Napoli e la “deriva americana”

da | Giu 18, 2022 | Primo piano

Finora esente dagli assalti a sfondo razziale che partono dai ghetti (come avvenuto il 2 giugno nel Milanese)

L’escalation di risse, pestaggi, accoltellamenti, ragazzini che puntano le pistole contro le forze dell’ordine, ha fatto parlare di “deriva americana” a proposito della facilità di procurarsi le armi e con cui si ricorre all’uso delle armi. A ciò s’aggiunge il rischio di violenze e conflitti collegati all’immigrazione, come rilevato da più parti dopo i fatti di Peschiera del Garda: prima la maxirissa, furti e vandalismi di circa duemila immigrati convocatisi via social per il 2 giugno con il motto “l’Africa a Peschiera”; poi, sul treno di rientro verso Milano, molestie e abusi contro ragazze minorenni (“le donne bianche qui non salgono”, aveva detto qualcuno). A Capodanno sempre a Milano decine di donne furono aggredite sessualmente da branchi di immigrati durante i festeggiamenti in piazza Duomo. A febbraio bande di stranieri arrivati dai vicini comuni dormitorio misero a ferro e fuoco il centro elegante di Torino. Il 10 giugno maxirissa a Milano in un ghetto abitato da 156 abusivi (romeni, bosniaci, serbi) e da una decina di italiani; a Milano e a Genova, anche scontri tra stranieri di differenti nazionalità.

Ricordate “West Side Story”, che raccontava della rivalità nell’America di fine anni Cinquanta tra due bande di adolescenti: i portoricani; e i ragazzi bianchi? Il film è del 1961. Dopo tanti anni vi pare che sia stato superato il problema razziale negli Usa?
Finora l’Italia sembrava esente dalle rivolte esplose sin dagli anni Ottanta nei sobborghi di Londra e di Parigi e attribuite dai sociologi al difficile inserimento sociale dei figli di immigrati ed alla presenza dei “ghetti”, delle banlieu, dei “quartieri d’esilio”. Rabbia accumulata da chi vive nelle periferie. Diversamente da Torino e da Milano (dove vari rioni e sobborghi sono un concentrato di irregolari dediti ad attività illecite), a Napoli le presenze straniere sono distribuite un po’ in ogni quartiere e meglio integrate anche grazie allo spirito accogliente dei cittadini, a una certa tolleranza da parte delle istituzioni e al lavoro svolto da associazioni di volontariato. Senza tener conto però dei campi rom abusivi e dei circa 22mila clandestini della vicina enclave di Castelvolturno (che per ora non hanno interesse ad uscire dall’invisibilità). E ad eccezione di piccole aree come il Vasto.
Ecco come si formano spontaneamente i ghetti. Al piano terra di una palazzina senza portiere e senza ascensore arriva un primo gruppetto di immigrati, che hanno abitudini diverse dalle nostre: “bevono”, magari fanno fracasso, spacciano; viavai di connazionali… Gli altri abitanti tremano, al passaggio dei figli. Chi può, lascia e va ad abitare altrove. Gli appartamenti lasciati liberi, svalutati, saranno occupati da altri immigrati. E così via…

Almeno finora, non rivolte e non scontri tra bande “etniche”, semmai incremento dei delitti comuni. Ma il rischio di deriva in Italia c’è, e – anche in vista delle nuove ondate migratorie determinate dalla guerra – il problema andrebbe affrontato. In alcune città europee sono stati avviati significativi interventi di rigenerazione urbana e di recupero sociale. Anche alla base della devianza giovanile, c’è quasi sempre anche un problema di inserimento (che a volte trova risposta nel gruppo). Ma, italiani o stranieri, è possibile inserirsi senza avere opportunità di un lavoro onesto?

Suor Orsola parla le “lingue” del lavoro

Suor Orsola parla le “lingue” del lavoro

di Giovanni Basile Innovazione didattica e placement dei laureati: la soddisfazione degli studenti dell’Ateneo napoletano La laurea conseguita all’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli risulta più efficace del 15% rispetto alla media nazionale. È quanto emerge...

E a Salvator Rosa i secchi ormai sono “decori”

E a Salvator Rosa i secchi ormai sono “decori”

Non appena piove a Napoli, nella stazione Salvator Rosa della Linea 1 della metropolitana, spuntano diversi secchi che vengono posizionati dal personale dell’Anm per raccogliere l’acqua piovana che cade dall’alto e arriva fino alla banchina. I secchi ormai sono...

La prima metro al mondo chiusa per umidità

La prima metro al mondo chiusa per umidità

Stop alla stazione Università fino al 15 ottobre. Pavimentazione da sostituire: “materiale non idoneo” A poco più di 11 anni dall’inaugurazione la stazione metropolitana di piazza Bovio necessita di 4 mesi di lavori per sostituire le “pregiate pavimentazioni” con un...

Una Cittadella universitaria da Oscar

Una Cittadella universitaria da Oscar

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: straordinario successo ai David di Donatello 2022 per i “Grandi Maestri” del Cinema dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Si può ormai definire una formazione accademica ‘da Oscar’ quella dell’Università Suor Orsola...

E ora il “branco” va in spiaggia…

E ora il “branco” va in spiaggia…

Non bastava la mala-movida. Ancora gravi i due minorenni accoltellati a Marechiaro. Il mare negato Non bastava la mala-movida notturna, adesso con l’arrivo della bella stagione c’è da fronteggiare anche la violenza collegata all’afflusso alle località balneari,...

Napoli, il futuro è da inventare

Napoli, il futuro è da inventare

Il terzo posto non può diventare il punto di arrivo per una società ambiziosa e per tifosi appassionati Sarà il Milan o l’Inter a fregiarsi del triangolino tricolore ai tifosi del Napoli interessa poco. La delusione, nonostante il terzo posto e la qualificazione...

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: ben 12 nomination ai “Grandi Maestri” dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Questa sera (diretta su Rai Uno dalle 21.25) negli studi di Cinecittà per la cerimonia di premiazione della 67esima edizione dei David di...

Lavoro, è il boom dell’archeologo tecnologico

Lavoro, è il boom dell’archeologo tecnologico

di Federico Marazzi * In Campania l’eccellenza della formazione è all’Università Suor Orsola Benincasa Immaginate di vedere per la strada un’auto d’epoca, esteticamente affascinante, capace di ottime performances, ma a prezzo di consumi di carburante decisamente...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te