“Dieci racconti di Sla”: la lotta per la vita di Raffaele Tripodi, il guerriero di Monte di Dio

da | Apr 30, 2022 | Cultura&Spettacolo, InEvidenza, Primo piano

La vita oltre la morte. A quattro anni dalla scomparsa dopo una lunga lotta contro la sclerosi laterale amiotrofica,  Raffaele Tripodi  – il fisico napoletano già autore del romanzo “Tuxedo” – continua a parlarci di sé, grazie al ritrovamento di alcuni suoi manoscritti, appena pubblicati dalla casa editrice Ad Est dell’Equatore. Il libro, dal titolo “Dieci racconti di Sla”, con prefazione di Maurizio De Giovanni, sarà presentato sabato  7 maggio alle ore 11 nel complesso monumentale di Santa Maria La Nova (piazza Santa Maria La Nova  44). Nel ricordo dell’autore,  ne discuteranno Giuseppe Reale (presidente di Oltre il Chiostro onlus),  Carlo Ziviello (Ad Est dell’Equatore),  Giacomo Tripodi (emerito di Botanica). Condurrà Chiara Del Gaudio (giornalista di Rai Uno mattina). Letture di Marco Mario de Notaris.

Raffaele era piuttosto  noto in città, per avere animato le occupazioni studentesche dei primi anni Novanta, nonché organizzatore di performance musicali e video-artistiche nei circuiti underground. Poi nel  Duemila, a 25 anni, l’inizio della malattia degenerativa  che colpisce le cellule cerebrali preposte al controllo dei muscoli ma non lede le capacità intellettive; e che in Raffaele non spense la volontà di inseguire i propri sogni…  Dalla sua stanzetta a Monte di Dio, il giovane comunicava col mondo utilizzando uno speciale computer tramite un puntatore a raggi infrarossi.  Nel 2015 l’esordio letterario con “Tuxedo”, un romanzo distopico che rifletteva le inquietudini del nostro tempo.  Nel 2017 cessò di vivere, a 42 anni, senza essersi mai arreso alla malattia (la stessa del fisico inglese Stephen Hawking).  Poi la scoperta dei manoscritti da parte del padre, Armando, biologo, già dirigente in Direzione scientifica del Pascale.  E la decisione di pubblicarli. La stampa del volumetto – già acquistabile anche su Amazon e altri siti online – è stata possibile grazie a un crowdfunding.

I “Dieci racconti di Sla” sono testimonianza senza precedenti di una battaglia epica, nella consapevolezza di un destino già segnato, inevitabile. I primi sintomi; gli accertamenti medici (spesso dolorosi); la diagnosi. Il graduale declino delle funzioni e la necessità di rimodulare la propria vita, rapporti, abitudini. Il calore degli amici; l’amore…

 Frammenti crudi di un vissuto che sarebbe stato altrimenti inaccessibile.

 Episodi struggenti, cinici, a tratti persino divertenti (sull’onda di una fierezza che non cedeva  a tentazioni di  autocommiserazione).  Scritti segnati da una forte carica emotiva che genera empatia con il lettore, dando voce ai tanti che vivono il dramma della Sla senza avere le medesime capacità /possibilità  di “comunicare”  le proprie sensazioni.  Un testo  che sarebbe utile anche a medici e operatori sanitari  per comprendere meglio  – dal punto di vista del malato – certe situazioni. Questo libro postumo di Raffaele Tripodi, lo scrittore cyber punk, è un dono per tanti. La traccia che ha lasciato, è essere se stesso fino in fondo.

Mariani secondo atto. Focus sui clan vesuviani

Mariani secondo atto. Focus sui clan vesuviani

È passato solo un anno dal debutto di Giovanni Taranto, con “La fiamma spezzata”. Ed eccolo ora riproporsi con un nuovo romanzo, sullo stesso tema, intrighi ed affari della criminalità organizzata vesuviana al vaglio di un investigatore serio e determinato. Siamo...

Suor Orsola parla le “lingue” del lavoro

Suor Orsola parla le “lingue” del lavoro

di Giovanni Basile Innovazione didattica e placement dei laureati: la soddisfazione degli studenti dell’Ateneo napoletano La laurea conseguita all’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli risulta più efficace del 15% rispetto alla media nazionale. È quanto emerge...

Freud’s Bones, la psicoanalisi in un gioco

Freud’s Bones, la psicoanalisi in un gioco

La geniale intuizione di Fortuna Imperatore, game designer napoletana laureata in Psicologia A chi poteva venire in mente l’idea di creare un videogioco che avesse per protagonisti Freud e la psicoanalisi? O a un matto o ad un genio, ma sicuramente con l’inventiva e...

Applausi per il duo Mosca-Corcione

Applausi per il duo Mosca-Corcione

Grande successo per il concerto di musica classica “Note di pace” a Casavatore Grande successo di partecipazione e di pubblico per il concerto di musica classica per violino e pianoforte tenutosi presso la parrocchia di Gesù Cristo lavoratore a Casavatore, intitolato...

E a Salvator Rosa i secchi ormai sono “decori”

E a Salvator Rosa i secchi ormai sono “decori”

Non appena piove a Napoli, nella stazione Salvator Rosa della Linea 1 della metropolitana, spuntano diversi secchi che vengono posizionati dal personale dell’Anm per raccogliere l’acqua piovana che cade dall’alto e arriva fino alla banchina. I secchi ormai sono...

La prima metro al mondo chiusa per umidità

La prima metro al mondo chiusa per umidità

Stop alla stazione Università fino al 15 ottobre. Pavimentazione da sostituire: “materiale non idoneo” A poco più di 11 anni dall’inaugurazione la stazione metropolitana di piazza Bovio necessita di 4 mesi di lavori per sostituire le “pregiate pavimentazioni” con un...

Napoli e la “deriva americana”

Napoli e la “deriva americana”

Finora esente dagli assalti a sfondo razziale che partono dai ghetti (come avvenuto il 2 giugno nel Milanese) L’escalation di risse, pestaggi, accoltellamenti, ragazzini che puntano le pistole contro le forze dell’ordine, ha fatto parlare di “deriva americana” a...

Mercoledì la consegna dei premi “Emily Dickinson”

Mercoledì la consegna dei premi “Emily Dickinson”

Mercoledì 8 Giugno, alle ore 15,30, nellʼincantevole cornice di Castel SantʼElmo, a Napoli,si terrà la manifestazione conclusiva della XXVI edizione del Premio Letterario Internazionale “Emily Dickinson”, fondato e presieduto dalla scrittrice e giornalista Carmela...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te