Il mare negato Non bastava la mala-movida notturna, adesso con l’arrivo della bella stagione c’è da fronteggiare anche la violenza collegata all’afflusso alle località balneari,...

Napoli, il futuro è da inventare

Napoli, il futuro è da inventare

Il terzo posto non può diventare il punto di arrivo per una società ambiziosa e per tifosi appassionati Sarà il Milan o l’Inter a fregiarsi del triangolino tricolore ai tifosi del Napoli interessa poco. La delusione, nonostante il terzo posto e la qualificazione...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te