Sotterriamo la bontà di questo campionato. E Spalletti si arrabbi pure

da | Mag 21, 2022 | Primo piano

Un suggerimento a tecnico e presidente: si mettano in silenzio stampa permanente

Se invece di essere giornalisti fossimo tifosi dovremmo augurarci, per il bene del Napoli, che De Laurentiis e Spalletti scelgano permanentemente e definitivamente il silenzio stampa. I danni che stanno procurando alla tranquillità dell’ambiente con le ultime uscite sono diventati incalcolabili.

Prendiamo Spalletti. Aveva appena finito di ammettere di aver detto delle “bischerate”, che immemore, è tornato alla carica, subito dopo. “Se si sotterra la bontà di questo campionato, mi arrabbio”. E dai, è mai possibile che continui, più testardo di un mulo, a difendere l’indifendibile? Il Napoli ha raggiunto il piazzamento Champions, è vero. Ma non frega a nessuno, tranne che a De Laurentiis e al suo portafoglio. Il Napoli ha buttato al vento uno scudetto in tre partite, e nessuno ci ha spiegato perché. Così come nessuno ha spiegato perché l’anno scorso si pareggiò l’ultima decisiva in casa con il Verona. Se non si capiranno questi due momenti, (altro che dimenticare Verona!) l’anno prossimo si correrà il rischio di fare il tris. Chiaro?
Spalletti lo conoscevamo. Nulla di nuovo. Ha infilato uno strike iniziale di otto vittorie e su quell’abbrivo ha campato di rendita. Poi, come sempre gli è accaduto, quando le cose sono cominciate a girare per il verso storto, ha perso tranquillità, calma, lucidità. E nel momento topico è venuto meno. Son venuti a galla tutti i suoi limiti, conclamati: permalosità, arroganza, incapacità di analizzare con raziocinio i fatti accaduti.
Se lo vogliamo giudicare in assoluto, dal suo punto di vista, ha forse anche qualche ragione nel sostenere che lui il suo l’ha fatto. Gli era stato chiesto di approdare in Champions. Risultato conseguito. Fino ad un certo punto, però. Perché se c’è stato qualcuno che ha parlato di scudetto questi è stato proprio Spalletti. L’unico che ha detto di crederci, ha persino commentato: “Una prospettiva così quando mi capiterà più!”. Ci credeva eccome.
Ma il calcio, caro Spalletti (e caro De Laurentiis) non è solo, anzi non lo è affatto, competizione in cui ci si possa limitare al rispetto dei piani contrattuali. Il calcio è passione e, al di là di chi investe i soldi, vive attraverso una componente essenziale, la tifoseria. E se ai tifosi dai l’illusione di poter lottare per la vittoria finale, che è la sola cosa cui tengano (vincere la Champions non è nelle possibilità del Napoli) e il successo ti sfugge per una serie di circostanze ancor oggi assurde (otto punti persi in tre partite, di cui due al Maradona), non puoi trincerarti dietro l’alibi dell’obiettivo finale raggiunto.
Il Napoli, per colpe attribuibili in gran parte ai suoi calciatori, ha sciupato uno scudetto. E quest’anno si era creata una condizione irripetibile, visto che la vincitrice se lo aggiudicherà con il bottino più basso degli ultimi quindici anni. Come andrà a finire ora con Spalletti che provoca scossoni nell’ambiente, che attacca i giornalisti, non si può prevedere. Una mina vagante, al di là del buonismo di maniera affiorato dopo le inutili ultime vittorie in campionato. Per ora presidente e tecnico hanno siglato un armistizio. Quanto durerà?
Spalletti si lamenta perché sostiene che quando è arrivato ha trovato non contestazione, ma indifferenza. È vero, c’erano le macerie di Gattuso, il mistero mai chiarito del pareggio con il Verona. Spalletti s’è messo al lavoro nell’indifferenza, confermiamo. Ma che cosa ha risolto? Gli stessi punti di Gattuso e tre misteri irrisolti invece di uno. E c’era bisogno di Spalletti per fare gli stessi punti di Ringhio e per ampliare ancor di più il mistero?

Quel che è certo è che Spalletti non sarà ricordato per aver riportato il Napoli in Champions, ma perché con le sue decisioni strampalate (vedi cambi assurdi, insistenza su due “cadaveri” a centrocampo e ostracismo a Mertens e Demme) e con il suo non voler affrontare e risolvere la questione del “male oscuro” che sistematicamente si presenta quando c’è da fare il salto di qualità, ha contribuito a sprecare uno scudetto, mai così vicino, nemmeno nell’anno dei 91 punti finali con Sarri.
Certo anche De Laurentiis ha la sua parte di responsabilità. Ecco perché parlavamo di auspicabile silenzio stampa. Dopo la sconfitta di Empoli ne ha dette di tutti i colori, e ne ha fatte di tutti i colori. La storia del ritiro ritirato e delle “cene terapeutiche” resterà negli annali del Napoli. Una barzelletta, una brutta figura cosmica. Per non parlare delle scorie, al momento solo assopite, provocate dalle affermazioni sul tecnico che non ha casa e famiglia a Napoli. Benitez, Mazzarri e Sarri non avevano casa né famiglia eppure hanno fatto bene, se non benissimo. L’unico che ce l’aveva, con moglie, figli e nipoti al seguito era Ancelotti. Ed è finita come è finita.

 

Errore medico: quando c’è il risarcimento

Errore medico: quando c’è il risarcimento

Lo Studio Rubinacci-Molaro spiega la normativa che regola la responsabilità sanitaria Con l’articolo di oggi lo Studio legale degli avvocati Giovanni Rubinacci ed Andrea Molaro, si occupa della tematica del risarcimento del danno derivante dall’errore del medico...

Una Coach in soccorso delle donne

Una Coach in soccorso delle donne

Victoria Logacheva ha coniugato la sua inclinazione per l’ascolto e l’aiuto agli altri con il lavoro Felicemente sposata, madre di due bambini di 1 e 4 anni, Victoria Logacheva ha da sempre notato di avere una particolare inclinazione per l’ascolto attivo e di essere...

Gli errori di Spalletti cominciano ad essere troppi

Gli errori di Spalletti cominciano ad essere troppi

Gli azzurri fuori dalle Coppe e l'allenatore insiste con moduli e cambi sbagliati Questi allenatori sono davvero strani. E se non proprio tutti almeno lo sono una buona parte di essi. Prendiamo Spalletti. Un amore a prima vista con De Laurentiis (ma il presidente non...

A Spalletti servono gli insostituibili

A Spalletti servono gli insostituibili

Campionato: nelle ultime dodici gare per il Napoli sarà importante avere la rosa al completo L’ultimo turno, spalmato tra il venerdì ed il lunedì, ci ha regalato una sorpresa al giorno: venerdì sera la Juve che con il pareggio nel derby dà l’addio alla corsa scudetto,...

Piazza Garibaldi, regna il degrado

Piazza Garibaldi, regna il degrado

Già scomparsi gli effetti positivi del restyling: ovunque illegalità, incuria ed abbandono Le macerie di dieci anni di amministrazione de Magistris sono rinvenibili facilmente in tutta la città. Ma il degrado, che per onestà intellettuale, dobbiamo ammetterlo,...

Le conquiste “rosa” a doppio taglio

Le conquiste “rosa” a doppio taglio

Ancora non siamo usciti dal flagello della pandemia (dovrebbe cessare il 31 marzo lo stato di emergenza) e già sentiamo parlare di guerra, la questione Ucraina… Crisi che hanno gravato e gravano soprattutto sulle donne - storicamente deputate alle funzioni di...

Riapre la chiesa di Portosalvo

Riapre la chiesa di Portosalvo

Odissea verso la conclusione: l’evento in primavera. Visita “segreta” del cardinale Finalmente verso una conclusione positiva la tormentata vicenda della cinquecentesca chiesa di Santa Maria di Portosalvo: la chiesetta “dei marinai”, a due passi dal Porto...

Un lungomare non liberato

Un lungomare non liberato

Manfredi ha deciso: sarà portato a termine il vecchio progetto di De Magistris. Un’occasione sprecata De Magistris ai tempi d’oro della bandana lo aveva innalzato a simbolo della sua rivoluzione. All’improvviso, dalla mattina alla sera, chiuse al traffico via...

Monumentale off limits, zona pericolosa

Monumentale off limits, zona pericolosa

Dopo il crollo del 5 gennaio ampliata l’area del sequestro. Salme esposte alle intemperie Morti ancora senza nome, strazio dei familiari e cimitero ancora off limits in conseguenza del crollo del 5 gennaio. Slitta a data da destinarsi la riapertura del cimitero...

Maresca: “Scelgo l’impegno”

Maresca: “Scelgo l’impegno”

L’ex candidato sindaco a capo dell’opposizione è da poco tornato a rivestire anche il ruolo di giudice Dopo la sconfitta alle amministrative di Napoli il magistrato Catello Maresca è da poco rientrato in servizio con funzione di giudice di Corte d’Appello a...

Da gennaio inizia lo sprint finale

Da gennaio inizia lo sprint finale

Le due ultime partite di andata contro Milan e Spezia possono rilanciare gli azzurri in vista del ritorno Dopo 17 giornate l’attuale classifica del massimo campionato crea non poco disagio e scompiglio nella testa di coloro che, addetti ai lavori, giornalisti e...

Filiali chiuse, disagi per i correntisti

Filiali chiuse, disagi per i correntisti

Ridotte le sedi di Intesa San Paolo. Difficile anche “raggiungere” le postazioni per i prelievi di contante “La banca” ormai è distante e prelevare soldi col bancomat è diventata una impresa, con maggior rischio - rientrando verso casa - di essere rapinati. Una...

“Sbagliato rimuovere le luminarie al Vomero”

“Sbagliato rimuovere le luminarie al Vomero”

A colloquio con Nino Simeone, presidente della Commissione che dovrà occuparsi anche dell’arredo urbano È un figlio d’arte, il padre, Carmine Simeone è stato a lungo protagonista della vita politica cittadina tra le fila del partito socialista. Nino Simeone ha...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te