Transizione digitale: le opportunità per Napoli e per il sud Italia

da | Giu 10, 2022 | Cronaca

In questi mesi si parla con sempre maggiore insistenza di transizione digitale, un obiettivo ambizioso per le realtà pubbliche e private che grazie alle nuove tecnologie possono migliorare l’efficienza dei servizi e creare nuove opportunità per utenti e cittadini in genere. Le risorse messe a disposizione proprio per questo scopo all’interno del PNRR rappresentano un’incredibile occasione per la città di Napoli e per l’intero sud Italia, che potrebbero ottenere non pochi vantaggi sfruttando al meglio queste somme. Vediamo come.

Che cosa si intende per “transizione digitale”

Il concetto di “transizione digitale” ha un significato piuttosto ampio, che può essere tuttavia riassunto nella necessità di sfruttare al meglio le tecnologie digitali per migliorare i servizi alla persona. Com’è facile immaginare, si tratta di un processo che può avere risvolti importantissimi anche nel settore pubblico, da sempre rallentato dalla burocrazia e da procedure farraginose che rendono complesse anche le operazioni più semplici.

È proprio in quest’ottica che la transizione digitale intesa come realizzazione di un’amministrazione aperta e adozione di servizi avanzati rappresenta un’enorme opportunità per l’Italia in genere e in particolare per il sud, notoriamente indietro per via di problemi strutturali di varia natura. L’efficienza dei servizi digitali è stata resa evidente in questi anni dalle tante esperienze diffusesi sul web in ambito privato, per esempio con le piattaforme di streaming audio e video come Spotify, Netflix o Prime Video, o quelle per la pratica di passatempi online come il blackjack, che hanno saputo raggiungere ampie fette di utenza grazie a proposte facilmente accessibili con i più moderni dispositivi fissi e mobili.

Attraverso investimenti mirati, le istituzioni possono in pratica sfruttare le potenzialità del digitale per migliorare l’accesso ai servizi e per avvicinare i cittadini agli enti, il tutto con l’obiettivo di trasformare radicalmente il rapporto nei diversi ambiti di applicazione: ecco dunque l’importanza del PNRR per la nostra area geografica.

Transizione digitale e PNRR: quali risorse in gioco

Il PNRR, Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, viene oggi considerato da più parti una delle più grandi opportunità di trasformazione e innovazione per il nostro Paese. I fondi messi a disposizione dalla Commissione Europea, infatti, se adeguatamente utilizzati, possono rappresentare un enorme passo in avanti verso la modernizzazione del Paese e il miglioramento delle infrastrutture a più livelli.

In particolare per ciò che riguarda la strategia Italia Digitale 2026, nel Piano vengono definite due macroaree di investimenti, legate alle infrastrutture digitali e reti, per garantire a tutti i cittadini l’accesso a internet veloce, e alla digitalizzazione della Pubblica Amministrazione, nell’ottica di rendere i servizi al cittadino più efficienti sotto ogni punto di vista.

Parliamo di oltre 13 milioni di euro che consentiranno di raggiungere obiettivi ambiziosi in un’ottica di modernizzazione complessiva del Paese, parte dei quali destinati proprio al Sud Italia.

Tecnologie digitali per la crescita del Sud

Gli investimenti in ottica digitale risultano essere oggi essenziali per puntare su una crescita reale del tessuto economico campano e meridionale, potendo le nuove tecnologie assicurare maggiore efficienza e accessibilità dei vari servizi. Come sottolineato anche dal sindaco di Napoli Manfredi, infatti, la transizione digitale non è solo un passo decisivo per migliorare i servizi ai cittadini, ma anche una spinta allo sviluppo economico del territorio proveniente dall’integrazione del lavoro di imprese, università ed enti pubblici.

Basta pensare alle opportunità lavorative che il digitale può creare attraverso la creazione di poli di produzione e ricerca avanzati, così come all’impatto che sempre le nuove tecnologie possono avere a livello turistico, mediante il potenziamento dei servizi di trasporto, la trasformazione urbana e la creazione di reti interconnesse che permettono l’interazione dei vari attori privati e pubblici.

Come dimostra l’esperienza quotidiana di ciascuno di noi, oggi è impossibile non pensare in digitale ed è per questo che le istituzioni devono lavorare rapidamente in questo senso, ottimizzando l’uso delle risorse provenienti dall’alto e inserendole in progetti di qualità che potranno portare l’intero meridione a uno sviluppo reale. Riuscirà il Mezzogiorno a raggiungere questi obiettivi o dovremo in futuro parlare di una nuova occasione sprecata?

 

Il “ballo della rosa”, galà di beneficenza dei Lions

Il “ballo della rosa”, galà di beneficenza dei Lions

Ogni anno prende sempre più corpo e si sta imponendo come uno dei più riusciti eventi napoletani di beneficenza. E’ il “ballo della rosa”, il gran galà di solidarietà organizzato dai Lions Club International e dai Lions Club Capri con la sua presidente Rita Colazza,...

Piazza San Giacomo, denunciato 23enne “curioso”

Piazza San Giacomo, denunciato 23enne “curioso”

Per curiosità. È questo il motivo per il quale un 23enne incensurato di Villaricca ha colpito un Carabiniere. Siamo a Piazza San Giacomo ed è in corso la manifestazione in occasione della “giornata mondiale del rifugiato”. Un migliaio di persone sono partite da piazza...

Dall’Ape sociale alla pensione di vecchiaia

Dall’Ape sociale alla pensione di vecchiaia

Lo Studio Rubinacci-Molaro spiega come avviene la conversione e tempi e modi per presentare la domanda Negli ultimi mesi si sono recati presso il nostro studio diversi pensionati titolari del beneficio dell’Ape sociale, che al momento della maturazione del diritto...

Napoli, capitale della cultura del Mediterraneo

Napoli, capitale della cultura del Mediterraneo

Il Mediterraneo avrà a rotazione una capitale della cultura. Lo annuncia il ministro della cultura Franceschini con la dichiarazione conclusiva della due giorni di summit che ha riunito per la prima volta a Napoli 30 ministri dell’area mediterranea e non solo. La...

Panni stesi nei vicoli, divieto  scongiurato

Panni stesi nei vicoli, divieto scongiurato

Non ci sarà nessuna ordinanza che vieterà i panni stesi. L’annuncio è del sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi in risposta al caso della bozza del regolamento di polizia urbana, nel quale, secondo indiscrezioni di stampa, sarebbe stato inserito il divieto di stendere i...

Il Comune a De Laurentiis: “Dia l’esempio e paghi”

Il Comune a De Laurentiis: “Dia l’esempio e paghi”

Il presidente della commissione Sport, Gennaro Esposito invita il patron azzurro a saldare i debiti per lo stadio Gennaro Esposito, presidente della Commissione Sport del Comune, chiede ad Adl di dare l’esempio ai cittadini. Intervistato da Calcio Napoli 24 Live, il...

I luoghi di interesse e i monumenti più belli di Napoli

I luoghi di interesse e i monumenti più belli di Napoli

Fondata nel VI secolo a.C. Napoli vanta una storia particolarmente antica ed è infatti tra le città più antiche del pianeta. Molti dei suoi monumenti storici sono impressionanti e ben conservati, tra cui la Basilica di San Francesco di Paola, il Palazzo Gravina e il...

Lotta ai due killer: il melanoma e l’inquinamento marino

Lotta ai due killer: il melanoma e l’inquinamento marino

Il progetto sarà presentato domani lunedì 6 giugno, alle 17,30, presso The Spark in piazza Borsa. Si tratta di un'iniziativa che si inserisce nella guerra al melanoma - il tumore killer della pelle - e all'inquinamento del mare. E' stata messa a punto da Marevivo e da...

Al Suor Orsola l’aula Ciriaco De Mita

Al Suor Orsola l’aula Ciriaco De Mita

Il rettore Lucio d’Alessandro ha subito annunciato un tributo concreto all’ex presidente del Consiglio che è stato tra i padri fondatori della Scuola di Alti Studi Politici dell’Ateneo napoletano Dal politico come medico al ragionamento sempre aperto al dubbio ed al...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te