Basta con questa storia del portiere che deve saper giocare con i piedi

da | Giu 20, 2022 | Calcio Napoli, Primo piano

Qualche giorno fa, su questa testata, auspicammo vivamente l’ipotesi che De Laurentiis e Spalletti (loro, ma solo loro) per il bene del Napoli autodecretassero un personalissimo e definitivo silenzio-stampa.
I nostri auspici non hanno ricevuto ascolto, i due imperterriti continuano a sproloquiare. Ma se per De Laurentiis, considerata la sua attitudine alle scorribande comunicative, l’esito era in effetti scontato, non altrettanto può dirsi per l’allenatore, che invece in questi ultimi giorni ha detto di tutto e ha sollevato pesanti dubbi, subito rimarcati dagli osservatori, sulla reale condivisione di intenti con la società.
Di fronte al presidente che, incautamente, ha pronunciato la parola scudetto, Spalletti ha mostrato, senza riserve, le sue perplessità.
È un po’ come mettere le mani avanti. Troppo cocente, ancora, soprattutto tra i tifosi, la delusione per il tricolore mancato, nel campionato appena finito. Meglio essere prudenti, soprattutto alla luce del ridimensionamento del tetto ingaggi, che lascia presupporre anche un ridimensionamento del livello tecnico della squadra.
Lui, Spalletti, è sempre convinto della straordinarietà del terzo posto. Ma nessuno se lo fila, lo scudetto era a portata di mano, lo aveva peraltro anche lui espressamente citato come conquista vicina per la quale ci si dovesse battere. Ed è invece sfuggito per un incomprensibile black out e per una serie di errori concentrati soprattutto in tre partite. Errori dei quali Spalletti è certamente corresponsabile, non fosse altro che per i cambi cervellotici operati in quelle partite “incriminate”.
E non solo. Apprestandoci alla nuova stagione insiste su certe posizioni che non solo appaiono censurabili sul piano tecnico, ma producono incertezze e rivelano incongruenze con i piani societari. Tanto da sollevare comprensibili dubbi sulla sua reale volontà di pilotare il Napoli anche per il prossimo campionato.
Prendiamo il caso Meret, un capitale della società, pagato 30 milioni e colpevolmente deprezzato. Di fronte alla prevedibile rinuncia ad Ospina De Laurentiis, giustamente, si sta organizzando e tratta per il prolungamento del contratto a Meret, che finalmente potrebbe sentirsi titolare indiscusso.
E Spalletti che ti fa? Se ne esce, improvvidamente, con l’elogio del portiere che sa giocare con i piedi, prendendo in contropiede presidente e direttore sportivo facendo intendere, chiaramente, di non aver alcuna fiducia nel portiere friulano, notoriamente bravo a parare con le mani, come si conviene ad uno che fa il suo mestiere.
Questa storia è veramente assurda. L’abbiamo ereditata da Gattuso, e i guasti di quella gestione ce li ricordiamo (vedi gol di Immobile) e sono riemersi anche durante la gestione Spalletti (vedi autogol del frastornato Meret contro l’Empoli due mesi fa). Ora in molti, abbacinati dalle chiacchiere dei sostenitori della “ripartenza dal basso”, cominciano a credere veramente che sia importante che un portiere sappia giocare con i piedi. E’ il calcio del futuro, dicono, scimmiottando Gattuso, che a sua volta è scimmiottato da Spalletti. Una bufala colossale.
Da che mondo è mondo, da che calcio è calcio, il portiere, anche secondo regolamento, è l’unico, fra gli undici, che può utilizzare le mani. E infatti le ha sempre utilizzate. Tutti i più grandi, da Zamora a Yashin, a Zoff, per finire ai giorni nostri, a Cech, Casillas, Buffon, sono stati grandi “paratori”. E nessuno si è mai sognato di pretendere che sapessero usare bene anche i piedi. Lo faceva, di istinto, Garella e con lui il Napoli vinse il primo scudetto. Ma si limitava a respingere i tiri degli avversari con i piedi, non si preoccupava minimamente di far ripartire, pericolosamente, l’azione dal basso. Bianchi lo avrebbe messo fuori rosa.
Ora sta lentamente imponendosi questa moda suicida, che procura solo patemi d’animo, autoreti (vedi appunto l’ultimo Meret) e pochi frutti in termini di reali vantaggi di gioco. Con le avversarie, soprattutto le “piccole” che praticano il pressing alto sarebbe cosa buona e giusta liberare invece al più presto l’area di rigore e i dintorni dal pallone.
Vaglielo a spiegare a Spalletti. E soprattutto a fargli capire che con un attacco formato da Osimhen, Lozano e il nuovo arrivato, il georgiano dal cognome impossibile, tutti straordinari contropiedisti, un portiere dovrebbe rilanciare, possibilmente con le mani, come faceva Reina, il pallone immediatamente per tentare di colpire la difesa avversaria sguarnita. Don Luciano, ripartenze immediate e veloci, altro che dal basso.
P.S. Consiglio a Meret: più che rinnovare, provi a squagliarsela al più presto possibile. Qui non tira aria buona per lui.
La prima metro al mondo chiusa per umidità

La prima metro al mondo chiusa per umidità

Stop alla stazione Università fino al 15 ottobre. Pavimentazione da sostituire: “materiale non idoneo” A poco più di 11 anni dall’inaugurazione la stazione metropolitana di piazza Bovio necessita di 4 mesi di lavori per sostituire le “pregiate pavimentazioni” con un...

Napoli, l’aria è pesante

Napoli, l’aria è pesante

Giocatori che vanno via, altri che vogliono andar via, il futuro azzurro è tutto da inventare, e Spalletti… Insigne emigrato d’oro in Canada, Ospina che stacca il telefono che manco “piange”, ricordando una bella canzone di Domenico Modugno, Ciro Mertens che dal...

Napoli e la “deriva americana”

Napoli e la “deriva americana”

Finora esente dagli assalti a sfondo razziale che partono dai ghetti (come avvenuto il 2 giugno nel Milanese) L’escalation di risse, pestaggi, accoltellamenti, ragazzini che puntano le pistole contro le forze dell’ordine, ha fatto parlare di “deriva americana” a...

Procuratori? No, mediatori

Procuratori? No, mediatori

Scandalo infinito, impazza il calciomercato e crescono gli affari. Il coraggio di Iervolino che si è ribellato Le vicende quasi parallele del divorzio di Sabatini dalla Salernitana e della richiesta dei legali di Mertens (4 milioni netti più 800 mila euro di...

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

Presidente De Laurentiis ora basta! Adesso stai esagerando, continuando a prendere in giro un popolo di tifosi calorosi e appassionati che hai anestetizzato con le tue controverse esternazioni prive di senso. Anzi, a senso unico: il tuo. Hai sempre messo in cattiva...

Santo subito

Santo subito

Gioite amori, amorini e Cupidi. Abbiamo un santo in più che ci protegge e si espone all'umano sacrificio di sofferenze e critiche feroci come novello Salvatore. E' lui, San Aurelio da Roma, cittadino del mondo ora innamorato perso di Partenope e dei suoi abitanti,...

Una Cittadella universitaria da Oscar

Una Cittadella universitaria da Oscar

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: straordinario successo ai David di Donatello 2022 per i “Grandi Maestri” del Cinema dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Si può ormai definire una formazione accademica ‘da Oscar’ quella dell’Università Suor Orsola...

E ora il “branco” va in spiaggia…

E ora il “branco” va in spiaggia…

Non bastava la mala-movida. Ancora gravi i due minorenni accoltellati a Marechiaro. Il mare negato Non bastava la mala-movida notturna, adesso con l’arrivo della bella stagione c’è da fronteggiare anche la violenza collegata all’afflusso alle località balneari,...

Napoli, il futuro è da inventare

Napoli, il futuro è da inventare

Il terzo posto non può diventare il punto di arrivo per una società ambiziosa e per tifosi appassionati Sarà il Milan o l’Inter a fregiarsi del triangolino tricolore ai tifosi del Napoli interessa poco. La delusione, nonostante il terzo posto e la qualificazione...

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: ben 12 nomination ai “Grandi Maestri” dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Questa sera (diretta su Rai Uno dalle 21.25) negli studi di Cinecittà per la cerimonia di premiazione della 67esima edizione dei David di...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te