Napoli Genoa: 3-0 nell’ultima di Insigne al Maradona

da | Mag 15, 2022 | Calcio Napoli, InEvidenza

Napoli Genoa: 3-0 nell’ultima di Insigne al Maradona, tra le lacrime di emozioni per l’addio del folletto azzurro, il Napoli da una spallata al grifone seconda squadra a retrocedere in serie B.

Napoli Genoa – Si comincia con il commovente saluto ad un figlio di Napoli, nella sua ultima partita al Maradona prima di partire per “la casetta in Canada”, tutto lo stadio gli riserva un commovente saluto, le due curve espongono due striscioni che recitano: in curva B “la tua maglia piĂą di tutte pesava perchè era di chi veramente l’amava tu l’hai indossata con estro orgoglio e dignitĂ  da fiero figlio di questa cittĂ ” curva A “hai conquistato meno di quanto tu abbia sognato spesso offeso e poco considerato”. Insigne conclude il saluto leggendo una lettere da lui stesso scritta, lacrime e tanta commozione fanno da cornice ad una standing ovation tutta per il 24 azzurro.

Dopo la parentesi dedicata ad Insigne, occhi al campo, il Genoa scende in campo al Maradona con un solo risultato disponibile per continuare ad avere una piccoissima speranza di salvezza, infatti ai grifoni in caso di sconfitta la matematica li condannerebbe alla matematica retrocessione. E’ partita vera in campo, le due squadre si affontano a viso aperto e su ogni palla c’è un contrasto duro. Ad andare piĂą vicini al vantaggio sono gli ospiti che, al 13esimo grazie a Yeboah, colpiscono la traversa con Ospina ormai battuto. La risposta è del capitano azzurro, poco prima della mezz’ora, scambio con Mertens che libera proprio Insigne il quale prova il tiro a giro ma la sfera finisce di poco alta. Il Napoli si porta in vantaggio poco dopo la mezz’ora di gioco, a firmare il gol è Osimhen che a due passi da Sirigu colpisce di testa un bel cross al bacio di Di Lorenzo. Dopo il gol gli azzurri si divertono con il giro palla, sfiorano a piĂą riprese il gol del raddoppio chiudendo il grifone nella propria metĂ  campo. All’intervallo è 1-0.

Secondo tempo dialla stessa intensitĂ  del primo, gli azzurri prendo il pallino del gioco, troppa la differenza tecnica tra le due compagini in campo, nonostante tutto il Genoa quando può cerca di pungere il Napoli, ogni attacco però risulta essere sterile e non pericoloso per la porta difesa da Ospina. Il raddoppio azzurro arriva al minuto 65, Insigne trasforma un calcio di rigore precedentemente sbagliato ma fatto ripetere da Fabbri a causa dell’ingresso in area prima della battuta proprio di Di Lorenzo, il piĂą lesto a raccogliere la sfera finita sul palo e scaraventandola in rete. Terza rete del Napoli al minuto 81, la firma è di Lobotka, inserito da Spalletti pochi minuti prima, il connazionale di Hamsik ricevepalla a centrocampo e si invola verso la porta,  arrivato al limite dell’area esplode un destro che si insacca alla destra di Sirigu. 5 minujti piĂą tardi finisce l’era di Lorenzo Insigne al Maradona, nuova e ultima standing ovation per il capitano che saluta la sua gente abbandonando per l’ultima volta il manto dell’impianto di Fuorigrotta. Il match finisce senza recupero.

 

 

Dieci anni del Napoli femminile

Dieci anni del Napoli femminile

Una festa che meglio non poteva riuscire. I dieci anni del Napoli Femminile dalla prima promozione in A sono stati un tripudio di emozioni, ricordi, sfrenata allegria e anche calcio. Un evento organizzato con dovizia di particolari dal gruppo fondatore della societĂ ...

La prima metro al mondo chiusa per umiditĂ 

La prima metro al mondo chiusa per umiditĂ 

Stop alla stazione Università fino al 15 ottobre. Pavimentazione da sostituire: “materiale non idoneo” A poco più di 11 anni dall’inaugurazione la stazione metropolitana di piazza Bovio necessita di 4 mesi di lavori per sostituire le “pregiate pavimentazioni” con un...

Napoli, l’aria è pesante

Napoli, l’aria è pesante

Giocatori che vanno via, altri che vogliono andar via, il futuro azzurro è tutto da inventare, e Spalletti… Insigne emigrato d’oro in Canada, Ospina che stacca il telefono che manco “piange”, ricordando una bella canzone di Domenico Modugno, Ciro Mertens che dal...

Procuratori? No, mediatori

Procuratori? No, mediatori

Scandalo infinito, impazza il calciomercato e crescono gli affari. Il coraggio di Iervolino che si è ribellato Le vicende quasi parallele del divorzio di Sabatini dalla Salernitana e della richiesta dei legali di Mertens (4 milioni netti più 800 mila euro di...

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

Presidente De Laurentiis ora basta! Adesso stai esagerando, continuando a prendere in giro un popolo di tifosi calorosi e appassionati che hai anestetizzato con le tue controverse esternazioni prive di senso. Anzi, a senso unico: il tuo. Hai sempre messo in cattiva...

Santo subito

Santo subito

Gioite amori, amorini e Cupidi. Abbiamo un santo in piĂą che ci protegge e si espone all'umano sacrificio di sofferenze e critiche feroci come novello Salvatore. E' lui, San Aurelio da Roma, cittadino del mondo ora innamorato perso di Partenope e dei suoi abitanti,...

De Luca trasforma in positivi i primati negativi della regione

De Luca trasforma in positivi i primati negativi della regione

De Luca, dopo un periodo di “appannamento mediatico” sta tornando al proscenio con tutta la sua carica comunicativa. E lo fa, per non smentirsi, nel bene e nel male. Replica, ad esempio, alla stravagante inchiesta della Procura di Napoli sugli appalti durante la prima...

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Lo scudetto potrebbe essere assegnato sul filo di lana e allora quanti rimpianti Noi non sappiamo come andrà a finire. Oggi il Napoli ha tre punti di distacco dal Milan e forse anche dall’Inter, se i nerazzurri dovessero vincere la partita che devono recuperare. Ci...

Manfredi hai voluto la bicicletta? Ora pedala

Manfredi hai voluto la bicicletta? Ora pedala

Al sindaco il compito di ben sfruttare i soldi del patto per Napoli. E di darsi una svegliata La pompa è stata davvero magna. Sembrava che il miliardo e duecento milioni di euro consegnati virtualmente da Draghi a Manfredi (nella foto) fossero un grazioso regalo del...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te