Al Suor Orsola l’aula Ciriaco De Mita

da | Mag 29, 2022 | Cronaca

Il rettore Lucio d’Alessandro ha subito annunciato un tributo concreto all’ex presidente del Consiglio che è stato tra i padri fondatori della Scuola di Alti Studi Politici dell’Ateneo napoletano

Dal politico come medico al ragionamento sempre aperto al dubbio ed al confronto: ecco i ricordi degli altri docenti e dei suoi alunni

Già dal nuovo anno accademico che inizierà in autunno i nostri studenti faranno lezione anche in un’aula intitolata all’ex presidente del Consiglio, Ciriaco De Mita, che nel nostro Ateneo è stato tra i padri fondatori della Scuola di Alti Studi Politici che ha animato per dieci lunghi anni lasciandoci una straordinaria testimonianza della metodologia della politica come ragionamento”. Così il Rettore dell’Università Suor Orsola Benincasa, Lucio d’Alessandro, ha annunciato sui canali social dell’Ateneo napoletano l’immediato tributo che la più antica libera Università italiana ha voluto dedicare all’ex presidente del consiglio appena scomparso.

L’intervento di De Mita applaudito da Mattarella Chiusura anno accademico Scuola di Alti Studi Politici 2015

Era il 2010 quando proprio Ciriaco De Mita e Lucio d’Alessandro fondarono in seno all’allora Facoltà di Scienze della Formazione una Scuola di Alti Studi Politici rivolta a cento giovani provenienti da qualsiasi corso di laurea. “Fu un grande successo – racconta d’Alessandro – che andò oltre anche il limite numerico che avevamo prefissato. Una testimonianza chiarissima da un lato di una passione politica che nel nostro Paese non ha mai avuto in maniera diffusa percorsi di alta formazione specifica e dall’altro della grande stima di cui godeva come pensatore prima ancora che politico il presidente De Mita soprattutto in un periodo come quello del 2010 in cui, a vent’anni dal terremoto che aveva travolto la Prima Repubblica, emergeva con chiarezza il fallimento del bipolarismo e il pericolo dei nuovi populismi e delle istituzioni affidate a chi ne aveva scarsa conoscenza”.

Uno dei momenti più ‘alti’ della Scuola di Politica del Suor Orsola, che ha visto in cattedra nell’Ateneo napoletano studiosi del livello di Ernesto Galli della Loggia, Stefano Zamagni, Piero Craveri, Giuseppe De Rita, Biagio De Giovanni, Francesco De Sanctis, Giuseppe Galasso, Francesco Paolo Casavola e tanti altri, fu l’intervento nel 2015 del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in una delle sue prime uscite accademiche durante il suo primo mandato. “Politica vuol dire realizzare come ci ha insegnato Alcide De Gasperi”, fu la sintesi degli interventi di quella giornata che si può rivedere sul canale You Tube del Suor Orsola (https://www.youtube.com/watch?v=KcnrkBBYk88). Una sintesi proprio della ‘lezione’ politica della lunga militanza nelle istituzioni di Ciriaco De Mita.

 

“Un Maestro capace di essere sempre anche un attento alunno”. Lo ricorda così lo storico Eugenio Capozzi, professore ordinario di Storia contemporanea al Suor Orsola. “Il Ciriaco De Mita che io e gli altri docenti coinvolti nella Scuola di Alti Studi Politici abbiamo conosciuto è stato innanzitutto un uomo desideroso di comprendere, ascoltare, confrontarsi, discutere instancabilmente e senza schemi prefissati con gli studiosi, mettendo a disposizione del dibattito storiografico, giuridico, filosofico la propria biografia politica, ma cercando di contestualizzarla in un orizzonte più ampio”.

Tantissimi giovani di tanti luoghi diversi della Campania accorrevano a Nusco per le lezioni della Scuola di Politica che si alternavano con quelle tenute nella sede centrale del Suor Orsola a Napoli. Lo ricorda il filosofo Gennaro Carillo, professore ordinario di Storia delle dottrine politiche al Suor Orsola. “Quel che mi ha sempre colpito del Ciriaco De Mita impegnato nella nostra Scuola di Politica – sottolinea Carillo – era la passione assoluta per il ragionamento. Per il problema, dunque per le domande anziché per le soluzioni. Non l’ho mai sentito asseverare, affermare perentoriamente, ma sempre avanzare dubbi. Tanto su questioni teoriche, quanto su ricostruzioni storiche. Le articolazioni complesse e i tempi lunghi del discorso di De Mita, la sua retorica così diversa anche da quella degli altri grandi democristiani oggi sarebbero impensabili, dal momento che il ragionamento non ha più corso legale tra gli attori della politica e da virtù è regredito a vizio, persino nella considerazione generale”.

Molti di quei giovani allievi erano ieri a Nusco al suo funerale, come racconta Mario Aurilia, allievo della primissima edizione della Scuola di Alti Studi politici del Suor Orsola ed oggi funzionario di una delle più importanti Centrali di committenza italiane. “De Mita considerava il politico come un medico – ricorda Aurilia – perché non è possibile garantire la salvezza, ma bisogna fare tutto il possibile per raggiungerla”. Sarà uno dei tanti insegnamenti che risuonerà per sempre nell’aula Ciriaco De Mita dell’Università Suor Orsola Benincasa.

Il “ballo della rosa”, galà di beneficenza dei Lions

Il “ballo della rosa”, galà di beneficenza dei Lions

Ogni anno prende sempre più corpo e si sta imponendo come uno dei più riusciti eventi napoletani di beneficenza. E’ il “ballo della rosa”, il gran galà di solidarietà organizzato dai Lions Club International e dai Lions Club Capri con la sua presidente Rita Colazza,...

Piazza San Giacomo, denunciato 23enne “curioso”

Piazza San Giacomo, denunciato 23enne “curioso”

Per curiosità. È questo il motivo per il quale un 23enne incensurato di Villaricca ha colpito un Carabiniere. Siamo a Piazza San Giacomo ed è in corso la manifestazione in occasione della “giornata mondiale del rifugiato”. Un migliaio di persone sono partite da piazza...

Dall’Ape sociale alla pensione di vecchiaia

Dall’Ape sociale alla pensione di vecchiaia

Lo Studio Rubinacci-Molaro spiega come avviene la conversione e tempi e modi per presentare la domanda Negli ultimi mesi si sono recati presso il nostro studio diversi pensionati titolari del beneficio dell’Ape sociale, che al momento della maturazione del diritto...

Napoli, capitale della cultura del Mediterraneo

Napoli, capitale della cultura del Mediterraneo

Il Mediterraneo avrà a rotazione una capitale della cultura. Lo annuncia il ministro della cultura Franceschini con la dichiarazione conclusiva della due giorni di summit che ha riunito per la prima volta a Napoli 30 ministri dell’area mediterranea e non solo. La...

Panni stesi nei vicoli, divieto  scongiurato

Panni stesi nei vicoli, divieto scongiurato

Non ci sarà nessuna ordinanza che vieterà i panni stesi. L’annuncio è del sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi in risposta al caso della bozza del regolamento di polizia urbana, nel quale, secondo indiscrezioni di stampa, sarebbe stato inserito il divieto di stendere i...

Il Comune a De Laurentiis: “Dia l’esempio e paghi”

Il Comune a De Laurentiis: “Dia l’esempio e paghi”

Il presidente della commissione Sport, Gennaro Esposito invita il patron azzurro a saldare i debiti per lo stadio Gennaro Esposito, presidente della Commissione Sport del Comune, chiede ad Adl di dare l’esempio ai cittadini. Intervistato da Calcio Napoli 24 Live, il...

I luoghi di interesse e i monumenti più belli di Napoli

I luoghi di interesse e i monumenti più belli di Napoli

Fondata nel VI secolo a.C. Napoli vanta una storia particolarmente antica ed è infatti tra le città più antiche del pianeta. Molti dei suoi monumenti storici sono impressionanti e ben conservati, tra cui la Basilica di San Francesco di Paola, il Palazzo Gravina e il...

Lotta ai due killer: il melanoma e l’inquinamento marino

Lotta ai due killer: il melanoma e l’inquinamento marino

Il progetto sarà presentato domani lunedì 6 giugno, alle 17,30, presso The Spark in piazza Borsa. Si tratta di un'iniziativa che si inserisce nella guerra al melanoma - il tumore killer della pelle - e all'inquinamento del mare. E' stata messa a punto da Marevivo e da...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te