Napoli, presentato il garante dei beni Culturali per la città: “Collaboreremo con tutti i cittadini”

da | Mag 5, 2022 | Cronaca

Ieri mattina si è tenuta la conferenza stampa di presentazione in consiglio regionale alla comunità del Garante dei Beni culturali e del Paesaggio. È intervenuto il professor Giulio Pane (nuovo Garante): “È una novità assoluta questa iniziativa! Bisogna riportare al centro la cultura in senso stretto. Ufficializzato il decalogo del Garante, i cui punti fondamentali riportano al centro la consapevolezza vera del cittadino, oltre che la sua collaborazione attiva. Il cittadino deve sapere tutto della sua città, anche semplicemente quella di ritornare a chiamare il Maschio Angioino con il suo vero e storico nome di “Castel Nuovo”. Il nostro intento è quello di stimolare la pubblica amministrazione e se necessario perseguirne le inadempienze ed i ritardi della pubblica amministrazione. Se la popolazione di questa città non riesce a riappropriarsi di un ruolo serio, allora ahimè siamo pronti a perdere non solo con la camorra, ma con tutti quei poteri che vogliono appropriarsi di questa meravigliosa terra”.
Il difensore civico, l’avvocato Giuseppe Fortunato, ha recepito l’istanza dei cittadini ed è intervenuto alla creazione del Garante: “Il Garante è il diretto rappresentante del cittadino, deve promuovere le sue istanze e le proposte delle associazioni; il tutto mediando con le istituzioni per fare finalmente sistema. Le competenze restano delle amministrazioni pubbliche che hanno il dovere di accogliere le nostre istanze”.
Intervenuta anche la consigliera Muscarà: “Il cittadino è l’unico proprietario del bene della città, per questo spingiamo per un dossier di criticità sulle situazioni attuali, per il decalogo illustrato dal prof. Pane, e l’attivazione del piano di gestione del centro storico Unesco, vecchio ormai di anni”.
Antonio Pariante, promotore di tale iniziativa: “Noi siamo arrivati a questo risultato perché costretti, 500 milioni di fondi europei bruciati in 27 anni”.
Il dr. Luigi Grosso ha sottolineato di come lo spirito sia quello di essere disperatamente ottimisti, pur essendo ovvio che la cultura non sia percepita nella sua vera sostanza, ed è per questo che tale figura va fortemente istituita.
Ha chiuso l’intervento anche l’avv. Gaetano Brancaccio, componente dello Staff del Garante: “Bisogna collaborare mediante la creazione di un tavolo d’interconnessione digitale tra gli enti preposti alla tutela, e l’istaurazione di una rete diffusa di infopoint per turisti e cittadini attraverso sigle storiche del commercio; chiederemo inoltre di sfruttare la digitalizzazione pubblicitaria per promuovere la città”.
L’ufficio del Garante è costituito presso la sede del difensore civico della Regione Campania.
l’Email del Garante: garante.beniculturali@gmail.com
Campania, obbligo di mascherine sui luoghi di lavoro

Campania, obbligo di mascherine sui luoghi di lavoro

Con provvedimento in corso di pubblicazione, il Presidente della Regione Campania  ha richiamato tutti i datori di lavoro, pubblico e privato, all'osservanza delle norme di prevenzione sanitaria, in particolare riferite all'uso delle mascherine. Sulla base di quanto...

Vomero, aggrediscono un rider vicino al McDonald’s

Vomero, aggrediscono un rider vicino al McDonald’s

Nella serata di martedì i Carabinieri della compagnia Vomero vengono allertati per un giovane ferito presso il McDonald?s di via Giovanni Merliani. Dai primi accertamenti ancora in corso pare che un 19enne rider, verso le 20:30, sia stato accerchiato da un gruppo di...

Torre Annunziata, incendiato il manifesto per Maurizio Cerrato

Torre Annunziata, incendiato il manifesto per Maurizio Cerrato

Nei giorni scorsi una gazzella della sezione  radiomobile della compagnia di Torre Annunziata era impegnata in un servizio alto impatto disposto dalla locale compagnia. La pattuglia mentre stava percorrendo  viale Pastore Raffaele ha notato che ignoti - non si sa...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te