“Dieci racconti di Sla”: la lotta per la vita di Raffaele Tripodi, il guerriero di Monte di Dio

da | Apr 30, 2022 | Cultura&Spettacolo, InEvidenza, Primo piano

La vita oltre la morte. A quattro anni dalla scomparsa dopo una lunga lotta contro la sclerosi laterale amiotrofica,  Raffaele Tripodi  – il fisico napoletano già autore del romanzo “Tuxedo” – continua a parlarci di sé, grazie al ritrovamento di alcuni suoi manoscritti, appena pubblicati dalla casa editrice Ad Est dell’Equatore. Il libro, dal titolo “Dieci racconti di Sla”, con prefazione di Maurizio De Giovanni, sarà presentato sabato  7 maggio alle ore 11 nel complesso monumentale di Santa Maria La Nova (piazza Santa Maria La Nova  44). Nel ricordo dell’autore,  ne discuteranno Giuseppe Reale (presidente di Oltre il Chiostro onlus),  Carlo Ziviello (Ad Est dell’Equatore),  Giacomo Tripodi (emerito di Botanica). Condurrà Chiara Del Gaudio (giornalista di Rai Uno mattina). Letture di Marco Mario de Notaris.

Raffaele era piuttosto  noto in città, per avere animato le occupazioni studentesche dei primi anni Novanta, nonché organizzatore di performance musicali e video-artistiche nei circuiti underground. Poi nel  Duemila, a 25 anni, l’inizio della malattia degenerativa  che colpisce le cellule cerebrali preposte al controllo dei muscoli ma non lede le capacità intellettive; e che in Raffaele non spense la volontà di inseguire i propri sogni…  Dalla sua stanzetta a Monte di Dio, il giovane comunicava col mondo utilizzando uno speciale computer tramite un puntatore a raggi infrarossi.  Nel 2015 l’esordio letterario con “Tuxedo”, un romanzo distopico che rifletteva le inquietudini del nostro tempo.  Nel 2017 cessò di vivere, a 42 anni, senza essersi mai arreso alla malattia (la stessa del fisico inglese Stephen Hawking).  Poi la scoperta dei manoscritti da parte del padre, Armando, biologo, già dirigente in Direzione scientifica del Pascale.  E la decisione di pubblicarli. La stampa del volumetto – già acquistabile anche su Amazon e altri siti online – è stata possibile grazie a un crowdfunding.

I “Dieci racconti di Sla” sono testimonianza senza precedenti di una battaglia epica, nella consapevolezza di un destino già segnato, inevitabile. I primi sintomi; gli accertamenti medici (spesso dolorosi); la diagnosi. Il graduale declino delle funzioni e la necessità di rimodulare la propria vita, rapporti, abitudini. Il calore degli amici; l’amore…

 Frammenti crudi di un vissuto che sarebbe stato altrimenti inaccessibile.

 Episodi struggenti, cinici, a tratti persino divertenti (sull’onda di una fierezza che non cedeva  a tentazioni di  autocommiserazione).  Scritti segnati da una forte carica emotiva che genera empatia con il lettore, dando voce ai tanti che vivono il dramma della Sla senza avere le medesime capacità /possibilità  di “comunicare”  le proprie sensazioni.  Un testo  che sarebbe utile anche a medici e operatori sanitari  per comprendere meglio  – dal punto di vista del malato – certe situazioni. Questo libro postumo di Raffaele Tripodi, lo scrittore cyber punk, è un dono per tanti. La traccia che ha lasciato, è essere se stesso fino in fondo.

Lavoro, è il boom dell’archeologo tecnologico

Lavoro, è il boom dell’archeologo tecnologico

di Federico Marazzi * In Campania l’eccellenza della formazione è all’Università Suor Orsola Benincasa Immaginate di vedere per la strada un’auto d’epoca, esteticamente affascinante, capace di ottime performances, ma a prezzo di consumi di carburante decisamente...

Come tutelare il nostro “oro blu”

Come tutelare il nostro “oro blu”

Iniziativa per la candidatura Unesco delle acque sorgive del Golfo a “patrimonio dell'Umanità”. I dati, le ipotesi “Facile aprire il rubinetto ed avere a disposizione una delle acque più pregiate, più controllate d’Italia. Ma ciò richiede un grosso sforzo tecnico, una...

Calcio, l’Italia s’è persa

Calcio, l’Italia s’è persa

Come ripartire dopo la delusione della Nazionale Riparte il campionato e sarà volata tutta d’un fiato fino al 22 maggio quando conosceremo l’esito del torneo più incerto ed emozionante da 10 stagioni a questa parte. Si riparte con gare importantissime ai fini della...

Arte e solidarietà con Noi per Napoli

Arte e solidarietà con Noi per Napoli

L’associazione culturale organizza e promuove anche iniziative sociali a favore dei bisognosi L’associazione culturale Noi per Napoli, con i suoi artisti e rappresentanti il soprano Olga De Maio ed il tenore Luca Lupoli, ispirata sempre ai principi e finalità...

La figuraccia di Milano e l’esempio di Napoli

La figuraccia di Milano e l’esempio di Napoli

Il direttore d’orchestra russo Valery Gergiev cacciato dalla Scala di Milano solo perché non ha accettato l’imposizione di dire due parole contro Putin e contro la sua guerra prima di un’esibizione. Un corso sul grande scrittore russo Fedor Dostoevskij annullato alla...

La stazione che fa acqua da tutte le parti

La stazione che fa acqua da tutte le parti

Metropolitana, Salvator Rosa tra secchi di plastica e “portoghesi”. Una vergogna continua Il battagliero consigliere comunale Nino Simeone ne ha fatto, giustamente, un caso. Non si è mai visto, da nessuna parte al mondo, che per collaudare treni nuovi da immettere in...

Manfredi hai voluto la bicicletta? Ora pedala

Manfredi hai voluto la bicicletta? Ora pedala

Al sindaco il compito di ben sfruttare i soldi del patto per Napoli. E di darsi una svegliata La pompa è stata davvero magna. Sembrava che il miliardo e duecento milioni di euro consegnati virtualmente da Draghi a Manfredi (nella foto) fossero un grazioso regalo del...

Napoli, via Domenico Fontana: residenti in pericolo

Napoli, via Domenico Fontana: residenti in pericolo

È da venerdì 18 marzo che in via Domenico Fontana, all’altezza del civico 115, tra l’ingresso pedonale della Parrocchia di Santa Maria Antesaecula e l’accesso alto del Parco Montedonzelli, staziona un “senza fissa dimora”. Per quanto commossi dal senso di Pietas e dal...

Napoli, meno ansia

Napoli, meno ansia

Gli azzurri “tradiscono” quando aumenta la pressione Diciamolo francamente: a Napoli ce la suoniamo e ce la cantiamo come vogliamo a seconda dello spirare del vento, soprattutto quando l’oggetto o il sogno delle nostre fantasie, viene meno ribellandosi a etichette,...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te