Santo subito

da | Mag 31, 2022 | Calcio Napoli

Gioite amori, amorini e Cupidi. Abbiamo un santo in più che ci protegge e si espone all’umano sacrificio di sofferenze e critiche feroci come novello Salvatore. E’ lui, San Aurelio da Roma, cittadino del mondo ora innamorato perso di Partenope e dei suoi abitanti, incurante di frecce e cuppetielli scagliategli contro perché dedito a fare solo del bene per il suo Napoli e i dipendenti, gli allenatori e i tifosi su tutti. L’amore è una cosa meravigliosa, diceva la canzone, e la Sirena Partenope dopo tanti anni lo ha ammaliato a tal punto da decidere di viverci tre giorni a settimana dalla prossima stagione.

Il calcio è solo la scusa per vivere Partenope a tempo pieno come ha detto al suo allenatore e San Aurelio pensa sempre e solo al bene dei suoi protetti. Ieri l’ennesima conferma: ci ama e non vuole tradirci, neanche per un pallone: “Se dico ai tifosi che devo vincere lo scudetto a tutti i costi, significa che poi se non vinco faccio una figuraccia. Però qui si punta sempre al massimo e non devo illudere la gente e soprattutto non voglio creare pressioni su allenatori e giocatori”. Si sa, a Napoli la vita è una corrida quotidiana, ma lui stempera sempre i toni, è pacato, calma le acque agitate e ci cammina sopra novello Cristo per il bene del popolo azzurro. Che fa male a criticarlo…

Napoli e il Napoli, si cambia, si deve svoltare. L’anno vecchio è finito ormai, cantava Dalla, e qualcosa ancora qui non va. Ma Lui sa già come cambiare e trasformare in gioia i rimpianti e le critiche per la stagione appena finita. San Aurelio non ha rimpianti e tutti quanti, tifosi e non, stanno già aspettando con ansia il suo operato. Sarà un Napoli con un monte ingaggi ridotto, giovani a go go ma sempre forte e ogni campione che c’è, se vorrà, potrà fare ancora sentire la sua voce forte, a patto che voglia rimanere. E sarà finalmente il Napoli dell’allenatore: “Su Ospina e Fabian siamo alle solite, nessuno vuol mandare via nessuno, ma nessuno vuole fare follie per i giocatori. Ospina ha un contratto scaduto, l’ho incontro ed ho parlato chiaro, ho provato a richiamarlo in settimana e non ha risposto. Forse è in Nazionale. Su Fabian ho già incontrato lui e i suoi giocatori. Ho fatto loro una proposta ed ho parlato chiaro. Mi faranno sapere entro 15 giorni”.

O’ parla’ chiaro è degli amici, Aurelio è sicuramente un amico votato cristianamente al martirio anche su Mertens e Koulibaly. Soffre, ma filosoficamente si arrende al loro “libero arbitrio”; si può scegliere la strada del male e dei beni materiali piuttosto che perseguire il bene dell’amore e della fratellanza partenopea. Decidano loro: “Io li rispetto perché sono giocatori di grande standing e professionalità. Voglio loro bene ma dipende solo da loro vedere se la vile moneta li appaga da sola oppure se essere a Napoli e vivere in una condizione filosoficamente diversa in un contesto che non c’è altrove, lo considerano un privilegio… Altrimenti il problema non mi riguarda più”. Meraviglioso, il bene di un presidente, di un benefattore che ama tutti come fossero suoi figli. E li aspetta, fiducioso, come il padre attese il ritorno del figliol prodigo, per vivere in questa oasi di pace e serenità – in una condizione filosoficamente diversa – che è improvvisamente diventata Napoli e il Napoli. E lui, tra carezze e promesse di un Napoli sempre più forte, tra rinnovi di contratto dimezzati e rinforzi da inventare ha già aperto le porte al paradiso che sarà il futuro azzurro. Luciano Spalletti, seduto al suo fianco, sguardo basso e matita tra le mani girata e rigirata lentamente e nervosamente, taceva mentre un ghigno sottile si rivelava tra le labbra come a dire: Gli credete?

Ma come si fa a non credere ad un Santo che 18 anni fa ci tolse dalla m…. e che ora ci gravita su leggero e innamorato, donandoci tutto se stesso a piene mani, incurante di measmi e fetori che ancora ci appestano. Però “filosoficamente diversi”.

Dieci anni del Napoli femminile

Dieci anni del Napoli femminile

Una festa che meglio non poteva riuscire. I dieci anni del Napoli Femminile dalla prima promozione in A sono stati un tripudio di emozioni, ricordi, sfrenata allegria e anche calcio. Un evento organizzato con dovizia di particolari dal gruppo fondatore della società...

Napoli, l’aria è pesante

Napoli, l’aria è pesante

Giocatori che vanno via, altri che vogliono andar via, il futuro azzurro è tutto da inventare, e Spalletti… Insigne emigrato d’oro in Canada, Ospina che stacca il telefono che manco “piange”, ricordando una bella canzone di Domenico Modugno, Ciro Mertens che dal...

Procuratori? No, mediatori

Procuratori? No, mediatori

Scandalo infinito, impazza il calciomercato e crescono gli affari. Il coraggio di Iervolino che si è ribellato Le vicende quasi parallele del divorzio di Sabatini dalla Salernitana e della richiesta dei legali di Mertens (4 milioni netti più 800 mila euro di...

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

Presidente De Laurentiis ora basta! Adesso stai esagerando, continuando a prendere in giro un popolo di tifosi calorosi e appassionati che hai anestetizzato con le tue controverse esternazioni prive di senso. Anzi, a senso unico: il tuo. Hai sempre messo in cattiva...

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Lo scudetto potrebbe essere assegnato sul filo di lana e allora quanti rimpianti Noi non sappiamo come andrà a finire. Oggi il Napoli ha tre punti di distacco dal Milan e forse anche dall’Inter, se i nerazzurri dovessero vincere la partita che devono recuperare. Ci...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te